Titolo edilizio per manufatti precari

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> MANUFATTO PRECARIO

La volontà del soggetto interessato circa la precarietà del manufatto e della sua destinazione non rileva ai fini della abusiva realizzazione dello stesso, posto che anche le strutture provvisorie, soprattutto se di grandi dimensioni, necessitano di un idoneo titolo autorizzatorio.

La precarietà delle opere va sempre valutata in considerazione del profilo funzionale, ossia della loro effettiva destinazione a esigenze temporanee, e non invece sulla base della più o meno agevole possibilità di rimuovere quanto realizzato.

Il rilascio della concessione edilizia è richiesto, non solo per i manufatti tradizionalmente compresi nelle attività murarie, ma anch... _OMISSIS_ ...con le quali si intervenga sul suolo o nel suolo, senza che abbia rilevanza giuridica il mezzo tecnico con cui sia stata assicurata la stabilità del manufatto, che può essere infisso o anche appoggiato al suolo, in quanto la stabilità non va confusa con l’irremovibilità della struttura o con la perpetuità della funzione ad essa assegnata, ma si estrinseca nell’oggettiva destinazione dell’opera a soddisfare bisogni non provvisori, ossia nell’attitudine ad una utilizzazione che non abbia il carattere della precarietà, cioè non sia temporanea e contingente.

Per valutare se un manufatto precario sia diretto a soddisfare esigenze non meramente temporanee, ai sensi dell' art. 3, comma 1, lett. e) del D.P.R. n. 380 del 2001, hanno significativ... _OMISSIS_ ...anto alle caratteristiche dei materiali utilizzati o le modalità di ancoraggio al suolo quanto piuttosto le esigenze di natura stabile o temporanea che le opere o i manufatti siano destinati a soddisfare, ossia in altri termini l'elemento di tipo funzionale connesso al carattere di utilizzo degli stessi.

In materia edilizia, al fine di ritenere sottratta al preventivo rilascio del permesso di costruire la realizzazione di un manufatto, l'asserita precarietà dello stesso non può essere desunta dal suo carattere stagionale, ma deve ricollegarsi - a mente di quanto previsto dal D.P.R. n. 380 del 2001, art. 6, comma 6, lett. b), come emendato dal D.L. 25 marzo 2010, n. 40, art. 5, comma 1, (convertito, con modificazioni, nella L. n. 73 del 2010) - alla circostanza... _OMISSIS_ ...a intrinsecamente destinata a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee, e ad essere immediatamente rimossa al venir meno di tale funzione.

Il D.P.R. n. 380 del 2001, art. 6, comma 2, lett. b) prevede che possono essere installate, senza alcun titolo abilitativo ma previa comunicazione dell'inizio dei lavori all'Amministrazione comunale, le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni. Non implica precarietà dell'opera, però, il carattere stagionale di essa, potendo essere la stessa destinata a soddisfare bisogni non provvisori attraverso la permanenza nel tempo della sua funzione.

La o... _OMISSIS_ ...azione dell'opera a soddisfare bisogni non provvisori e la sua conseguente attitudine ad una utilizzazione non temporanea, né contingente, è criterio da sempre utilizzato per distinguere l'opera assoggettabile a permesso di costruire da quella realizzabile liberamente, a prescindere dall'incorporamento al suolo o dai materiali utilizzati.

Ai fini dell’esenzione dalla concessione edilizia, il carattere precario di una costruzione urbanisticamente rilevante non va desunto dalla eventualmente facile e rapida rimovibilità dell’opera, ovvero dal tipo più o meno fisso del suo ancoraggio al suolo, bensì dalla sua risalenza nel tempo e dalla sua obiettiva destinazione a soddisfare esigenze durevoli.

L’art. 3 comma 1 lett. e.1) d... _OMISSIS_ ...0/2001 sottopone al titolo abilitativo la realizzazione di opere precarie di tipo non strutturale, avendo rilevanza la sola connotazione “funzionale”, intesa come destinazione ad esigenze non temporanee.

In ambito edilizio la caratteristica precaria di un manufatto, rilevante al fine di escludere la necessità di un permesso di costruire, non dipende dai materiali utilizzati o dal suo sistema di ancoraggio al suolo, bensì dalla sua destinazione ad un uso non prolungato nel tempo.

Ai fini della valutazione della precarietà di un fabbricato non rileva la oggettiva consistenza del medesimo ma la sua destinazione funzionale con la conseguenza che detta precarietà deve essere esclusa qualora si tratti di manufatti destinati ad utili... _OMISSIS_ ...CRLF|
Ogni intervento che alteri in maniera rilevante e duratura lo stato del territorio determina trasformazione urbanistica a nulla rilevando l'eventuale precarietà strutturale (e l'amovibilità), ove ad essa non si accompagni un uso assolutamente temporaneo e per fini contingenti e specifici.

E' legittima l'ordinanza di demolizione di opere che, pur difettando del requisito dell'immobilizzazione rispetto al suolo (cd. case mobili), consistano in una struttura destinata a dare un'utilità prolungata nel tempo, dovendo in tal caso escludersi la precarietà del manufatto, che ne giustificherebbe il non assoggettamento a concessione edilizia, posto che la stessa non dipende dai materiali utilizzati o dal suo sistema di ancoraggio al suolo, bensì da... _OMISSIS_ ... il manufatto è destinato e va quindi valutata alla luce della obiettiva ed intrinseca destinazione naturale dell'opera, a nulla rilevando la temporanea destinazione data alla stessa dai proprietari.

Le opere pertinenziali o precarie realizzate senza alcuna autorizzazione paesistica in zona sottoposta a vincolo sono oggetto di sanzione demolitoria.

I manufatti non precari, ma funzionali a soddisfare esigenze stabili nel tempo, vanno considerati come idonei ad alterare lo stato dei luoghi, a nulla rilevando la precarietà strutturale del manufatto, la potenziale rimovibilità della struttura e l'assenza di opere murarie.

La precarietà dell'opera, che esonera dall'obbligo del possesso del permesso di costruire, ai sensi dell'art. 3, c... _OMISSIS_ ....5), d.P.R. n. 380 del 2001, postula un uso specifico e temporalmente delimitato del bene e non ammette che lo stesso possa essere finalizzato al soddisfacimento di esigenze permanenti nel tempo.

Con riguardo alla necessità o meno di munirsi di titolo abilitativo ai fini dell’art. 3, comma 1, lett. e) del d.p.r. n. 380/2001 va attribuitoasignificativa valenza non tanto alle caratteristiche dei materiali utilizzati o alle modalità di ancoraggio al suolo quanto piuttosto alle esigenze di natura stabile o temporanea che le opere o i manufatti siano destinati a soddisfare, ossia in altri termini riguardo all’elemento di tipo funzionale connesso al carattere di utilizzo degli stessi.

La necessità del titolo edilizio riguarda tutte le stru... _OMISSIS_ ...estinate alla attività stagionale che, seppure non infisse al suolo, ma solo aderenti in modo stabile, sono destinate ad una utilizzazione perdurante nel tempo, anche se intervallate da pause stagionali.

È necessario un titolo edilizio per la realizzazione di tutti quei manufatti che, anche se non necessariamente infissi nel suolo e pur semplicemente aderenti a questo, alterino lo stato dei luoghi in modo stabile, non irrilevante e non meramente occasionale, dove comportino l'esecuzione di lav...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 42384 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo