Titolo edilizio per i soppalchi

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> SOPPALCHI

Il soppalco non si configura quale autonoma categoria edilizia per modo che, quanto al regime edilizio-urbanistico ad esso riferibile, non ci si può che rifare al principio generale per il quale il rilascio del permesso di costruire è necessario in presenza di ogni trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio: in tale situazione l'individuazione del titolo autorizzativo necessario per la realizzazione di un soppalco, ossia di quella superficie praticabile aggiuntiva (rispetto ai piani dell'edificio) ottenuta attraverso l'interposizione di uno o più solai orizzontali in uno spazio chiuso, è questione che non può risolversi una tantum e in astratto, ma va concretamente valutata, caso... _OMISSIS_ ...eve ritenersi sufficiente una d.i.a. nel caso in cui il soppalco sia di modeste dimensione al servizio della preesistente unità immobiliare, mentre, viceversa, deve ritenersi necessario il permesso di costruire quando il soppalco sia di dimensioni non modeste e comporti una sostanziale ristrutturazione dell’immobile preesistente, ai sensi dell’art. 3 comma 1 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, comportando un incremento delle superfici dell’immobile e quindi anche un ulteriore possibile carico urbanistico. I soppalchi sono sottratti al regime del permesso di costruire, in quanto qualificabili come interventi di restauro o risanamento conservativo, solo ove siano di modeste dimensioni e non siano idonei a creare un ambiente abitativo, ad esempio, deposito, ripos... _OMISSIS_ ...ppalchi possono ritenersi sottratti al regime del permesso di costruire, ove qualificabili come interventi di restauro o risanamento conservativo, solo qualora siano di modeste dimensioni e non siano idonei a creare un ambiente abitativo. Il soppalco che comporta inequivocabilmente l’aumento della superficie utile, tenuto conto sia della superficie complessiva che dell’altezza massima, dal colmo al piano di calpestio del soppalco stesso, e, conseguentemente del carico urbanistico, rientra tra quelli che l'art.10, comma 1, lett. c, d.p.r. n. 380/2001, indica quali interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, subordinati a permesso di costruire. I soppalchi possono ritenersi sottratti al regime del permesso di costruire, in quanto qual... _OMISSIS_ ...interventi di restauro o risanamento conservativo, solo qualora siano di modeste dimensioni e non siano idonei a creare un ambiente abitativo (es. uso deposito, sbratto o ripostiglio. Per la realizzazione di un soppalco che, creando nuovi spazi, modifichi la volumetria complessiva dell'immobile, con aggravio del carico urbanistico, occorre il permesso di costruire. Deve ritenersi sufficiente una d.i.a. nel caso in cui il soppalco sia di modeste dimensioni e al servizio della preesistente unità immobiliare; servirà, per converso, il permesso di costruire ove il soppalco determini un incremento delle superfici dell'immobile e, quindi, un ulteriore possibile carico urbanistico. I soppalchi, comportando aumento della superficie utile, necessitano di permesso di costruir... _OMISSIS_ ...zazione di un soppalco comporta un incremento della superficie utile, e, pertanto, ancorché si tratti di opera interna, esorbita senza dubbio dalla sfera applicativa dell'art. 26 legge 47/1985 e necessita di titolo edilizio. La realizzazione di un soppalco non può essere inquadrata nella categoria del restauro e del risanamento conservativo perché quest’ultimo presuppone la realizzazione di opere che lascino inalterata la struttura dell’edificio e la distribuzione interna della sua superficie. Il soppalco non può inquadrarsi come opera interna non soggetta a titolo autorizzatorio e ciò per il realizzato e riscontrato aumento della superficie calpestabile e la creazione di nuovi spazi autonomi, inquadrabili tra ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 8841 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo