Affidamento della concessione d'uso di beni demaniali: atti e procedure

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO

L’esito negativo di un’istanza volta al rilascio di una concessione demaniale non può dipendere dalla mancata approvazione di una disciplina imputabile all'inerzia della pubblica amministrazione.

La scelta dell’amministrazione di riassegnare una concessione demaniale attraverso una procedura di gara è conforme a quanto previsto dall'art. 30, comma 3, del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 nonché dai principi comunitari di trasparenza, parità di trattamento e non discriminazione fra operatori economici, che si impongono in presenza di assegnazione di un bene pubblico, suscettibile di sfruttamento economico.

Poiché la concessione de... _OMISSIS_ ...i è prevista dall’ordinamento, il suo rilascio, in termini rigorosamente giuridici, non può essere sempre considerato un atto che contrasti con il pubblico interesse.

Il procedimento concessorio si deve concludere con una concessione espressa.

I principi di evidenza pubblica si applicano anche alle concessioni di beni pubblici, giacché esse forniscono un'occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato, tale da imporre una procedura competitiva ispirata ai ricordati principi di trasparenza e non discriminazione.

La procedura avente ad oggetto l'alienazione e la concessione di beni pubblici è sottratta alla diretta applicazione dele norme del D. Lgs. 163/2006, ma rimane comunque sottoposta ai principi di non discriminazi... _OMISSIS_ ...trattamento, trasparenza, proporzionalità oltre alle norme sulle procedura di evidenza di cui al R.D. 827/1924.

L'amministrazione è tenuta a privilegiare anche in materia di concessioni demaniali l'applicazione dei principi – di derivazione comunitaria e costantemente applicati dalla Corte di giustizia europea – di concorrenza, parità di trattamento, trasparenza, non discriminazione, mutuo riconoscimento e proporzionalità.

La scelta di un soggetto concessionario da parte della P.A. avviene a seguito di una valutazione sulla sua idoneità (morale ed economica) ad utilizzare i beni dell’amministrazione o a svolgere adeguatamente tutti i compiti e le funzioni oggetto della concessione.

È illegittimo l'ordine di rilas... _OMISSIS_ ...ei beni rivolto al concessionario a seguito dell'annullamento in autotutela della procedura di affidamento.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> AMPLIAMENTO DI CONCESSIONE PREESISTENTE

E' illegittimo il diniego di ampliamento di una concessione demaniale marittima motivato in relazione al rischio di invadere un fondale marino protetto qualora l'interessato abbia dimostrato che il fondale protetto non è interessato dal progettato ampliamento e l'Amministrazione non abbia smentito tali rilievi tecnici.

La clausola contrattuale che consente un affidamento diretto al concessionario di nuove strutture eventualmente realizzate dall'ente concedente a proprie spese si atteggia com... _OMISSIS_ ...isposizioni del Trattato e dei principi comunitari, prevedendo un affidamento diretto senza gara, o comunque in assenza di alcuna forma di pubblicità e dunque di concorrenza, deve essere interpretata in senso rigoroso e restrittivo.

Nell'ambito della gara per la concessione di aree portuali, la possibilità di affidare aree in estensione ad altra concessionaria limitrofa è consentita nella misura in cui non si deroghi alla regola del confronto concorrenziale ed alla necessità di possesso dei necessari requisiti.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> APPALTI, APPLICAZIONE ANALOGICA

In difetto di puntuali e specifici auto-vincoli, le procedure preordinate al rilascio di provve... _OMISSIS_ ...essione di beni pubblici sono assoggettate solamente ai principi generali previsti per gli appalti pubblici, ai sensi dell’art. 30 del d.lgs. n. 163/2006.

Alle concessioni di beni pubblici di rilevanza economica (e, tra queste, specificamente ricomprese le concessioni demaniali marittime), poiché idonee a fornire una situazione di guadagno a soggetti operanti nel libero mercato, devono applicarsi i principi discendenti dall’art. 81 del Trattato UE e dalle Direttive comunitarie in materia di appalti, quali quelli della loro necessaria attribuzione mediante procedure concorsuali, trasparenti, non discriminatorie, nonché tali da assicurare la parità di trattamento ai partecipanti.

In una gara finalizzata alla concessione di un bene dema... _OMISSIS_ ...sibile applicare alla stessa, analogicamente, le disposizioni di cui al Codice dei contratti pubblici relative all’anomalia delle offerte.

I principi comunitari in materia di libera circolazione dei servizi, par condicio e imparzialità governano anche le materie diverse dagli appalti, sempreché si tratti di attività suscettibili di apprezzamento in termini economici: pertanto, si applicano alle concessioni di beni pubblici, poiché la sottoposizione alle regole dell’evidenza trova il suo presupposto sufficiente nella circostanza che con la concessione di un’area demaniale si fornisce un’occasione di guadagno o di ampliamento della sfera giuridica a soggetti operanti sul mercato, tale da imporre una procedura competitiva ispirata agli enu... _OMISSIS_ ... di trasparenza e non discriminazione.

I principi dell’evidenza pubblica desumibili dal Trattato vanno applicati in via diretta e self-executing anche alle fattispecie attualmente non regolate da specifiche disposizioni comunitarie.

La normativa in materia di appalti pubblici e di concessioni, nella misura in cui sia l’espressione di principi fondamentali dell’ordinamento comunitario in materia di concorrenza sul libero mercato delle imprese, nonché di non discriminazione, di parità di trattamento e di trasparenza, ha una generale portata espansiva anche oltre le specifiche fattispecie regolate, sia pure con gli opportuni adattamenti, ispirati ad un criterio di proporzionalità, in ordine alla pubblicità, ai requisiti di parteci... _OMISSIS_ ...didati, ai criteri della selezione e alle modalità della procedura.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> ATTI PRESUPPOSTI

Il parere della Regione è necessario con riguardo agli atti di rilascio delle singole concessioni demaniali e non anche con riguardo ai bandi per l’assegnazione delle aree demaniali.

E' illegittimo il diniego di rinnovo di occupazione di suolo pubblico adottato nonostante l'apposita conferenza di servizi abbia espressamente disposto la sospensione dell’emanazione del provvedimento conclusivo in attesa di ulteriori decisioni.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> ATTI PR... _OMISSIS_ ...; DIVIETO DI AGGRAVAMENTO

E' illegittima, e fonte di responsabilità risarcitoria, l'attività amministrativa defatigante e ostruzionistica con la quale l'amministrazione, anziché rilasciare la concessione demaniale dovuta (nella specie, anche in virtù del giudicato amministrativo), richieda la produzione di atti a suo tempo già presentati dall'interessato in sede di gara.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> PROCEDURA DI AFFIDAMENTO --> ATTI PRESUPPOSTI --&...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 63463 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo