Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Il patrimonio indisponbile ovvero i beni destinati a pubblico servizio

DEMANIO E PATRIMONIO --> PATRIMONIO INDISPONIBILE

L’ assegnazione provvisoria di un bene suscettibile di miglioramento appartenente al patrimonio indisponibile di un ente locale non legittima l’affidamento dell’assegnatario sul fatto di essere esonerato dal versamento del canone o che le migliorie possano essere realizzate sine titulo e senza il consenso degli organi deputati ad assumere impegni di spesa.

L'appartenenza di un bene al patrimonio indisponibile dipende non solo dalla esistenza di un atto amministrativo che lo destini ad uso pubblico, ma pure dalla concreta utilizzazione dello stesso a tale fine.

DEMANIO E PATRIMONIO --> PATRIMONIO INDISPONIBILE --> BENI DESTINATI A PUBBLICO SERVIZIO

Affinché un bene non appartenente al demanio necessario possa rivestire il carattere pubblico proprio dei beni patrimoniali indisponibili, in quanto destinati ad un p... _OMISSIS_ ...ve sussistere il doppio requisito (soggettivo ed oggettivo) della manifestazione di volontà dell'ente titolare del diritto reale pubblico e dell'effettiva ed attuale destinazione del bene al pubblico servizio.

Nella categoria residuale di cui all’art. 826, comma 3, cod. civ., secondo cui “fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni, secondo la loro appartenenza, gli edifici destinati a sede di uffici pubblici, con i loro arredi, e gli altri beni destinati a un pubblico servizio”, non possono non farsi rientrare anche i beni espropriati in vista di un pubblico interesse, ancorché non ancora materialmente appresi dalla P.A. eo trasformati nell’opera pubblica progettata.

Alla formula "servizio pubblico" utilizzata dall'art. 826 C.C. si deve attribuire un significato residuale ed estensivo tale da comprendere qualunque attivi... _OMISSIS_ ...lici rispetto alla quale il bene costituisce semplice mezzo, con esclusione dei soli casi in cui il bene sia semplicemente destinato alla produzione di un reddito e quindi risulti nel "dominium" della P.A. con valore e fini esclusivamente patrimoniali e privatistici.

Affinché un bene di proprietà pubblica possa definirsi strumentale al perseguimento degli scopi istituzionali dell’ente proprietario, con conseguente inclusione nel patrimonio indisponibile dell’ente medesimo, non è sufficiente la mera manifestazione di volontà dell’ente pubblico di destinarlo ad un pubblico servizio, ma è altresì necessario che a quella manifestazione di volontà abbiano fatto seguito concrete opere di trasformazione dirette ad imprimere al bene un’effettiva funzionalizzazione ad un pubblico servizio.

L'appartenenza di un bene al patrimonio indisponibile dello S... _OMISSIS_ ...elle province, a meno che non si tratti di beni riservati, per loro natura, a tale patrimonio, dipende dalle caratteristiche oggettive e funzionali del bene e presuppone, quindi, oltre che l'acquisto in proprietà del bene da parte dell'ente pubblico (c.d. requisito soggettivo), una concreta destinazione dello stesso ad un pubblico servizio (c.d. requisito oggettivo) che, proprio per l'esigenza di un reale legame con le oggettive caratteristiche del bene, non può dipendere da un mero progetto di utilizzazione della P.A. o da una risoluzione che, ancorché espressa in un atto amministrativo, non incide, di per sé, sulle oggettive caratteristiche funzionali del bene.

Nei casi in cui il bene di proprietà dell'ente pubblico sia privo dei caratteri strutturali necessari per il servizio, occorre almeno che il provvedimento di destinazione sia seguito dalle opere di trasformazione che in qualche modo possano stabilire un real... _OMISSIS_ ...tto, e non meramente intenzionale, del bene alla funzione pubblica.

A fini penali (in particolare in tema di procedibilità d'ufficio del reato p. e p. dall'art. 633 c.p.) sono da considerare "destinati a uso pubblico" quei beni che, pur in ipotesi appartenenti a privati, detta destinazione abbiano concretamente ricevuto.

Alla formula “servizio pubblico” utilizzata dall’art. 826 c.c. si deve attribuire un significato residuale ed estensivo tale da comprendere qualunque attività degli enti pubblici rispetto alla quale il bene costituisce semplice mezzo, con esclusione dei soli casi in cui il bene sia semplicemente destinato alla produzione di un reddito e quindi risulti nel “dominium” della P.A. con valore e fini esclusivamente patrimoniali e privatistici.

DEMANIO E PATRIMONIO --> PATRIMONIO INDISPONIBILE --> CARATTERI GENERALI

È il vincolo di... _OMISSIS_ ...pubblico servizio che, anche per gli enti pubblici non territoriali, consente di assoggettare il bene in proprietà dell’ente alla disciplina dei beni del patrimonio indisponibile, conferendogli natura di bene pubblico, come tale suscettibile di atti di disposizione solo attraverso il ricorso allo strumento concessorio che rende l’oggetto dell’accordo giuridicamente possibile ex artt. 1346 e 1418 c.c. (trattandosi di beni altrimenti “extra commercium” cioè esclusi dalla circolazione giuridica) e, conseguentemente, suscettibile di una regolamentazione pattizia affidata alla convezione accessiva.

La semplice previsione dello strumento urbanistico circa la destinazione di un'area alla realizzazione di una finalità di interesse pubblico, non è sufficiente ad assoggettare tale bene al regime proprio del patrimonio indisponibile.

L'appartenenza di un bene al patrimonio ... _OMISSIS_ ... un ente territoriale discende non solo dall'esistenza di un atto amministrativo che lo destini ad uso pubblico, ma anche dalla concreta utilizzazione dello stesso a tale fine, la cui mancanza deve essere desunta dalla decorrenza, rispetto all'adozione dell'atto amministrativo, di un periodo di tempo tale da non essere compatibile con l'utilizzazione in concreto del bene a fini di pubblica utilità.

Ai fini della qualificazione di un bene quale appartenente al patrimonio indisponibile di un ente pubblico, ai sensi dell'art. 826, co. 3, c.c. la destinazione ad un pubblico servizio, che tale indisponibilità connota, debba risultare da un duplice ordine di requisiti, di quello c.d."soggettivo" costituito da una manifestazione di volontà dell'ente proprietario, espressa in un atto amministrativo ad hoc, con il quale il bene sia stato destinato al soddisfacimento di una esigenza della collettività, e da quel... _OMISSIS_ ... che ricorre nei casi in cui tale destinazione al pubblico interesse sia stata concretamente attuata.

L’appartenenza di un bene al patrimonio indisponibile di un Ente territoriale si stabilisce in relazione alle caratteristiche funzionali ed oggettive del bene, e ciò presuppone non solo che il bene sia di proprietà del Comune, ma anche una concreta destinazione dello stesso ad un pubblico servizio.

I beni patrimoniali indisponibili sono commerciabili, ma sono gravati da uno specifico vincolo di destinazione all’uso pubblico, pur potendo formare oggetto di negozi traslativi di diritto privato.

L'art. 828, co. 2, c.c. preclude modifiche alla destinazione pubblicistica dei beni patrimoniali indisponibili effettuate al di fuori dei modi stabiliti dalle leggi che li riguardano: pertanto non è possibile alle parti contrattuali del trasferimento di proprietà del bene immobile interv... _OMISSIS_ ...ne giuridica del vincolo, sostituendo il regime giuridico pubblicistico dello stesso con un altro di tipo privatistico.

A differenza di quanto accade per il demanio necessario, il soggetto pubblico proprietario di un bene del patrimonio indisponibile può essere indifferentemente lo Stato, la provincia o il comune.

I beni patrimoniali indisponibili possono essere sia mobili che immobili e possono appartenere anche ad enti pubblici non territoriali, potendo esserne proprietari, ad esempio, gli enti di previdenza.

Nella sistematica del codice, i beni del patrimonio indisponibile hanno carattere residuale.

Analogamente ai beni demaniali, anche per i beni del patrimonio indisponibile si profila una distinzione tra patrimonio necessario e patrimonio accidentale, riconducibile in parte al secondo e terzo comma dell'art. 826 c.c., poiché vi sono beni patrimoniali per natura (minie... _OMISSIS_ ...ermali, cave e torbiere etc.) e beni patrimoniali per destinazione.

L'elencazione dei beni del patrimonio indisponibile contenuta nell'art. 826 c.c. non è tassativa.

I beni del patrimonio disponibile sono riconducibili al regime di appartenenza del diritto comune, ferma restando la rilevanza, indiretta, di alcune regole di organizzazione amministrativa della gestione dei beni o di particolari principi di trasparenza contrattuale in relazione alle attività di alienazione.

DEMANIO E PATRIMONIO --> PATRIMONIO INDISPONIBILE --> FASCE DI RISPETTO

Dall'inclusione delle aree in fascia di rispetto autostradale discende un vincolo di destinazione specifico che – a prescindere dall’appartenenza ad un concessionario di pubblico servizio, anziché ad un ente pubblico – determina l’applicabilità ai terreni in questione del regime proprio dei beni appartenen... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 3,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo