Termini decadenziali per impugnare la nomina del commissario ad acta

Sintesi: Il provvedimento di nomina del commissario ad acta, per la sua natura ricettizia, richiede la notifica o la comunicazione individuale al destinatario, per cui, in difetto di diversa previsione normativa, deve ritenersi che la mera pubblicazione del provvedimento nel bollettino ufficiale regionale non sia sufficiente a far decorrere i termini di impugnazione che, necessariamente devono decorrere dal giorno in cui il comune destinatario dell'atto ha acquisito la piena conoscenza dello stesso.

Estratto: «Preliminarmente deve essere respinta l'eccezione di irricevibilità del ricorso per tardività. Il provvedimento di nomina del commissario ad acta, per la sua natura ricettizia, richiede la notifica o la comunicazione individuale al destinatario... _OMISSIS_ ...ifetto di diversa previsione normativa, deve ritenersi che la mera pubblicazione del provvedimento nel bollettino ufficiale regionale non sia sufficiente a far decorrere i termini di impugnazione che, necessariamente devono decorrere dal giorno in cui il comune destinatario dell'atto ha acquisito la piena conoscenza dello stesso. Nella fattispecie, la notifica del decreto impugnato risulta eseguita con lettera di comunicazione del 7 dicembre del 2005, per la quale non è nota la data di ricezione. Dal momento che l'onere della prova della tardività del ricorso grava sulla parte che lo eccepisce, in difetto di prova sulla data di ricezione dell'atto, deve essere rigettata l'eccezione di irricevibilità per tardività.»