Partecipazione al procedimento amministrativo sostanziale e legittimazione al ricorso

Sintesi: Dalla partecipazione al procedimento amministrativo sostanziale non scaturisce automaticamente la legittimazione processuale di tutti i soggetti che abbiano in concreto partecipato al procedimento, restando rimesso all'autorità giudiziaria il compito di verificare nel singolo caso se il soggetto interveniente abbia effettiva legittimazione processuale in quanto portatore di un interesse differenziato e qualificato.

Estratto: «Sul punto centrale della controversia si osserva infatti che, come chiarito dalla Giurisprudenza, la procedura per la formazione del silenzio rifiuto non può essere perseguita da un soggetto diverso da quello avente titolo ad ottenere il provvedimento finale - e cioè dal soggetto ammesso alla presentazione dell'is... _OMISSIS_ ...a - poiché il ritardo o l'arresto procedimentale arreca un pregiudizio giuridicamente rilevante al solo soggetto che l'ordinamento riconosce ab origine legittimato a stimolare l'adozione del provvedimento (cfr. VI Sez. n. 2185 del 2000).Del resto, già da tempo l'indirizzo giurisprudenziale assolutamente maggioritario - dal quale questo Collegio non ritiene di doversi discostare - ha precisato che dalla partecipazione al procedimento amministrativo sostanziale non scaturisce automaticamente la legittimazione processuale di tutti i soggetti che abbiano in concreto partecipato al procedimento, restando rimesso all'autorità giudiziaria il compito di verificare nel singolo caso se il soggetto interveniente abbia effettiva legittimazione processuale in quanto portat... _OMISSIS_ ...esse differenziato e qualificato.Applicando le coordinate interpretative ora delineate al caso in esame deve perciò concludersi che la ricorrente, pur essendo intervenuta ad opponendum nel procedimento, non ha titolo a dolersi del silenzio tenuto dall'Amministrazione sull'istanza di rinnovo avanzata dal precedente titolare della concessione, essendo essa al riguardo titolare di un interesse di mero fatto e non di un interesse legittimo.»