La «rimessione in pristino» ovvero l'adeguamento della situazione di fatto a quella di diritto

PATOLOGIA --> RESTITUTIO IN INTEGRUM --> RIMESSIONE IN PRISTINO

In assenza di un provvedimento per l’acquisizione ai sensi dell’art. 42 bis, d.p.r. 327/2001 o di un contratto di compravendita, il soggetto espropriante è obbligato a restituire i fondi illegittimamente occupati, previa remissione in pristino con distruzione dell’opera realizzata, a semplice richiesta dei proprietari.

Nell’ipotesi in cui alla dichiarazione di pubblica utilità non abbia fatto seguito l’emanazione di un tempestivo decreto di esproprio, in base all’attuale quadro normativo l’Amministrazione ha l’obbligo giuridico di far venir meno l’occupazione sine titulo e di adeguare la situazione di fatto a quella di diri... _OMISSIS_ ...squo;immobile al legittimo titolare dopo aver demolito quanto ivi realizzato, atteso che la realizzazione dell’opera pubblica sul fondo illegittimamente occupato costituisce un mero fatto, non in grado di assurgere a titolo dell’acquisto e come tale inidoneo a determinare il trasferimento della proprietà.

Nell'attuale quadro normativo l'Amministrazione ha l'obbligo giuridico di far venir meno l'occupazione "sine titulo" e di adeguare la situazione di fatto a quella di diritto, restituendo gli immobili ai titolari e demolendo quanto realizzato.

L’irreversibile trasformazione non implica l’acquisizione del bene al patrimonio dell’amministrazione il che esclude l’esistenza di una pretesa presuppone... _OMISSIS_ ...della proprietà privata; il proprietario ha diritto alla restituzione del bene occupato ed alla riduzione in pristino stato.

Dell'area occupata illegittimamente dalla P.A. (nel caso di specie) con un impianto sportivo, a seguito della mancata conclusione del procedimento, va disposta la restituzione. Resta impregiudicata tra le parti la sorte degli impianti sportivi insistenti sul lotto, dovendosi avere riguardo in tal caso alla regola di cui all’art 936 del cod.civ.: pertanto, a scelta del proprietario, la P.A. dovrà rimuovere le opere realizzate, oppure il proprietario stesso potrà ritenerle corrispondendone, a sua scelta, il valore dei materiali ed il prezzo della manodopera oppure l’aumento di valore del fondo.

Qualora non sia st... _OMISSIS_ ...cun provvedimento di espropriazione in sanatoria ai sensi dell’art. 42 bis d.p.r. n. 327/2001, deve essere disposta la restituzione del terreno occupato illegittimamente; deve viceversa escludersi la rimozione delle opere nel frattempo realizzate dall'Amministrazione qualora espressamente sia richiesto dall’interessato il mantenimento delle stesse.

A seguito dell’annullamento della procedura espropriativa, la restituzione delle aree deve essere posta in essere considerando lo stesso stato in cui essi si trovavano al momento dell'apprensione, essendo (l’Amministrazione), tenuta a porre in essere tutti gli adempimenti necessari ad assicurare l'effettiva ed integrale restitutio in integrum del possesso in capo ai proprietari del suolo.
... _OMISSIS_ ...venir meno (nel caso di specie a seguito della risoluzione di accordo ex art.11 della L. 241/90), del titolo giuridico fondante sia il possesso sia, ancora, il semplice utilizzo delle aree private, l'Amministrazione non può disinteressarsi dello stato in cui si trovano i terreni che ha occupato, essendo tenuta a porre in essere tutti gli adempimenti necessari ad assicurare l'effettiva e integrale restitutio in integrum della posizione giuridica in capo ai proprietari del suolo.

L’annullamento di atti inerenti la procedura di espropriazione per pubblica utilità comporta, quale effetto ripristinatorio del giudicato in termini di adeguamento dello stato di fatto a quello di diritto, la restituzione del bene oggetto di ablazione previa riduzione in pristino ... _OMISSIS_ ...obbligo di risarcire il danno da illegittimo spossessamento.

Nel caso in cui l’amministrazione non abbia mai emanato un provvedimento di espropriazione e l’originaria legittima occupazione del bene (riveniente da un provvedimento di occupazione) sia venuta poi meno in conseguenza della scadenza del termine di efficacia dello stesso e della dichiarazione di pubblica utilità, si è di fronte ad un bene di proprietà privata detenuto sine titulo dall’ente pubblico; ne consegue l'obbligo di restituzione del bene oggetto di ablazione previa riduzione in pristino.

All'annullamento degli atti di approvazione del progetto, comportante dichiarazione di pubblica utilità, (e, in via derivata, dei conseguenziali atti della procedura ablatori... _OMISSIS_ ...invengono univoco antecedente logico-giuridico), accede la declaratoria dell’obbligo, in capo all’Amministrazione, di provvedere alla restituzione al ricorrente dell’area interessata dalla realizzazione dell’opera (nel caso di specie condotta fognaria), previa rimessione in pristino dell’area stessa compatibilmente, ovviamente, con l’intervento posto in essere.

In ipotesi di occupazione senza titolo di area privata per omessa conclusione del procedimento, nulla è dovuto in relazione alla perdita del diritto di proprietà, non potendosi il proprietario dirsi essere stato spogliato del suo diritto. Per ciò che concerne l’eventuale perdita di valore del bene, la condanna al ripristino dell’area alle condizioni origin... _OMISSIS_ ...e risarcimento in forma specifica.

In ipotesi di restituzione del bene illegittimamente occupato, l’Amministrazione è tenuta alla rimessione in pristino stato dei luoghi.

In ipotesi di occupazione illegittima l’Amministrazione è tenuta a risarcire il danno facendo cessare la situazione di permanente, illegittima occupazione (recte: sottrazione) anzitutto in forma specifica, provvedendo alla restituzione al legittimo proprietario dei terreni utilizzati per la realizzazione dell’opera pubblica opportunamente rimessi in pristino (e, naturalmente, corrispondendo l’indennizzo per il periodo di abusiva occupazione).

Per effetto dell’annullamento degli atti impugnati, la pretesa restituzione del fondo occupa... _OMISSIS_ ...le rimozione delle opere medio tempore realizzate dall’Amministrazione resistente, si appalesa legittima in quanto l’Amministrazione, versando nella situazione di occupante sine titulo del fondo espropriato, è tenuta - dopo l’annullamento dell’art. 43 del dpr. n. 327/2001 deciso dalla Corte Costituzionale (sent. n. 283/2010) - alla restituzione del bene nella condizione nel quale lo stesso si trovava al momento dell’avvenuta illegittima occupazione.

L’annullamento di atti inerenti la procedura di espropriazione per pubblica utilità comporta, quale effetto ripristinatorio del giudicato in termini di adeguamento dello stato di fatto a quello di diritto, la restituzione del bene oggetto di ablazione previa riduzione in pristino... _OMISSIS_ ...o;obbligo di risarcire il danno da illegittimo spossessamento.

In caso di mancato acquisto dell'area occupata da parte dell'ente pubblico, si è in presenza di un'occupazione senza titolo, ossia di un illecito permanente, che consente in ogni momento al privato di chiedere, anche in via giudiziale, la restituzione del fondo e la riduzione in pristino di quanto ivi realizzato.

In ipotesi di occupazione “sine titulo”, l’Amministrazione deve risarcire il danno facendo cessare la situazione di permanente, illegittima occupazione (recte: sottrazione) anzitutto in forma specifica, provvedendo alla ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 25119 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo