Piano casa ed immobili abusivi secondo la disciplina regionale in Valle d'Aosta
OPERE ED INTERVENTI --> PIANO CASA --> REGIONE VALLE D'AOSTA --> IMMOBILI ABUSIVI

L’impossibilità di computare la volumetria realizzata in maniera abusiva quale base di calcolo per gli incrementi di volumetria di cui al «Piano Casa» deriva direttamente dai principi fondanti il nostro ordinamento giuridico; è infatti evidente che, diversamente opinando, si premierebbe un comportamento antigiuridico, ciò che non può essere ritenuto ammissibile.

Gli abusi edilizi che affliggono l’immobile non possono in alcun modo essere sanati mediante il ricorso agli incrementi di volumetria di cui al «Piano casa».

La volumetria realizzata in maniera abusiva non può essere computata quale base di calcolo... _OMISSIS_ ...enti di volumetria di cui al «Piano casa».

Gli incrementi di volumetria astrattamente assentibili in base al «Piano casa» (da calcolare senza tenere conto delle volumetrie abusive) possono essere permessi solo se la sommatoria fra l’incremento di volumetria progettato e la volumetria abusiva sia inferiore o pari all’incremento astrattamente assentibile.

In caso di edificio parzialmente abusivo, il «Piano casa» è comunque utilizzabile qualora l'ampliamento riguardi un volume distinto da quello a suo tempo realizzato, la volumetria eseguita abusivamente non sia stata conteggiata ai fini del calcolo dell’ampliamento, e l’incremento previsto in progetto sia inferiore al differenziale fra la... _OMISSIS_ ...amente assentibile e la volumetria quella effettivamente già esistente.

La L.R. Valle d'Aosta 24/2009 è applicabile in via di sanatoria, tendendo conto dell'interpretazione sistematica delle norme in essa contenute e avuto riguardo alla necessità del rispetto dei principi di ragionevolezza e di economicità dell’azione amministrativa, sottesi a quell’orientamento giurisprudenziale che ammette la generale sanabilità degli abusi edilizi laddove gli interventi realizzati siano conformi alla legge vigente al momento della disamina dell’istanza.

Da una lettura sistematica degli artt. 2 e 6, co. 2, della L.R. Valle d'Aosta n. 24/2009 può ragionevolmente evincersi che l'inapplicabilità del c.d."Piano Casa" alle unità immobili... _OMISSIS_ ...almente abusive deve intendersi nel senso che ai fini del computo del bonus volumetrico deve aversi riguardo alla sola volumetria legittimamente assentita e non a quella abusivamente realizzata (che può concernere l’intero immobile o una parte di esso).

Laddove le opere in origine realizzate sine titulo comportino un aumento della volumetria fino al 20% della volumetria esistente legittimamente assentita, le stesse possono essere regolarizzate in sanatoria, in forza della legge sul Piano Casa sopravvenuta e vigente al momento della disamina dell’istanza di sanatoria, sempre che ricorrano le altre condizione previste dal citato art. 2 L.R. 24/2009.