I vizi dell'azione amministrativa: il decreto di esproprio tardivo

PATOLOGIA --> DECRETO DI ESPROPRIO --> TARDIVO

Il decreto di esproprio, ove emesso dopo la scadenza del termine finale per il completamento della procedura espropriativa, deve essere dichiarato tardivo e “tamquam non esset”.

Rispetto al diritto reale vantato dal proprietario, nel caso in cui il decreto di esproprio sia mancante o tardivo perché emesso dopo la scadenza di una valida dichiarazione di pubblica utilità, si è in presenza di un potere validamente sorto ma, in relazione alla sua struttura essenzialmente di durata, colpito da nullità sopravvenuta che va a sanzionare ex nunc una disfunzione dell'andamento amministrativo per il suo cattivo esercizio, non essendo stati rispettati i termini e operando dunque l’ineffi... _OMISSIS_ ...etti futuri o meglio sulla operatività dei suoi presupposti - vincolo urbanistico e/o dichiarazione di p.u.

Il provvedimento di esproprio emesso oltre i termini previsti per la conclusione della procedura espropriativa risulta inutiliter datum ed è del tutto estraneo all’eziogenesi del danno subito dal soggetto che ha sofferto l’occupazione illegittima, con la conseguenza che avverso tale atto non deve proporsi impugnazione in ragione della sua inidoneità a modificare in via autoritativa l’assetto proprietario.

L’attività svolta successivamente alla scadenza del termine indicato nella dichiarazione di pubblica utilità risulta eseguita sine titulo, svincolata com’è dalla natura pubblica (rectius, non più fondata sull... _OMISSIS_ ...razione di pubblica utilità”) degli interventi disposti. Non è, pertanto, revocabile in dubbio, che il decreto di esproprio intervenuto successivamente sia illegittimo.

La mancata adozione da parte dell’Amministrazione di un provvedimento di esproprio ha come conseguenza che l’originaria pubblica utilità è certamente scaduta, ragion per cui il potere ablatorio, validamente sorto, è stato colpito da un’inefficacia sopravvenuta che sanziona ex nunc un vizio dell’iter procedimentale, integrandosi una fattispecie di cattivo esercizio del potere.

La giurisprudenza civile e amministrativa ha sempre considerato illegittimo il decreto di esproprio adottato dopo la scadenza del termine finale della procedura espropriativa.
... _OMISSIS_ ...l provvedimento di esproprio emesso oltre i termini previsti per la conclusione della procedura espropriativa risulta inutiliter datum e del tutto estraneo all’eziogenesi del danno subito dal soggetto che ha sofferto l’occupazione illegittima, con la conseguenza che avverso tale atto non deve proporsi impugnazione in ragione della sua inidoneità a modificare in via autoritativa l’assetto proprietario.

Deve essere dichiarata l’illegittimità del decreto di espropriazione emanato quando era ormai da tempo è scaduto il termine previsto per il compimento del procedimento ablatorio.

L’inutile decorso dei termini fissati dall’Amministrazione per l’avvio e per la conclusione delle procedure espropriative determi... _OMISSIS_ ...ficacia della originaria dichiarazione di pubblica utilità, con conseguente illegittimità del decreto di espropriazione.

Il provvedimento di esproprio è tardivo è inidoneo a modificare in via autoritativa l’assetto proprietario.

Gli atti espropriativi adottati al fine di stabilizzare gli effetti dell’occupazione d’urgenza non possono ritenersi intervenuti “inutiliter” in un contesto dominicale di sopravvenuta titolarità pubblica, visto che l’ultimazione dell’opera in sé, senza il sopraggiungere del provvedimento acquisitivo, non influisce sull’originaria proprietà privata dei beni incisi.

Sono illegittimi i decreti di esproprio adottati dopo la scadenza del termine massimo di durata ... _OMISSIS_ ... ablatoria, con una dichiarazione di pubblica utilità ormai priva di efficacia.

Deve essere dichiarato tardivo e “tamquam non esset”, il decreto di esproprio emesso oltre il termine di cinque anni dalla data di immissione nel possesso ed il termine finale per il completamento della procedura espropriativa.

E' illegittimo il decreto di espropriazione emesso dopo la scadenza del termine di conclusione della procedura espropriativa.

E' illegittimo il provvedimento di espropriazione emanato dopo lo scadere dei termini previsti dalla dichiarazione di pubblica utilità dell’opera.

Il decreto di esproprio, anche se emesso fuori termine, deve essere tempestivamente impugnato siccome illegittimo, per cui, es... _OMISSIS_ ... da un vizio di legittimità non tempestivamente dedotto, è esclusa la disapplicazione dell’atto ai fini risarcitori-restitutori, posto che il divieto di disapplicazione deriva direttamente dal principio di inoppugnabilità.

Diversamente dal giudice ordinario, nella giurisprudenza amministrativa si è consolidato l’orientamento per cui, in caso di sopravvenuta inefficacia della dichiarazione di pubblica utilità, ovvero di sua caducazione in sede giurisdizionale, non si verifica una fattispecie di carenza di potere, bensì di cattivo uso del potere. L’adesione a tale impostazione implica che il decreto di espropriazione emanato oltre i termini posti dalla dichiarazione di pubblica utilità deve essere considerato non già nullo, ma illegittim... _OMISSIS_ ...nte necessità di impugnazione entro i termini di decadenza.

La procedura di espropriazione deve essere attuata entro limiti di tempo precisi, al fine di non mantenere assoggettato a vincolo l’immobile per un periodo eccessivamente lungo. Si presuppone che il trascorrere del tempo senza che l’autorità espropriante provveda ad acquisire il fondo e a realizzarvi i lavori (per la cui ultimazione è pure previsto un termine), sia indice della circostanza che è venuto meno l’interesse pubblico alle opere. Il decreto dirigenziale definitivo di espropriazione, pertanto, qualora emanato in (sia pur lieve) ritardo, deve essere annullato.

Il decreto dirigenziale definitivo di espropriazione, qualora emanato in (sia pur lieve) ritardo, deve... _OMISSIS_ ...to. Al riguardo risulta irrilevante, a tal fine, stabilire se la normativa applicabile alla fattispecie sia quella di cui al d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, o quella previgente poiché le conclusioni non muterebbero.

Il decreto di esproprio emesso tardivamente deve considerarsi “tamquam non esset”, o “inutiliter datum”.

Un decreto d’esproprio adottato in violazione della norma che impone il rispetto del termine finale delle espropriazioni, è illegittimo e non anche nullo e, quindi, non può essere censurato dopo che lo stesso si è consolidato per effetto della mancata, tempestiva, impugnazione.

Deve ritenersi illegittimo il decreto di esproprio, in ragione della sua adozione dopo la scadenza dei termini a... _OMISSIS_ ...issati dalla dichiarazione di pubblica utilità.

E’ illegittimo, e quindi va annullato, il provvedimento espropriativo emanato una volta scaduti i termini per la conclusione del procedimento, per violazione dell’articolo 13 della legge 25 giugno 1865 n. 2359, sostanzialmente riprodotto nell’articolo 13 DPR 327/2001.

L'irreversibile trasformazione del fondo, prodottasi per effetto della realizzazione dell'opera pubblica cui era funzionale l'a...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 24620 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo