Decorrenza del termine di impugnazione del decreto di vincolo e di occupazione

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> TERMINE DECADENZIALE --> DECORRENZA --> VINCOLO CONFORMATIVO

Sintesi: Ai fini della decorrenza del termine di impugnazione del decreto di vincolo è sufficiente, in ragione delle modalità di diffusione garantite, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Estratto: «5.– Con un primo motivo è stata ritenuta l’erroneità delle sentenze nella parte in cui sono stati considerati tardivi i motivi di ricorso con i quali era stata dedotta l’illegittimità del decreto ministeriale di vincolo del 1° agosto 1985. In particolare, si è rilevato come l’impugnazione non potrebbe ritenersi tardiva in quanto la Gazzetta ufficiale dell’8 agosto 1985, riportante il decreto, non sarebbe, c... _OMISSIS_ ...quo;art. 4 della legge n. 1497 del 1939, rimasta affissa per tre mesi all’albo pretorio del Comune di Taranto. Qualora, si aggiunge, si ritenesse sufficiente la mera pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la norma sarebbe in contrasto con gli artt. 24, 42 e 113 Cost., in quanto si consentirebbero limitazioni al godimento di beni in assenza di notifica individuale del vincolo, con compromissione del diritto di difesa. Il motivo non è fondato. L’art. 4, comma 1, della n. 1497 del 1939, qui evocabile ratione temporis, prevede che l’elenco delle località che costituiscono “bellezze di insieme” sia pubblicato nella Gazzetta ufficiale. Il secondo comma dello stesso art. 4 dispone che «una copia del numero della Gazzetta Ufficiale che lo conti... _OMISSIS_ ...er tre mesi all’albo di tutti i Comuni interessati». Gli appellanti non hanno dimostrato (mediante, ad esempio, un’attestazione del Comune) che il decreto non era stato affisso all’albo per il periodo sopra indicato. Ma anche a prescindere da tale dato, ai fini della decorrenza del termine di impugnazione del decreto di vincolo è sufficiente, in ragione delle modalità di diffusione garantite, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Lo stesso decreto ministeriale 21 settembre 1984, sulla cui base fu adottato l’impugnato decreto, contempla, con disposizione non oggetto di contestazione, quale unica modalità la pubblicazione dell’elenco dei beni vincolati in Gazzetta Ufficiale. Nemmeno si può ritenere che quell’articolo 4 contrasti i pa... _OMISSIS_ ...zionali evocati. La Corte costituzionale ha, del resto, affermato che, in presenza di “bellezze di insieme”, caratterizzate da ambiti territoriali spesso di vaste dimensioni, «la notifica a tutti i proprietari interessati dei provvedimenti costitutivi di vincolo diventerebbe estremamente difficile, macchinosa, e talora di scarsa possibilità» (sentenza n. 417 del 1995). Alla luce di quanto esposto consegue che, essendo stato pubblicato il decreto ministeriale nella Gazzetta Ufficiale dell’8 agosto 1985, la sua impugnazione con i ricorsi proposti nel 2005 è, come correttamente ritenuto dal primo giudice, del tutto tardiva.Non possono, pertanto, essere esaminate nel merito le censure proposte avverso detto decreto.»

GIUDIZIO --... _OMISSIS_ ...NE --> TERMINE DECADENZIALE --> DECRETO DI OCCUPAZIONE

Sintesi: Ai fini dell'individuazione del termine per l’impugnativa occorre considerare, quale dies a quo, l’ultimo giorno della frazionata notifica di unico decreto di occupazione afferente particelle diverse.

Estratto: «Dall’istruttoria svolta, ed invero anche dalla documentazione versata in giudizio dagli appellanti, risulta, infatti, che il decreto di occupazione d’urgenza è stato notificato, in uno con l’offerta d’indennità e l’avviso della data fissata per l’immissione in possesso, separatamente, e per ciascuna delle particelle di terreno interessate, nelle date sotto indicate:- a Tizzani Antonio in data 19 aprile 2005 (data di... _OMISSIS_ ...go postale depositato presso l’ufficio il 16 aprile 2005, per la temporanea assenza del destinatario con immissione dell’avviso in cassetta postale);- a Tizzani Rossana in data 13 aprile 2005 a mani proprie (per le particelle nn. 69 e 185) e in data 16 aprile 2005 a mani di persona dichiaratasi figlio convivente (per la particella n. 189).Il termine per l’impugnativa decorreva quindi non già dal 9 aprile 2005, sebbene, rispettivamente dal 20 aprile 2005, per il primo, con scadenza al 18 giugno 2005, e dal 16 aprile 2005, per la seconda, con scadenza al 15 giugno 2005 (dovendosi considerare, quale dies a quo, l’ultimo giorno della frazionata notifica di unico decreto di occupazione afferente a tre particelle diverse).Ne consegue che il ricorso, notific... _OMISSIS_ ...ugno 2005, è stato proposto in modo affatto tempestivo.»

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> TERMINE DECADENZIALE --> ESECUTORE DELL'OPERA RICHIESTA

Sintesi: Il termine caducatorio per la proposizione del ricorso non può decorrere dal momento in cui un diniego è comunicato, anziché al richiedente, all’artigiano esecutore dell’opera.

Estratto: «Deve essere preliminarmente rigettata l’eccezione di inammissibilità del ricorso per tardività della sua notifica.Il diniego di autorizzazione all’apposizione della lapide, infatti, è stato impropriamente comunicato dal Comune al soggetto esecutore dell’opera, il rapporto con il quale è configurabile come mero contratto d’opera, anziché alla... _OMISSIS_ ... concessione, unico soggetto legittimato passivo del procedimento conclusosi con il censurato provvedimento negativo.Né può valere, ai fini della configurabilità della tardività della notifica la presunzione di conoscenza del regolamento relativo alle concessioni cimiteriali del Comune resistente.A prescindere, infatti, dal fatto che possa o meno farsi richiamo, nel caso di specie, all’art. 1341 cod. civ. è lo stesso Comune a sostenere che “l’interesse all’impugnazione delle norme regolamentari acquista attualità e concretezza soltanto con l’adozione dell’atto applicativo” (pagina 3 della memoria conclusiva). Ne consegue che il termine caducatorio per la proposizione del ricorso non può che essere fatto decorrere dal momento in cui l... _OMISSIS_ ...e non anche l’artigiano esecutore dell’opera) ha avuto conoscenza del rigetto della propria istanza sulla scorta di quanto previsto dal regolamento presupposto, di cui risulta essere atto attuativo.Tanto più se si considera che è la concreta applicazione del regolamento – in ragione della quale si è ritenuto che nel riquadro 3 del modello allegato al Regolamento censurato il portafiori ammesso dovesse necessariamente avere la forma di un tradizionale vaso e non anche di una chitarra (nel caso di specie, infatti, i fiori escono da una chitarra, anziché da un vaso) – che ha leso la posizione giuridica soggettiva per la cui tutela ha agito la ricorrente.»

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> TERMINE DECADENZIALE --> IMPEDIMENTI DI ... _OMISSIS_ ...RLF| Sintesi: Ai fini del decorso del termine di impugnazione, non possono assumere rilievo alcuno le eventuali situazioni soggettive di temporanea “incapacità” (nella fattispecie, lo stato di gravidanza).

Estratto: «1.6. I principi sinora esposti inducono il Collegio, peraltro, a respingere le censure dell’appellante volte ad avversare il capo della impugnata decisione che ha affermato la tardività del mezzo di ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 10805 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo