Carrello
Carrello vuoto



Il contenzioso tributario catastale e il contributo unificato

Il contributo unificato è perciò dovuto nella misura di 120,00 euro per i seguenti provvedimenti: 1) dinieghi di iscrizione all’anagrafe delle ONLUS; 2) provvedimenti di revoca d’ufficio delle partite IVA inattive; 3) impugnazione delle risposte date a seguito di interpello; 4) chiusura temporanea dei locali per mancata emissione dello scontrino fiscale; 5) diniego di autotutela.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Articolo tratto dal sottostante PDF, acquistabile e scaricabile in pochi minuti

Verrai indirizzato al dettaglio del prodotto fra 60 secondi.
titolo:L'ASSISTENZA TECNICA NEL CONTENZIOSO TRIBUTARIO CATASTALE
anno:2016
pagine: 202 in formato A4, equivalenti a 343 pagine in formato libro
formato: pdf  
prezzo:
€ 30,00

  leggi qui come funziona      scarica gratis alcune pagine!!


Per effetto dell'art. 37, comma 6, del DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011 n. 111, anche nel processo tributario è stato introdotto il contributo unificato atti giudiziari, disciplinato dal DPR 30.5.2002 n. 115 (Testo unico delle spese di giustizia), che, di conseguenza, sostituisce l'imposta di bollo.


[...Omissis: versione integrale nel testo...]


Inoltre, ulteriori specificazioni sono state fornite con la Direttiva 14 dicembre 2012, n. 2/DGT del Ministero dell'Economia e delle Finanze -Contributo unificato nel processo tributario - risposte ai quesiti.–

Le nuove disposizioni sul contributo unificato si applicano ai ricorsi notificati dal 7/7/2011, con la conseguenza che, per i ricorsi notificati prima di tale data, continuano ad operare le norme sull'imposta di bollo.

Con l'avvento del contributo unificato, muta radicalmente la tassazione degli atti del contenzioso tributario. Nel sistema dell'imposta di bollo, occorreva, in linea generale, applicare un bollo per ogni atto processuale, dal ricorso sino alla richiesta di copia della sentenza ad uso notifica, mentre nel sistema del contributo unificato occorre pagare detto contributo una sola volta per ciascun grado d... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...

Anche le modalità di pagamento cambiano notevolmente: infatti, il bollo andava applicato nell'originale del ricorso notificato alla controparte e sugli altri atti processuali, mentre il contributo unificato può essere versato, tramite varie modalità, prima della costituzione in giudizio, in modo da poter depositare, unitamente al ricorso e ai documenti allegati, la prova del versamento.

Il controllo in merito al pagamento del contributo unificato è posto in capo ai funzionari delle segreterie delle Commissioni tributarie.

È molto importante rammentare che, con le nuove modalità operative, oltre al versamento del contributo unificato e al deposito della relativa attestazione di versamento, il difensore deve:

  • in calce al ricorso, apporre sempre la dichiarazione di valore della causa;

  • indicare il numero di codice fiscale della parte, il proprio numero di fax e la casella PEC, pena la maggiorazione della metà del contributo.


Tuttavia, ogni irregolarità sul contributo unificato, quindi dall'omesso/insufficiente versamento alla mancata dichiarazione di valore della causa, non comporta alcuna pregiudi... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...uale, ma solo conseguenze sanzionatorie.

In altri termini, all'atto della costituzione in giudizio, la segreteria della Commissione, se ritiene, può invitare il difensore a integrare il contributo unificato, oppure dare il via alla procedura di irrogazione delle sanzioni per l'insufficiente versamento, ma non potrà mai rifiutarsi di ricevere il ricorso, facendo in tal modo decorrere il termine perentorio per la costituzione in giudizio, che, ai sensi dell'art. 22 del DLgs. 546/92, coincide con trenta giorni dalla notifica dello stesso.


[...Omissis: versione integrale nel testo...]


La sussistenza della giurisdizione tributaria è stata affermata dalla giurisprudenza che ha altresì riconosciuto il carattere impugnabile dell'invito notificato dalla segreteria della Commissione tributaria.

Il contributo unificato si versa in base al valore (a scaglioni) della controversia.

Secondo il nuovo comma 6-quater dell'articolo 13 del TUSG, per i ricorsi principale e incidentale, proposti innanzi le Commissioni tributarie, il contributo unificato è dovuto nei seguenti importi:

a) euro 30,00 per controversie di ... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ... a euro 2.582,28;

b) euro 60,00 per controversie di valore superiore a euro 2.582,28 e fino a euro 5.000;

c) euro 120,00 per controversie di valore superiore a euro 5.000 e fino a euro 25.000;

d) euro 250,00 per controversie di valore superiore a euro 25.000 e fino a euro 75.000;

e) euro 500,00 per controversie di valore superiore a euro 75.000 e fino a euro 200.000;

f) euro 1.500,00 per controversie di valore superiore a euro 200.000.


Per le controversie tributarie di valore indeterminabile è dovuto un CU pari a 120,00 euro; si ricorda, infatti, che tale previsione è stata introdotta con le modifiche apportate alla lettera c) del comma 6-quater dell'articolo 13 del TUSG dalla lettera f) del comma 35-bis dell'articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n. 148.

Il contributo unificato è perciò dovuto nella misura di 120,00 euro per i seguenti provvedimenti:

  • dinieghi di iscrizione all'anagrafe delle ONLUS;

  • provvedimenti di revoca d'ufficio delle partite IVA inattive;

  • impugnazione delle risposte date a seguito di int... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...i>
  • chiusura temporanea dei locali per mancata emissione dello scontrino fiscale;

  • diniego di autotutela;

  • dinieghi di definizione delle liti pendenti;

  • materia catastale.


Il contributo è aumentato della metà per i giudizi di impugnazione ed è raddoppiato per i processi dinanzi alla Corte di Cassazione.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento sono previste tre alternative:

  • modello F 23 compilato con le modalità descritte successivamente;

  • apposito bollettino di conto corrente postale intestato alla sezione provinciale di tesoreria dello Stato;

  • contrassegno acquistato presso le rivendite di generi di monopolio e valori bollati (es. tabaccai)


Il contributo unificato deve essere pagato, in particolare, in primo grado e in appello.

Nella figura seguente è riportato un esempio di marca per il pagamento del contributo unificato nel processo tributario.


[...Omissis: versione integrale nel testo...]


Nel procedimento tributario,... [Omissis - La versione integrale è presente nel prodotto - Omissis] ...ma, anche nel sistema del contributo unificato, la necessità di corrispondere i diritti di segreteria per il rilascio di copia degli atti processuali (artt. 267 - 272 del DPR 115/2002).

 
 Il pdf da cui è tratto questo articolo si acquista con pochi click e si scarica subito dopo il pagamento. Per maggiori info clicca qui.


© COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con la citazione della fonte e del link

ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI