Carrello
Carrello vuoto



Normative regionali relative al c.d. «Piano casa»: Marche

La L.R. Molise n. 30/2009, recante il Piano casa regionale, pone a carico del Comune l'obbligo di motivare adeguatamente l’eventuale esclusione dall’applicazione dei benefici di zone diverse dal centro storico.

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:IL CODICE DEL PIANO CASA
anno:2018
pagine: 905 in formato A4, equivalenti a 1538 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE MARCHE

Secondo una corretta lettura dell'art. 36 del DPR n. 380 del 2001 e della L.R. n. 22 del 2009, ove un intervento abusivo sia stato realizzato successivamente all'entrata in vigore del "Piano casa" e sia conforme alla disciplina in esso contenuta, la sanatoria, ove richiesta nel periodo di vigenza di quest'ultimo, può essere accordata, salvo che non sussistano diversi motivi ostativi.

OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE MARCHE --> DELIBERA DI ESCLUSIONE

La legge Regione Marche 22/2009 consente ai Comuni di stabilire la totale inapplicabilità della legge per determinate parti di territorio.

E' assolutamente logico che un'ex area artigianale-industriale sottoposta a riconversione edilizia e urbanistica con piano di recupero possa rientrare nella delibera di esclusione dal Piano casa di cui all'art. 9 della l.r. Marche 22/2009, che si presenta ampiamente discrezionale, dato che l'esclusione può avvenire sulla base di specifiche motivazioni dovute alla saturazione edificatoria delle aree o ad altre preminenti valutazioni di carattere urbanistico o paesaggistico o ambientale.

OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...IONE MARCHE --> DEMORICOSTRUZIONE

Ai fini degli interventi di demolizione e ricostruzione nell'ambito dello stesso lotto originario previsti dall'art. 2, co. 1, L.R. Marche 22/2009, la nozione di «lotto originario» non può ritenersi estesa sino a comprendere l'area compresa dall'originaria concessione edilizia che successivamente sia stata frazionata, ma riguarda unicamente quella, se sufficientemente individuata, effettivamente interessata dall'intervento.

OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE MARCHE --> PARCHI

L'art. 4, co. 5, lett. d), L.R. Marche 22/2009 non esclude in assoluto dai benefici del c.d. piano casa gli immobili ricadenti nel territorio di parchi nazionali o regionali, ma li consente solo nei casi in cui la normativa speciale contenuta nel Piano del Parco consenta la possibilità di ampliamenti.

Si deve escludere che l'aumento della volumetria previsto dalla L.R. Marche 22/2009 possa essere automaticamente applicabile agli immobili alberghieri posti nel perimetro di parchi a prescindere dalla specifica disciplina edilizia che la relativa normativa consente nei relativi ambiti.

Le norme della L.R. 22/2009 devono essere applicate nei limiti ed in ... [Omissis - La versione integrale é presente nel prodotto - Omissis] ...grave; della disciplina del piano del parco e dei relativi piani particolareggiati esecutivi.

L'art. 9 L.R. Marche 22/2009 concerne aree diverse da quelle specificamente facenti parte dell'area di un parco naturale, le cui esigenze di tutela sono in re ipsa, in quanto rinvenibili nella stessa istituzione del parco naturale, che è finalizzato alla tutela dei valori protetti dall'art. 9 Cost..

OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE MARCHE --> SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE

L'esonero dal contributo di costruzione previsto dall'art. 6 l.r. 22/009 per interventi di demolizione e ricostruzione che comportino l'accessibilità totale dell'unità immobiliare, ai fini del superamento delle barriere architettoniche, non si estende ampliamenti già previsti da strumenti urbanistici in relazione a considerazioni precipuamente attinenti alla maggiore o minore densità edilizia delle varie zone e delle loro vocazioni e/o alla loro eventuale progressiva conurbazione.


 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI