Normativa relativa a impianti di distribuzione carburanti e autolavaggi

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> AUTOLAVAGGI

L'art. 24 D. Lgs. 285/1992 e l'art. 61, co. 1, D.P.R. 495/1992 si applica soltanto agli impianti di autolavaggio che siano pertinenze di stazioni di servizio e non a quelli che abbiano autonoma rilevanza e destinazione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> STRADE --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI

Il fatto che gli impianti di distribuzione di carburanti siano pertinenze stradali non significa che essi stessi costituiscano opere pubbliche nel senso proprio del termine.

In mancanza di contrarie previsioni del piano comunale di razionalizzazione della rete distributiva (cfr. art. 2 d. lgs... _OMISSIS_ ...8 al quale rinvia l’art. 49, comma 6, della l.r. n. 3 del 2016) ovvero nell’ambito della zonizzazione del tessuto urbano non sussiste alcuna limitazione all’insediamento di un impianto di distribuzione di carburanti in qualsiasi zona ad eccezione della zona A e comunque nel rispetto di determinati vincoli a presidio di interessi pubblici irrinunciabili, sicché gli impianti devono essere assentiti anche in aree interessate dalla decadenza di vincoli espropriativi, quantunque involgenti aree già destinate a «sede stradale».

L’impianto di distribuzione carburanti rientra tra le opere lato sensu di urbanizzazione secondaria e infrastrutture complementari al servizio della circolazione stradale, con la conseguenza che deve essere... _OMISSIS_ ...o;infrastruttura compatibile con qualunque destinazione urbanistica, costituendo la sua localizzazione un mero adeguamento degli strumenti urbanistici.

La destinazione per lungo tempo di un'area comunale al rifornimento carburanti non contraddice ma conferma il suo uso sostanzialmente pubblico in quanto, se è vero che l’azienda ivi realizzata appartiene esclusivamente all’imprenditore che la esercita, è pur vero che il servizio reso – erogazione carburanti – va a vantaggio dell’intera comunità degli automobilisti, ed è strumentale alla migliore fruizione della strada a cui inerisce.

Il fatto che un tratto di curva sia stato interessato nel corso degli anni da una serie di incidenti stradali, alcuni dei quali an... _OMISSIS_ ...stituisce ragione sufficiente per negare l’autorizzazione all’apertura di un nuovo accesso ad un impianto di distribuzione di carburanti.

È corretto l’operato del Comune che chiede alla Provincia proprietaria della strada ove deve essere aperto l’accesso ad un impianto di distribuzione dei carburanti un parere in ordine alla pericolosità dell’apertura del nuovo accesso.

Nell’esprimere il proprio parere sulla pericolosità dell’apertura di un nuovo accesso ad un impianto di distribuzione carburanti su una strada di sua proprietà, la Provincia non ha alcun obbligo di prendere a riferimento la circolare n. 6/2008 dell’A.N.A.S., potendo e dovendo esprimere il suo giudizio ricorrendo a valutazioni sue pr... _OMISSIS_ ...CRLF| Per calcolare la distanza di un impianto di distribuzione carburanti da una intersezione stradale è applicabile analogicamente il medesimo criterio stabilito dall'art. 158, co. 1, lett. f), D. Lgs. 285/1992 per misurare la distanza da un incrocio dei veicoli in sosta.

L'art. 60 D.P.R. 495/1992 riguarda pertinenze di servizio relative alle strade di tipo A, B e D, per cui non si applica all'impianto di distribuzione carburanti ubicato in una strada locale urbana di tipo F.

E' manifestamente illogico utilizzare il medesimo criterio proporzionale di determinazione del corrispettivo per le concessioni e per le autorizzazioni alla realizzazione di aree di servizio, senza considerare i rilevanti costi affrontati per l’acquisizione della p... _OMISSIS_ ...squo;area e per la realizzazione della stazione di servizio.

Ai sensi dell’art. 1, co. 2, D. Lgs. 32/1998 l’autorizzazione comunale all’installazione di un impianto di distribuzione carburanti, essendo subordinata alla verifica della conformità alle disposizioni concernenti la sicurezza stradale, non può essere rilasciata in assenza del parere tecnico favorevole ex art. 61, co. 2, D.P.R. 495/1992 dell’Ente proprietario della strada.

L'Ente proprietario della strada, nel caso in cui sia già stato rilasciato un parere tecnico favorevole ex art. 61, comma 2, D.P.R. 495/1992 e sia presentato un progetto da parte di un altro soggetto, non può rifiutarsi di rendere il parere, ma deve fare presente all’organo, competente a... _OMISSIS_ ...procedimento con l’autorizzazione ex art. 1, co. 2, D. Lgs. 32/1998 che il rilascio dell’autorizzazione di apertura degli accessi, in favore di entrambi i distributori, determinerebbe “gravi condizioni di pericolo per la circolazione stradale, data l’esigua distanza tra gli stessi.

In presenza di due progetti di realizzazione di un impianto di distribuzione carburanti, meritevoli del conseguimento di parere tecnico positivo ai sensi dell’art. 61, co. 2, D.P.R. 495/1992, spetta soltanto al Comune competente per territorio, e non all'A.N.A.S., decidere il soggetto al quale vada rilasciata l’autorizzazione ex art. 1, co. 2, D. Lgs 32/1998 ed applicare il criterio cronologico in favore della ditta, che ottiene per prima la citat... _OMISSIS_ ...e e che prevale sulla ditta concorrente, che aveva pure presentato un progetto, meritevole di accoglimento.

È illegittima la circolare ANAS n. 27740/2009, che prevede che gli impianti per la distribuzione di carburanti sorti lungo le strade extraurbane di tipo “B” devono essere progettati nel rispetto delle norme tecniche di cui alla circolare ANAS n. 3/2008 dettate per le sole autostrade: invero, l'art. 61, co. 1, D.P.R. 495/1992 non può essere addotto a presupposto per un’equiparazione generale, quanto alla normativa applicabile, tra le strade extraurbane principali (tipo B) e le autostrade (tipo A).

Il provvedimento dell'A.N.A.S. che impone la chiusura degli accessi ad un distributore di carburante per consentire l'esecuzion... _OMISSIS_ ...la sede stradale giustifica la sospensione dell'attività di erogazione del carburante, che pertanto non può ritenersi, in questo caso, motivo idoneo per disporre la decadenza dell'autorizzazione allo svolgimento dell'attività di distribuzione carburanti.

Gli impianti di distribuzione di carburante devono essere qualificati come pertinenze delle strade, ex art. 24 d. lgs. 285/1992, ma non opera pubblica.

L'autorizzazione comunale alla installazione ed all'esercizio di un impianto di distribuzione di carburanti, poiché subordinata alla verifica della conformità alle disposizioni concernenti la sicurezza stradale, non può essere rilasciata qualora l'interessato non abbia ottenuto, ai sensi degli art. 60 e 61, D.P.R. 495/1992, l'assenso e il parere ... _OMISSIS_ ...ole del soggetto proprietario della strada, ovvero del concessionario, per l'apertura degli accessi all'impianto.

Ai sensi dell'art. 45 D.P.R. 495/1992 l'ente proprietario di strada extraurbana ha il potere di negare l'autorizzazione sia all'apertura di nuovi accessi privati su detta strada, sia alla trasformazione di quelli esistenti, ogniqualvolta sussista un pericolo di pregiudizio per la sicurezza o la fluidità della circolazione: un tale potere, tuttavia, non ha nulla hanno a che vedere con gli accessi agli impianti di distribuzione di carburante c...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 48855 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo