Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo nella pagina prodotto.

IL CODICE DEGLI ABUSI EDILIZI

TITOLO EDILIZIO --> ABUSI EDILIZI --> SANZIONI --> PRESUPPOSTI

L'onere di fornire la prova certa dell'epoca di realizzazione di un abuso edilizio incombe sull'interessato, e non sull'amministrazione, che, in presenza di un'opera non assistita da un titolo che la legittimi, ha solo il potere-dovere di sanzionarla ai sensi di legge e di adottare, ove ricorrano i presupposti, il provvedimento di demolizione.

Il presupposto del provvedimento amministrativo demolitorio è la realizzazione di un'opera in assenza di titolo edilizio.

Le costruzioni abusive costituiscono un illecito di tipo permanente a fronte del quale non vale la buona fede del privato dovendosi ritenersi che sia in re ipsa la sussistenza del pubblico interesse al ripristino dello stato della legalità violata.

E’ possibile ottenere la sanatoria delle opere abusive realizzate in zona sottoposta ad un vincolo di inedificabilità relativa, purché non si tratti di opere realizzate dopo l’imposizione del vincolo ed in assenza o in difformità del titolo abilitativo che risultino non conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici.

Poiché la semplice apposizione di paletti in ferro su suolo di proprietà privata non costituisce una recinzione e quindi non può essere configurata quale nuova costruzione, necessitante... _OMISSIS_ ...i costruire, ne deriva l’illegittimità dell’ordine di rimozione emanato dal Comune ai sensi dell’art. 31 d.P.R. n. 380/2001.

In presenza di opere edificate senza titolo edilizio l’ordinanza di demolizione è da ritenersi provvedimento rigidamente vincolato.

Ogni abuso edilizio, ancorché eseguito in prosecuzione di precedenti lavori, costituisce di per sé un presupposto giustificativo autosufficiente a fondare la reazione repressiva dell’organo preposto alla vigilanza.

L'abusività di un'opera edilizia costituisce di per sé sola presupposto per l'applicazione della prescritta sanzione demolitoria.

Riguardo ad aree edificate abusivamente di recente (sì che proprio per la natura confusa e slegata da ogni regola di uso del territorio degli insediamenti abusivi, producono agglomerati con notevoli deficit di urbanizzazione), non può negarsi la potestà del Comune di intervenire in misura repressiva riguardo ad ulteriori compromissioni del proprio territorio.

L’Amministrazione ha l’obbligo di astenersi, sino alla definizione del procedimento attivato per il rilascio della concessione in sanatoria, da ogni iniziativa repressiva che vanificherebbe a priori il rilascio del titolo abilitativo in sanatoria.

I provvedimenti sanzionatori avverso manufatti abusivi sono sub... _OMISSIS_ ...i presupposti, sicché l'Amministrazione, una volta accertata la consistenza dell'abuso, non dispone di margini di ulteriore valutazione dei profili di interesse pubblico o di circostanze riferibili a situazioni particolari dell'immobile o del trasgressore.

È illegittimo sanzionare con l'ordine di demolizione opere che siano conformi al progetto assentito con la determinazione successiva alla conferenza di servizi ma difformi dal progetto approvato dalla conferenza di servizi.

Il riferimento all’applicazione delle sanzioni edilizie in prossimità del primo accertamento è posta solamente a presidio della tempestività dell’intervento sanzionatorio della P.A. e non è affatto una norma in favore degli abusivisti.

La mancata valutazione del carico urbanistico della zona non ha alcuna incidenza o valenza invalidante del provvedimento sanzionatorio, perché il doveroso ripristino della situazione antecedente l’abuso prescinde da un siffatto accertamento.

La circostanza che le opere realizzate costituiscano interventi di riparazione di manufatti già esistenti non incide sulla legittimità dell’ordinanza di demolizione che sanziona tali manufatti siccome realizzati in assenza di concessione edilizia.

I poteri interdittivi comunali sono subordinati alla esecuzione delle opere in assenza del titolo edi... _OMISSIS_ ...ale o parziale difformità rispetto ad esso o con variazioni essenziali) ovvero, ai sensi dell'art. 27 d.P.R. n. 380/2001, alla verifica della dissonanza tra l'attività urbanistico-edilizia che si svolge nel territorio comunale e le norme di legge e di regolamento, le prescrizioni degli strumenti urbanistici e le modalità esecutive fissate nei titoli abilitativi.

E' illegittima la sanzione edilizia laddove emerga in giudizio che il manufato è stato regolarizzato da una precedente autorizzazione edilizia in sanatoria, perché in tal caso cade il presupposto dell’abusività dell’opera.

L'ordinanza di demolizione è espressione di potere autoritativo non soggetto a prescrizione o decadenza, posta la prevalenza dell'aspettativa della collettività a vedere rispettate le norme in materia edilizia ed urbanistica, rispetto all'affidamento del contravventore a vedere conservata l'opera abusiva, anche se realizzata molti anni prima.

In presenza di opere conformi a d.i.a. mai revocata né annullata è illegittimo il provvedimento repressivo adottato dalla P.A..

L'art. 34 del d.P.R. 380/2001 non richiede alcun incremento reale della superficie dell'immobile, potendosi sanzionare anche gli aumenti del solo volume.

Riguardo ad aree edificate abusivamente di recente non può negarsi la potestà del Co... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 4,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista