Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Opere ed interventi edilizi: impianti di telecomunicazione

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE

La zonizzazione non può escludere la realizzazione di infrastrutture per telecomunicazioni in una determinata porzione del territorio comunale, tranne quando vi siano esigenze di protezione dalle emissioni elettromagnetiche, oppure esigenze di razionalizzazione dei siti e di coubicazione degli impianti.

Gli impianti e le opere accessori occorrenti per la funzionalità di impianti di telecomunicazione hanno carattere di pubblica utilità, sono assimilati alle opere di urbanizzazione primaria, sono suscettibili di essere ubicati in qualsiasi parte del territorio comunale e non sono assoggetti in linea di massima ai limiti di altezza e cubatura delle costruzioni circostanti.

Le istanze di autorizzazione all'installazione di impianti di telecomunicazione si intendono accolte qualora, entro novanta giorni dalla presentazione del proget... _OMISSIS_ ...domanda non sia stato comunicato un provvedimento di diniego o un parere negativo da parte dell'organismo competente ad effettuare i controlli.

Il D. Lgs. n. 259/2003 detta una disciplina di carattere speciale, prevalente sulla disciplina generale di cui al Testo Unico dell’Edilizia con la conseguenza che l’installazione delle stazioni radio base deve reputarsi soggetta al rilascio di un unico titolo abilitativo, così come contemplato e disciplinato dall’art. 87, suscettibile di comprendere tutte le valutazioni, anche di natura urbanistica ed edilizia, proprie del titolo abilitativo edilizio.

La disciplina generale della localizzazione degli impianti di telefonia mobile è riservata allo Stato.

Le Regioni ed i Comuni possono individuare criteri localizzativi degli impianti di telefonia mobile ma non introdurre limitazioni alla localizzazione consistenti in criteri distanziali generici ed ete... _OMISSIS_ .../> Sono illegittimi i regolamenti comunali che circoscrivono gli impianti di telefonia mobile a specifiche aree, appositamente individuate, senza subordinare le relative scelte alla previa e puntuale verifica della coerenza della disciplina pianificatoria con la necessità che venga in concreto assicurata sull'intero territorio comunale l’intera copertura del servizio.

I comuni non possono imporre limiti generalizzati all'installazione degli impianti se tali limiti sono incompatibili con l’interesse pubblico alla copertura di rete del territorio nazionale.

Gli impianti di telefonia mobile sono equiparabili alle opere di urbanizzazione primaria.

L’art. 10 bis della legge n. 241 del 1990 esprime un principio di carattere generale valido anche con riferimento ai procedimenti diretti alla realizzazione degli impianti di telefonia mobile disciplinati dall'art. 87, d.lgs. n. 259 del 2003.
_OMISSIS_ ...cedimento di formazione del silenzio - assenso di cui all'art. 87, comma 9, d.lgs. n. 259 del 2003 deve ricomprendersi anche la valutazione dei profili edilizi ed urbanistici connessi alla realizzazione del progetto, i quali, per esigenze di semplificazione del procedimento, vanno verificati all'interno della fase istruttoria e non al di fuori di essa.

Nel procedimento per l’installazione di una stazione radio base, laddove l'area sia sottoposta ad un vincolo paesaggistico, la presenza del parere della preposta autorità sulla compatibilità paesaggistica si configura come un presupposto di validità dell’autorizzazione e appare necessaria anche ai fini della decorrenza del termine di cui al comma 9 dell’art. 87, d.lgs. n. 259 del 2003, per la formazione del silenzio – assenso.

La realizzazione delle stazioni radio base non deve rispettare i limiti di distanza dalle strade previsti per le ordina... _OMISSIS_ ...izie, trattandosi di opere assimilate alle infrastrutture di urbanizzazione primaria.

L’autorizzazione all'installazione di impianti di telecomunicazione in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico richiede il previo parere dell’autorità preposta alla tutela del vincolo affinché si possa formare il silenzio assenso sull'istanza autorizzatoria.

Nei procedimenti diretti alla realizzazione degli impianti di telefonia mobile l'omissione del preavviso di diniego comporta l'illegittimità del provvedimento conclusivo che risulta essere emesso in violazione dei diritti di partecipazione e difesa del destinatario.

L’assimilazione degli impianti di telefonia mobile alle opere di urbanizzazione primaria determina che gli stessi devono essere localizzati in modo che sia assicurato un servizio capillare, ed osta, a tali fini, la individuazione di altri siti, diversi da quelli non idonei, ... _OMISSIS_ ... ambientali o storico-artistici non è consentita l’installazione.

La circostanza che la riconfigurazione di impianti di comunicazione elettronica sia effettuata da un gestore diverso da quello originariamente autorizzato non incide sulla sostanza dell’intervento di riconfigurazione dell’impianto.

Sul piano urbanistico, trattandosi di opere di urbanizzazione primaria, gli impianti di rete di comunicazione non possono essere relegati in ambiti territoriali determinati, ma, al contrario, possono essere realizzati in ogni parte del territorio comunale, al fine di consentire il miglior raggiungimento della funzione di pubblica utilità che essi perseguono.

Non può affidarsi all’ente pubblico la valutazione di convenienza insediativa o economica di un impianto di telefonia, che evidentemente ricade sul gestore della rete richiedente.

Gli impianti di trasmissione radio t... _OMISSIS_ ...ilabili alle opere di urbanizzazione primaria e sono pertanto compatibili in astratto con ogni tipo di zonizzazione.

L’art. 10 bis della L.n. 241/1990 ha portata generale e trova applicazione anche nei procedimenti diretti alla realizzazione di impianti di telefonia mobile di cui all'art. 87, d. lgs. n. 259 del 2003, fermo restando che la comunicazione delle ragioni ostative interrompe il termine per concludere il procedimento, ovvero per la formazione del silenzio assenso, fino alla presentazione delle osservazioni da parte degli interessati o in mancanza fino alla scadenza dei dieci giorni per l’esercizio del diritto di partecipazione al contraddittorio.

I gestori di impianti di telefonia mobile sono tenuti ad allegare esclusivamente i documenti indicati dal Codice delle Comunicazioni (D.lgs. n. 259 del 2003) ferma restando comunque l’esigenza di fornire un'appropriata dimostrazione della disponibilità de... _OMISSIS_ ...sato dall'intervento.

La valutazione di impatto sulla salute e sull'ambiente incentrata sulla verifica del rispetto dei limiti e distanze stabiliti dalla normativa anche regolamentare in materia di installazione di stazioni radio base, costituisce un elemento imprescindibile per l’autorizzazione all'installazione dell’impianto e va condotta non solo sulla base dei dati forniti dalle società, ma anche mediante accertamento in loco.

L'art. 93 D. Lgs. 259/2003 che prevede che nessun onere finanziario, reale e nessun contributo possa essere imposto per la realizzazione delle opere previste dal Codice delle comunicazioni elettroniche, salve la TOSAP o il COSAP, ha fatto perdere efficacia alle disposizioni regolamentari, emesse dai Comuni sulla base della previgente normativa (art. 238 D.P.R. 156/1973, art. 4 legge 259/1997), e dunque preclude alla P.A. di subordinare il rilascio delle autorizzazioni al pagamento di importi... _OMISSIS_ ...do successivo alla data di entrata in vigore del citato art. 93.

L'insediamento degli impianti di radiotelefonia non può aprioristicamente prescindere dalla realtà di fatto di una rete di telecomunicazione, la quale per sua natura postula una diffusione sul territorio, segnatamente nei casi di telefonia mobile c.d. cellulare, che compensa la debolezza del segnale di antenna con la maggiore contiguità delle singole stazioni radio base.

L'assimilazione in via legislativa delle infrastrutture di reti pubbliche di telecomunicazione alle opere di urbanizzazione primaria implica che queste siano collegate e poste al servizio degli insediamenti abitativi, che sono i luoghi dove maggiormente il servizio è utilizzato.

L'assimilazione, per effetto dell'art. 86, d. lgs. 259/2003, delle infrastrutture di reti pubbliche di telecomunicazione alle opere di urbanizzazione primaria implica che le stesse debbano... _OMISSIS_ ...e poste al servizio dell'insediamento abitativo e non essere dalle stesso avulse.

Le stazioni radio base non necessitano, in difetto di apposita normativa regionale, di valutazione d'impatto ambientale.

L'art. 2, co. 14, d.l. 112/2008 conv. in l. 133/2008 è incostituzionale nella parte in cui non prevede che le Regioni possano opporsi alle installazioni nella loro proprietà di reti e di impianti interrati di comunicazione elettronica in fibra ottica ove ciò avvenga con riguardo ai beni appartenenti al loro patrimonio indisponibile e tale attività possa arrecare concreta turbativa al pubblico servizio che vi si svolge.

Ove alle Regioni sia imposto il passaggio su beni del loro patrimonio indisponibile di reti di telecomunicazione in fibra ottica, esse possono pretendere la corresponsione dell'indennità a norma dell'art. 92 d. lgs. 259/2003.

In tema di installazione di impia... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 5,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo
L'articolo riportato è un brano dimostrativo tratto dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e immediatamente scaricabile con pochi click.
OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO 6201 pagine in formato A4

50,00 €