Normativa relativa a impianti di distribuzione carburanti e autolavaggi

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> AUTOLAVAGGI

L'art. 24 D. Lgs. 285/1992 e l'art. 61, co. 1, D.P.R. 495/1992 si applica soltanto agli impianti di autolavaggio che siano pertinenze di stazioni di servizio e non a quelli che abbiano autonoma rilevanza e destinazione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI

E' manifestamente illogico utilizzare il medesimo criterio proporzionale di determinazione del corrispettivo per le concessioni e per le autorizzazioni alla realizzazione di aree di servizio, senza considerare i rilevanti costi affrontati per l’acquisizione della proprietà dell’area e per la realizzazione d... _OMISSIS_ ...i servizio.

Per calcolare la distanza di un impianto di distribuzione carburanti da una intersezione stradale è applicabile analogicamente il medesimo criterio stabilito dall'art. 158, co. 1, lett. f), D. Lgs. 285/1992 per misurare la distanza da un incrocio dei veicoli in sosta.

L'art. 60 D.P.R. 495/1992 riguarda pertinenze di servizio relative alle strade di tipo A, B e D, per cui non si applica all'impianto di distribuzione carburanti ubicato in una strada locale urbana di tipo F.

Il fatto che un tratto di curva sia stato interessato nel corso degli anni da una serie di incidenti stradali, alcuni dei quali anche mortali, costituisce ragione sufficiente per negare l’autorizzazione all’apertura di un nuovo accesso ad un impianto ... _OMISSIS_ ...e di carburanti.

È corretto l’operato del Comune che chiede alla Provincia proprietaria della strada ove deve essere aperto l’accesso ad un impianto di distribuzione dei carburanti un parere in ordine alla pericolosità dell’apertura del nuovo accesso.

Nell’esprimere il proprio parere sulla pericolosità dell’apertura di un nuovo accesso ad un impianto di distribuzione carburanti su una strada di sua proprietà, la Provincia non ha alcun obbligo di prendere a riferimento la circolare n. 6/2008 dell’A.N.A.S., potendo e dovendo esprimere il suo giudizio ricorrendo a valutazioni sue proprie.

La destinazione per lungo tempo di un'area comunale al rifornimento carburanti non contraddice ma conferma il suo uso sosta... _OMISSIS_ ...lico in quanto, se è vero che l’azienda ivi realizzata appartiene esclusivamente all’imprenditore che la esercita, è pur vero che il servizio reso – erogazione carburanti – va a vantaggio dell’intera comunità degli automobilisti, ed è strumentale alla migliore fruizione della strada a cui inerisce.

In mancanza di contrarie previsioni del piano comunale di razionalizzazione della rete distributiva (cfr. art. 2 d. lgs. n. 32 del 1998 al quale rinvia l’art. 49, comma 6, della l.r. n. 3 del 2016) ovvero nell’ambito della zonizzazione del tessuto urbano non sussiste alcuna limitazione all’insediamento di un impianto di distribuzione di carburanti in qualsiasi zona ad eccezione della zona A e comunque nel rispetto di deter... _OMISSIS_ ...a presidio di interessi pubblici irrinunciabili, sicché gli impianti devono essere assentiti anche in aree interessate dalla decadenza di vincoli espropriativi, quantunque involgenti aree già destinate a «sede stradale».

L’impianto di distribuzione carburanti rientra tra le opere lato sensu di urbanizzazione secondaria e infrastrutture complementari al servizio della circolazione stradale, con la conseguenza che deve essere considerato un’infrastruttura compatibile con qualunque destinazione urbanistica, costituendo la sua localizzazione un mero adeguamento degli strumenti urbanistici.

Il fatto che gli impianti di distribuzione di carburanti siano pertinenze stradali non significa che essi stessi costituiscano opere pubbliche nel... _OMISSIS_ ...del termine.

La norma sulle distanze di cui all’art. 45, comma 3, del Regolamento del Codice della Strada è riferita agli accessi privati alle strade extraurbane, che nulla hanno a che vedere con le aree di servizio destinate al rifornimento e al ristoro degli utenti che costituiscono dotazione e, dunque, parte integrante delle strade, così come, a propria volta, gli impianti di distribuzione ex art. 61, comma 1 e 2, del d.P.R. 495/92.

Ai sensi dell’art. 22, secondo comma della legge 20 marzo 1865, n. 2248, ribadito da ultimo dall'art. 24 del D.L.vo 30 aprile 1992, n. 285 - l’impianto di carburanti costituisce pertinenza della strada e partecipa quindi al suo carattere di demanialità quando la strada stessa appartiene ad un ente... _OMISSIS_ ...toriale. Si tratta di presunzione legale circa l’appartenenza al demanio degli spazi adiacenti le strade comunali ed aperti sul suolo pubblico.

L’art. 24, comma 4, del codice della strada, stabilisce che “sono pertinenze di servizio le aree di servizio, con i relativi manufatti per il rifornimento ed il ristoro degli utenti, le aree di parcheggio, le aree ed i fabbricati per la manutenzione delle strade o comunque destinati dall’ente proprietario della strada in modo permanente ed esclusivo al servizio della strada e dei suoi utenti”. Pertanto, in quanto ne costituiscono pertinenze, fanno parte della zona destinata alla viabilità le stazioni di servizio per il rifornimento di carburanti.

Il diniego dell’ANAS all&rsquo... _OMISSIS_ ...e all’esercizio di un impianto di distribuzione carburanti ad uso pubblico, motivato sulla circostanza che le stazioni di servizio potrebbero essere realizzate esclusivamente su aree all’uopo individuate dell’Ente proprietario della strada, poi date in concessione, contrasta con l’art. 24, comma 5, del d.lgs. n. 285 del 1992 (come modificato dall’art. 14 del d.lgs. n. 360 del 1993), secondo cui le pertinenze di servizio finalizzate al rifornimento e al ristoro degli utenti possano appartenere anche a soggetti diversi dall’ente proprietario.

Ai sensi dell’art. 60 del d.P.R. n. 495 del 1992, l'individuazione delle pertinenze che costituiscono aree di servizio destinate al rifornimento e al ristoro non è di esclusiva competen... _OMISSIS_ ...nte proprietario, il quale può soltanto determinarne il numero minimo.

Nell'ambito dell'istanza volta all’ottenimento della concessione all’installazione e all’esercizio di un impianto di distribuzione carburanti ad uso pubblico lungo una strada di proprietà dell'ANAS, quest'ultima deve limitarsi a verificare la conformità del progetto del privato alle disposizioni concernenti la sicurezza stradale, con specifico riferimento all’apertura degli accessi all’impianto ed alla realizzazione delle corsie di accelerazione e decelerazione.

Le disposizioni di cui all’art. 24, comma 5 –bis del d.lgs. n. 285 del 1992, inserito dall’art. 5, comma 5, della l. 29 luglio 2010, n. 120, e, successivamente, così modi... _OMISSIS_ ...uo;art. 38, comma 1, D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla l. 24 marzo 2012, n. 27 (“Per esigenze di sicurezza della circolazione stradale connesse alla congruenza del progetto autostradale, le pertinenze di servizio relative alle strade di tipo A) sono previste, secondo le modalità fissate dall'Autorità di regolazione dei trasporti, sentita l'Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali di cui all'articolo 36 del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, dai progetti dell'ente proprietario ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 9589 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo sopra riportato è composto da contenuti tratti da questo prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click. Attenzione: ove l'articolo contenga NOTE, per motivi tecnici esse NON sono riportate nell'articolo stesso ma solamente nel prodotto da cui esso è tratto. Pertanto se si pensa di avere necessità di un testo completo di note, si invita a comprare direttamente il prodotto. Si ricorda comunque che in caso di acquisto successivo del prodotto, dal costo dello stesso verrà scontato il costo già sostenuto per l'articolo.

pdf 2353 pagine in formato A4

38,00 €