Il risarcimento in forma specifica e per equivalente nel processo amministrativo

PATOLOGIA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> RIPARAZIONE PER EQUIVALENTE O IN FORMA SPECIFICA --> POTERI DEL GIUDICE

L'articolo 42-bis nel TU Espropriazioni, pur facendo salvo il potere di acquisizione sanante in capo alla pubblica amministrazione, non ripropone lo schema processuale previsto dal secondo comma dell'originario articolo 43, che attribuiva all'amministrazione la facoltà e l'onere di chiedere la limitazione alla sola condanna risarcitoria, ed al giudice il potere di escludere senza limiti di tempo la restituzione del bene, con il corollario dell'obbligatoria e successiva emanazione dell'atto di acquisizione.

La domanda con cui è richiesta la condanna della P.A. all'adozione del provvedimento di acq... _OMISSIS_ ...t. 42 bis D.P.R. n. 327/2001 è inammissibile, non potendo il Giudice Amministrativo condannare la P.A. all’adozione di un provvedimento amministrativo discrezionale, quale è la delibera di acquisizione di un bene, ai sensi del cit. art. 42 bis. La preclusione ad una pronunzia di tale genere è stata ribadita dalle norme positive del c.p.a. (art. 34 c.p.a.).

L’articolo 42-bis nel TU Espropriazioni, pur facendo salvo il potere di acquisizione sanante in capo alla pubblica amministrazione, non ripropone lo schema processuale previsto dal secondo comma dell’originario articolo 43, che attribuiva all’amministrazione la facoltà e l’onere di chiedere la limitazione alla sola condanna risarcitoria, ed al giudice il potere di escludere senz... _OMISSIS_ ...po la restituzione del bene, con il corollario dell’obbligatoria e successiva emanazione dell’atto di acquisizione.

L'art. 42 bis del T.U. sulle Espropriazioni, pur facendo salvo il potere di acquisizione sanante in capo alla P.A., non ripropone lo schema processuale previsto dal comma 2 dell’originario art. 43, che attribuiva all’Amministrazione la facoltà e l’onere di chiedere la limitazione alla sola condanna risarcitoria e al giudice il potere di escludere senza limiti di tempo la restituzione del bene, con il corollario dell’obbligatoria e successiva emanazione dell’atto di acquisizione, atteso che questo è oggetto e frutto di quella ponderata valutazione degli “interessi in conflitto” che il legislato... _OMISSIS_ ...usivamente all’Amministrazione.

Sopravvivendo il diritto di proprietà all’altrui illegittimo impossessamento di aree, il potere di condanna del giudice adito deve correlarsi al seguente quadro di opzioni ancora possibili per il soggetto pubblico: 1) restituire l’area in questione al ricorrente, previa riduzione delle stesse al loro pristino stato; 2) raggiungere un accordo che consenta il trasferimento dell’area in questione per atto negoziale; 3) provvedere all’acquisizione coattiva del bene nell’esercizio dei poteri di cui all’art. 42-bis del D.P.R. n. 327/2001, con effetto ex nunc.

A fronte di occupazione sine titulo, del tutto esattamente il giudice non ordina direttamente l’adozione del proced... _OMISSIS_ ...s DPR 327/2001, ma si limita a ricordare che, qualora l'Amministrazione continui a restare inerte si provvederà alla restituzione dei terreni con rimozione delle opere realizzate sulla stessa, a spese dell'amministrazione, con contestuale sua condanna al risarcimento del danno subito.

L'art. 42 bis DPR 327/2001 non regola più, diversamente dal precedente art. 43 - i rapporti tra azione risarcitoria, potere di condanna del giudice e successiva attività dell’amministrazione, sicché ove il giudice, in applicazione dei principi generali condannasse l’amministrazione alla restituzione del bene, il vincolo del giudicato eliderebbe irrimediabilmente il potere sanante dell’amministrazione; rimane pertanto impregiudicata la discrezionale valutazione i... _OMISSIS_ ...nteressi in conflitto, a seguito della quale il Comune intimato, ove ritenga di non restituire gli immobili al legittimo proprietario previa riduzione in pristino, potrà in via alternativa disporre l’acquisizione del bene.

La scelta in merito alla restituzione previa rimessione in pristino o l’acquisizione del bene illegittimamente occupato ex art. 42 bis, d.p.r. 327/2001 oppure in via negoziale mediante la stipulazione di un contratto di compravendita, attiene all’opportunità ed alla convenienza dell’azione amministrativa che fuoriesce dalla giurisdizione del giudice.

In ipotesi di occupazione illegittima dovrebbe ritenersi preclusa la tutela risarcitoria difettando – ai fini del riconoscimento del diritto al riven... _OMISSIS_ ...lore venale del bene – il presupposto della perdita della proprietà. Una parte della giurisprudenza, al fine di aggirare il problema, rendendo non più nascosto ma esplicito e vincolante l'obiettivo di addivenire all'acquisizione, si è orientata, attraverso una sorte di mutatio officiosa della domanda (di dubbia compatibilità con il canone della corrispondenza tra chiesto e pronunziato), per la condanna specifica ad adottare il provvedimento di acquisizione ai sensi dell'art. 42 bis DPR 327/2001.

A norma dell’art. 34, primo comma, lett. c), c.p.a.., è consentito al giudice una specifica statuizione con cui è ordinato all’Amministrazione di procedere, in alternativa alla restituzione, all’acquisizione del bene ai sensi e per gli effetti d... _OMISSIS_ ...;art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001.

L'art. 42-bis DPR 327/2001 regola i rapporti tra potere amministrativo di acquisizione in sanatoria e processo amministrativo di annullamento, in termini di autonomia; non regola più invece i rapporti tra azione risarcitoria, potere di condanna del giudice e successiva attività dell’Amministrazione.

L’art. 42-bis del d.P.R. n. 327/2001 non prevede che il proprietario danneggiato dall’occupazione illegittima possa richiedere al giudice amministrativo di ordinare all’Amministrazione di attivare il procedimento espropriativo semplificato ivi disciplinato e la fattispecie di cui al predetto art. 42-bis non rientra tra quelle indicate dall’art. 134 cod. proc. amm., in relazione alle quali... _OMISSIS_ ..., comma 6, cod. proc. amm. prevede che il giudice amministrativo possa sostituirsi all’amministrazione.

A seguito di domanda restitutoria di terreno occupato sine titulo per effetto dell'annullamento degli atti del procedimento, si rende necessario concedere un termine all'Ente intimato affinché valuti la ricorrenza nel caso di specie dei presupposti per l’applicazione dell'art. 42 bis DPR 327/2001.

L'art. 42 bis DPR 327/2001, pur facendo salvo il potere di acquisizione sanante in capo alla P.A., non ripropone lo schema processuale previsto dal comma 2 dell'originario art. 43; l’eliminazione delle descritte facoltà inibisce l’emersione, in sede processuale, dell’interesse pubblico all’acquisizione in sanatoria... _OMISSIS_ ...obile, dovendosi del resto escludere che l’interesse, anche se dedotto ed argomentato dalla difesa dell’Amministrazione nelle proprie memorie, costituisca o possa costituire oggetto e frutto di quella ponderata valutazione degli “interessi in conflitto” che il legislatore demanda esclusivamente all’Amministrazione nell’ambito della naturale sede procedimentale.

Spetta all'Amministrazione - che sola deve assumere la responsabilità della relativa decisione - valutare se, quando e con quali modalità addivenire alla acquisizione della proprietà dei te...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 37122 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo