Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

La destinazione dell'area a viabilità: natura dei vincoli e contenuto della proprietà

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI O ESPROPRIATIVI --> VIABILITÀ

In assenza di specifiche deduzioni circa l'assimilazione del vincolo stradale ad un vincolo imposto a titolo particolare, tramite l'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone, come tali riconducibili a vincolo avente carattere espropriativo, deve ribadirsi il principio secondo cui l'indicazione delle opere di viabilità nel piano regolatore generale comporta, di regola, un vincolo di inedificabilità delle parti del territorio interessate, e non ha carattere espropriativo, comportando una limitazione di ordine generale ricadente su una pluralità indistinta di beni e per una finalità di interesse pubblico trascendente i singoli interessi dei proprietari delle aree.

Riguardo alla qualificazione di su... _OMISSIS_ ...ealizzazione di opere di viabilità, l'indicazione delle opere necessarie nel piano regolatore (L. 17 agosto 1942, n. 1150, art. 7, comma 2, n. 1), comporta ordinariamente un vincolo d'inedificabilità delle parti del territorio interessate, che non concreta un vincolo preordinato ad esproprio, a meno che non si tratti, in via eccezionale, di destinazione assimilabile all'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone (art. 13), come tali riconducibili a vincolo imposto a titolo particolare, a carattere espropriativo.

In assenza di specifiche deduzioni circa l'assimilazione del vincolo stradale ad un vincolo imposto a titolo particolare, tramite l'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone, come tali riconducibili a vincolo avente carattere espropriativo, l'indicazione delle opere di viabilità nel piano regolatore generale comporta, di regola, un vincolo ... _OMISSIS_ ...ave; delle parti del territorio interessate, e non ha carattere espropriativo, comportando una limitazione di ordine generale ricadente su una pluralità indistinta di beni e per una finalità di interesse pubblico trascendente i singoli interessi dei proprietari delle aree.

La destinazione di un suolo ad opere di viabilità non è di per sé espressione di un potere di pianificazione esercitato in via astratta e generale in finzione della ripartizione in zone del territorio comunale, sicché la natura di vincolo a carattere conformativo della relativa previsione (e la natura non edificatoria dell'area) ricorre soltanto se il PRG ha previsto la strada nell'ambito di una destinazione delle zone del territorio con limitazioni di ordine generale ricadenti su una pluralità indistinta di beni; sussiste, invece, un vincolo preordinato all'espropriazione ove ricorra una localizzazione lenticolare de... _OMISSIS_ ...e su specifici beni e con un rilievo all'interno e a servizio delle singole zone.

La destinazione a strada pubblica impressa dal p. r. g. non è di per sé espressione di un potere di pianificazione esercitato in via astratta e generale, in quanto il carattere conformativo della relativa previsione ricorre solo nel caso in cui il piano regolatore abbia previsto la strada nell’ambito di una destinazione delle zone del territorio con limitazioni di ordine generale ricadenti su una pluralità indistinta di beni, dovendosi, per contro, ritenere sussistente un vincolo preordinato all’espropriazione ove ricorra una localizzazione lenticolare della strada, incidente su specifici beni e con un rilievo all’interno e a servizio delle singole zone.

Con riferimento alle opere di viabilità la giurisprudenza, muovendo dalla premessa che il piano regolatore generale o il regolamento urbanisti... _OMISSIS_ ...amma generale di sviluppo urbanistico, ha ripetutamente affermato che la destinazione di parti del territorio a determinati usi, anche se prelude all’acquisizione pubblica dei suoli necessari, non costituisce vincolo espropriativo, qualora persegua una finalità di interesse pubblico che trascende le esigenze proprie di zone circoscritte del territorio comunale. Diversa è l’ipotesi in cui tale destinazione riguarda reti stradali all’interno e a servizio delle singole zone, come tali riconducibili a vincoli imposti a titolo particolare, di carattere espropriativo, trattandosi di limitazioni particolari incidenti su beni determinati.

L'indicazione delle opere di viabilità nel piano regolatore generale (L. 17 agosto 1942, n. 1150, art. 7, comma 2, n. 1), pur comportando un vincolo d'inedificabilità delle parti del territorio interessate, con le relative conseguenze nella scelta del criterio di determinazione d... _OMISSIS_ ... di esproprio, non concreta un vincolo preordinato ad esproprio, a meno che tale destinazione non sia assimilabile all'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone (L. n. 1150 del 1942, art. 13), di regola rimesse allo strumento di attuazione, e come tale, riconducibile a vincoli imposti a titolo particolare, di carattere espropriativo, in funzione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione lenticolare di un'opera pubblica, incidente su specifici beni.

Costituisce principio consolidato che l'indicazione nel PRG delle opere di viabilità, pur comportando l'inedificabilità delle parti del territorio interessate, non concreta un vincolo preordinato all'esproprio, a meno che non si tratti di destinazione assimilabile all'indicazione della rete stradale all'interno e al servizio delle singole zone (L. n. 1150 del 1942, art. 13), come tali riconducibili ad un vincolo particolare, ... _OMISSIS_ ...terminati, in previsione non già di una generale destinazione di zona, ma della localizzazione lenticolare dell'opera pubblica.

A proposito di opere di viabilità, la necessaria verifica dell'edificabilità legale comporta che il carattere conformativo della relativa previsione ricorre solo nel caso in cui il piano regolatore abbia previsto la strada nell'ambito di una destinazione delle zone del territorio con limitazioni di ordine generale ricadenti su una pluralità indistinta di beni, dovendosi, per contro, ritenere sussistente un vincolo preordinato all'espropriazione ove ricorra una localizzazione lenticolare della strada, incidente su specifici beni e con un rilievo all'interno e a servizio delle singole zone.

L'indicazione delle opere di viabilità nel piano regolatore generale, pur comportando un vincolo di inedificabilità delle parti del territorio interessate, con le relative conseguenze ... _OMISSIS_ ...terio di determinazione dell'indennità basato sulla edificabilità o meno dei suoli, non concreta un vincolo preordinato all'esproprio, a meno che tale destinazione non sia assimilabile all'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone di regola rimesse allo strumento di attuazione, e come tali riconducibili ai vincoli imposti a titolo particolare, a carattere espropriativo, bensì un vincolo di natura conformativa, come tale non soggetto a decadenza.

La destinazione di parti del territorio a determinati usi, pur preludendo ad una possibile acquisizione pubblica dei suoli necessari, resta estranea alla vicenda espropriativa; di modo che, pur non potendosi escludere, in particolari casi, che la destinazione di singole aree, in genere rimessa alle previsioni dello strumento di attuazione, sia direttamente indicata dal piano regolatore generale, l'indicazione da parte di questo delle opere di viabilit... _OMISSIS_ ..., n. 1 cit.), comporta un vincolo d'inedificabilità delle parti del territorio interessate, con le relative conseguenze nella scelta del criterio di determinazione dell'indennità di esproprio.

La destinazione a viabilità stabilita nel piano regolatore influisce sulla qualificazione dei suoli espropriati, alla stregua delle possibilità legali, per via del contenuto conformativo della proprietà che ad essi deriva dalla funzione di operare scelte programmatorie di massima, a meno che la destinazione a viabilità non sia assimilabile all'indicazione delle reti stradali all'interno e a servizio delle singole zone (L. n. 1150 del 1942, art. 13), di regola rimesse allo strumento di attuazione, e come tali riconducibili a vincoli imposti a titolo particolare, a carattere espropriativo: trattandosi (soltanto in tali casi) di limitazioni particolari, incidenti su beni determinati, in funzione non gi... _OMISSIS_ ...destinazione di zona, ma della localizzazione lenticolare di un'opera pubblica.

Qualora la previsione di un tracciato viario vada ascritta al potere di pianificazione e programmazione generale di sviluppo urbanistico non di una zona particolare, ma dell’intero tessuto viario della città, in funzione del riassetto e della razionalizzazione dell’intero sistema del traffico veicolare, si è in presenza non dell’apposizione di limitazioni particolari incidenti su beni determinati in funzione della localizzazione lenticolare di un'opera pubblica, ma dell’espressione del potere generale di pianificazione dell’intero territorio comunale; ne consegue che la destinazione di parti di tale territorio a tale uso, anche se prelude all'acquisizione pubblica dei suoli necessari, non impone un vincolo particolare di natura espropriativa, pur comportando l’inedificabilità delle aree interessate, bensì di n... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 5,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo