Accessione invertita e acquisto a titolo originario della proprietà da parte della P.A.

CATEGORIA PATOLOGIA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> OCCUPAZIONE APPROPRIATIVA E USURPATIVA --> OCCUPAZIONE APPROPRIATIVA O ACQUISITIVA --> NON ESISTE

L’istituto dell'occupazione acquisitiva, di matrice giurisprudenziale, si atteggia ancora ad elemento non conforme all’ordinamento giuridico, anche dopo la dichiarazione di incostituzionalità dell’«acquisizione sanante» di cui all’art. 43 del D.P.R. 327/2001.

L’istituto dell’accessione invertita (o occupazione appropriativa) - creato dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione a partire dalla sentenza 26 febbraio 1983 n. 1464, ma ritenuto dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in contrasto con la Convenzione europea e, in parti... _OMISSIS_ ...protocollo addizionale n. 1 (cfr. sentenze 30 maggio 2000 ric. n. 24638/94, Carbonara Ventura e 30 maggio 2000 ric. n. 31524/96, Società Belvedere alberghiera) – non è ammissibile nel nostro ordinamento.

Per effetto di sentenza di annullamento degli atti espropriativi il titolare del bene occupato torna proprietario dell'immobile (area e opera realizzata), non essendo più operante nell'ordinamento italiano l'istituto dell'occupazione acquisitiva.

Nel nostro ordinamento non può più ritenersi sussistente l'istituto - di creazione pretoria - della cosiddetta "occupazione appropriativa", secondo il quale, anche in assenza di un provvedimento ablatorio, l'Amministrazione acquista, a titolo originario, la proprietà dell'area altrui, in... _OMISSIS_ ...asformazione irreversibile della stessa ed in attuazione della dichiarazione di pubblica utilità.

Nel mutato contesto derivante dal disconoscimento dell’accessione invertita, perdurando il diritto di proprietà in capo al privato in assenza di valido ed efficace decreto di esproprio, il momento dell’irreversibile trasformazione del suolo, come pure quello della fine dei lavori, non ha più alcuna valenza ai fini del trasferimento della proprietà in capo all’Amministrazione, configurandosi l’occupazione delle aree finalizzata all’esecuzione di opere pubbliche alla stregua di un illecito permanente di cui il privato può sempre chiedere la rimozione, mediante la restituzione del fondo.

Deve escludersi che la mera trasfor... _OMISSIS_ ...uolo con la realizzazione di un’opera costituisca circostanza idonea a trasferire in capo all’Amministrazione la proprietà del bene in assenza di un regolare provvedimento di esproprio, e ciò sia nel caso di occupazione del terreno ab origine sine titolo sia nel caso di un’occupazione iniziata in forza di un provvedimento legittimo poi scaduto o annullato in sede giurisdizionale.

L'accessione invertita non è più validamente invocabile oggi che la giurisprudenza amministrativa e il legislatore, anche sotto la spinta di istanze comunitarie, hanno chiarito che la pubblica amministrazione non è mai legittimata ad acquisire a titolo originario la proprietà di un'area altrui in assenza di un formale atto ablatorio.

Per effetto delle ... _OMISSIS_ ...Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte Costituzionale, si è prodotta la cancellazione dall’ordinamento degli istituti di creazione pretoria, denominati “accessione invertita” ovvero, in seguito, “occupazione acquisitiva”.

L' istituto di creazione pretoria dell'accessione invertita deve ritenersi definitivamente espunto dall’ordinamento giuridico.

Oggi non è più configurabile l’istituto dell’accessione invertita.

Si deve escludere che l'Amministrazione, in assenza di un titolo previsto dalla legge, possa acquisire a titolo originario la proprietà dell'area altrui quando su di essa ha realizzato in tutto o in parte un'opera pubblica in attuazione della dichiarazione di... _OMISSIS_ ...tà.

L’Ordinamento Italiano non consente che un’Amministrazione, mediante un proprio illecito e in assenza di un titolo ablatorio, acquisti a titolo originario la proprietà di un’area altrui, sulla quale sia stata realizzata un’opera pubblica o di interesse pubblico (anche se prevista in una dichiarazione di pubblica utilità), con la conseguenza che anche ove l’opera in questione sia stata ultimata, non comincia a decorrere alcun termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno.

L'irreversibile trasformazione del fondo, per la giurisprudenza prevalente, non produce più l'effetto di trasferire la proprietà.

L'ordinamento italiano non consente che un'Amministrazione, mediante un proprio ille... _OMISSIS_ ...za di un atto ablatorio, acquisti a titolo originario la proprietà di un'area altrui, sulla quale sia stata realizzata un'opera pubblica o di interesse pubblico (anche se prevista in una dichiarazione della pubblica utilità).

Il meccanismo, di origine pretoria, della cd. “accessione invertita”, il cui effetto sarebbe quello della perdita della proprietà privata dei beni occupati illegittimamente in conseguenza del loro acquisto, a titolo originario, da parte della P.A., non può più trovare ingresso nel vigente ordinamento.

Deve escludersi che la mera trasformazione irreversibile di un suolo con la realizzazione di un’opera pubblica costituisca circostanza idonea a trasferire in capo all’Amministrazione la proprietà del su... _OMISSIS_ ...di un regolare provvedimento di esproprio, e ciò sia nel caso di occupazione del terreno ab origine sine titolo sia nel caso di un’occupazione iniziata in forza di un provvedimento legittimo poi scaduto.

Deve escludersi che la mera trasformazione irreversibile di un suolo con la realizzazione di un’opera pubblica costituisca circostanza idonea a trasferire in capo all’Amministrazione la proprietà del bene in assenza di un regolare provvedimento di esproprio, e ciò sia nel caso di occupazione del terreno ab origine sine titolo sia nel caso di un’occupazione iniziata in forza di un provvedimento legittimo poi scaduto.

L’Ordinamento Italiano non consente che una Amministrazione, mediante un proprio illecito e in assenz... _OMISSIS_ ...ablatorio, acquisti a titolo originario la proprietà di un’area altrui, sulla quale sia stata realizzata un’opera pubblica o di interesse pubblico (anche se prevista in una dichiarazione di pubblica utilità), con la conseguenza che anche ove l’opera in questione sia stata ultimata, non comincia a decorrere alcun termine di prescrizione.

L'istituto di creazione pretoria dell'occupazione acquisitiva, deve ritenersi definitivamente espunto dall’ordinamento giuridico.

Anche alla luce delle decisioni della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, l’orientamento che esclude la permanenza nell’ordinamento del modello dell’accessione invertita e del conseguente acquisto a titolo originario della proprietà dell&rsquo... _OMISSIS_ ...attraverso la realizzazione dell’opera pubblica va condiviso, non essendo consentito che un'amministrazione, mediante un proprio illecito e in assenza di un atto ablatorio, acquisti a titolo originario la proprietà di un'area altrui.

Nel caso di realizzazione di opere di interesse pubblico su un suolo altrui, in assenza di efficaci atti ablatori, l'ordinamento italiano non consente che un'Amministrazione, mediante un proprio illecito e in assenza di un atto ablatorio, ne acquisti a titol...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 20907 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo