Oneri e contributi nei vari tipi di interventi edilizi: casistica

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA

La realizzazione di locali accessori nel sottotetto di un edificio non determina un incremento del carico urbanistico, sicché non può essere pretesa dal Comune la componente del contributo di costruzione relativa agli oneri di urbanizzazione.

In linea di principio non ogni trasformazione del territorio, pur se rilevante sotto il profilo dell’assoggettamento alla normativa urbanistica ed edilizia, comporta per ciò solo la corresponsione del contributo relativo al costo di costruzione, che il D.P.R. 380/2001 prevede per i nuovi «edifici» o per gli interventi su «edifici» esistenti (art. 16, co. 9 e 10), o per costruzioni o impianti a desti... _OMISSIS_ ...idenziale (art. 19).

La localizzazione di una costruzione nel territorio comunale ha rilevanza, ai fini della determinazione del contributo di concessione, solo perché la stessa fa scattare l'uno o l'altro parametro relativo alle diverse zone territoriali omogenee, che prevedono una diversa quantificazione di tale contributo a seconda che si tratti di zone di completamento o di zone di espansione assoggettate a previo strumento attuativo.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> AEROPORTI

L’intervento edilizio comportante la realizzazione di un capannone-hangar con annessi uffici amministrativi, alloggi di servizio e officina per la gestione del parco aeromobili aziendali della s... _OMISSIS_ ...rice, per la sua natura intrinseca, comporta un’indubbia incidenza sul carico urbanistico del territorio, sicché sotto il profilo in esame gli oneri di urbanizzazione sono senz’altro dovuti.

Si deve escludere la natura di opera pubblica o di interesse generale delle opere aeroportuali per le quali non sia provata la dichiarazione di pubblico interesse ai sensi dell'art. 696 cod. nav.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> ATTIVITÀ RICETTIVE

La costruzione destinata ad ospitare un'attività turistico-ricettiva localizzata in deroga in zona agricola è assoggettata ai contributi concessori previsti per gli edifici destinati ad alberghi, senza che abbia alcun rilievo la destin... _OMISSIS_ ... della z.t.o. in cui è realizzata.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> EDIFICI COMMERCIALI

Il beneficio dell'esonero dalla corresponsione del contributo concessorio afferente ai costi di costruzione ed urbanizzazione, previsto per gli immobili nei quali si svolge attività industriale dall'art. 19 t.u. dell'edilizia, approvato con d.P.R. 6 giugno 2001 n 380, concerne strettamente i fabbricati complementari ed asserviti alle esigenze proprie di un impianto industriale e non già quegli edifici che non sono di per sé destinati alla produzione di beni industriali, ovvero le opere edilizie comunque suscettibili di essere utilizzate al servizio di qualsiasi attività economica; è pertanto da escludere l... _OMISSIS_ ...del trattamento contributivo di favore a magazzini per deposito e commercio, ove non siano collegati ad altro stabile adibito all'attività produttiva.

L'art. 10, comma 2, della L. n. 10/77, espressamente prevede il pagamento dei contributi concessori per gli edifici destinati all’attività commerciale.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> EDILIZIA ABITATIVA CONVENZIONATA

L'obbligo di contenere i prezzi di cessione di immobili, costruiti sulla base di concessione edilizia rilasciata a contributo ridotto, nei limiti della convenzione-tipo approvata dalla Regione ai sensi dell'art. 7 legge 10/1977 grava soltanto sul costruttore titolare della concessione o su colui che è in quest... _OMISSIS_ ...a non sull'acquirente dell'immobile che intenda, a sua volta, rivenderlo.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> FRAZIONAMENTO EDILIZIO

La divisione ed il frazionamento di un immobile in due unità, autonomamente utilizzabili e con distinti ingressi e servizi, costituisce ristrutturazione edilizia che, comportando mutamento di destinazione d'uso e comunque un evidente maggiore carico urbanistico, giustifica il pagamento degli oneri di urbanizzazione.

La divisione ed il frazionamento di un'unità immobiliare in due o più unità è intervento edilizio oneroso, in quanto comporta un aumento del carico urbanistico.

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> OPERE ED INTE... _OMISSIS_ ...CA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE

È illegittima la norma regolamentare comunale che subordina il rilascio del titolo edilizio per l'installazione di un impianto di radiotelefonia al versamento di un canone annuo, in assenza di qualsivoglia legame con l'incidenza dell'opera sui costi di urbanizzazione e costruzione e di una previsione legislativa che consenta tale imposizione.

L'art. 93 d. lgs. 259/1993 ha fatto perdere efficacia alle disposizioni regolamentari, emesse dai comuni con riferimento alle opere di escavazione nella sede stradale, sulla base della previgente normativa (art. 238 D.P.R. 156/1973 E ART. 4 legge 249/1997 ) e dunque preclude all'Amministrazione di subordinare il rilascio delle autorizzazioni al pagamento di importi ri... _OMISSIS_ ...iodo successivo alla data di entrata in vigore del citato art. 93.

L'art. 93, co. 2, d. lgs. 259/1993 ha precluso che il rilascio dell'autorizzazione e la gestione dell'impianto di telefonia siano subordinati al pagamento di importi ulteriori rispetto a quelli ivi espressamente previsti (poiché non può essere determinata ex ante alcuna spesa per il ripristino a regola d'arte), ma non preclude che la P.A."ex post" chieda al gestore il pagamento dell'importo che abbia effettivamente speso per il ripristino, che il medesimo gestore abbia omesso di realizzare.

È illegittimo un regolamento comunale che imponesse agli operatori di comunicazione oneri economici non collegati ad una quantificazione effettiva dei costi delle opere di sistemazio... _OMISSIS_ ...ino delle aree coinvolte dagli interventi di installazione e manutenzione delle infrastrutture di telecomunicazione.

L'art. 93 d. lgs. 259/2003 è espressione di un principio fondamentale della materia dell’ordinamento delle comunicazioni, in quanto persegue la finalità di garantire a tutti gli operatori un trattamento uniforme e non discriminatorio, attraverso la previsione del divieto di porre a carico degli stessi oneri o canoni: la finalità della norma è quella di "tutela della concorrenza", sub specie di garanzia di parità di trattamento e di misure volte a non ostacolare l’ingresso di nuovi soggetti nel settore.

È costituzionalmente illegittima la norma regionale che pone a carico del soggetto che richiede l'autorizzaz... _OMISSIS_ ...allazione di stazioni radio-base gli oneri relativi allo svolgimento dei controlli effettuati dell'A.R.P.A. al fine del rilascio delle autorizzazioni e nell'esercizio delle sue funzioni di vigilanza e controllo.

Il divieto di imporre oneri e canoni per l'impianto di reti e per l'esercizio dei servizi di comunicazione elettronica di cui all'art. 93 d. lgs. 259/2003 vale tanto per gli obblighi pecuniari imposti in occasione del rilascio dell’autorizzazione quanto per quelli previsti per interventi di vigilanza e di controllo che si renda...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 25344 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo