Il piano delle opere pubbliche è immediatamente impugnabile quando incide sull'interesse dei privati

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> PROGETTAZIONE

Sintesi: Ammettere che tutti gli aspetti definiti dal preliminare non possano essere più contestati una volta divenuto inoppugnabile, configurerebbe una sorta d'inoppugnabilità a formazione progressiva ove, nell’ambito di una stessa opera pubblica, alcuni aspetti progettuali (quelli riconducibili al preliminare) sarebbero inoppugnabili e altri (quelli introdotti per la prima volta dalla progettazione definitiva) sarebbero oppugnabili; meglio allora conservare il livello di progettazione definitivo come soglia avverso la quale devono concentrarsi tutte le impugnative.

Estratto: «Da ultimo il Collegio rileva come la tesi dell’impugnabilità limitata al definitivo oltre a fondarsi s... _OMISSIS_ ...nti giuridici sia sostenuta da considerazioni di ordine pratico relative proprio alla effettività della tutela dei terzi. In sostanza ammettere l’impugnabilità diretta del preliminare significherebbe conseguentemente ammettere che tutti gli aspetti definiti dal preliminare non possano essere più contestati una volta divenuto inoppugnabile.Si configurerebbe, quindi, una sorta di inoppugnabilità a formazione progressiva ove nell’ambito di una stessa opera pubblica alcuni aspetti progettuali (quelli riconducibili al preliminare) sarebbero inoppugnabili e altri (quelli introdotti per la prima volta dalla progettazione definitiva) sarebbero oppugnabili con una confusione notevole nel caso in cui, come normalmente accade, i successivi livelli di progettazione trovasser... _OMISSIS_ ...mento nel livello progettuale precedente.Meglio allora conservare il livello di progettazione definitivo come soglia avverso la quale devono concentrarsi tutte le impugnative.»

Sintesi: L’approvazione del progetto preliminare di un’opera pubblica non è atto direttamente lesivo e non è dunque autonomamente impugnabile, mentre lo è l’approvazione del progetto definitivo, che – contenendo la dichiarazione di pubblica utilità – imprime al bene privato quella particolare qualità o utilità pubblica che lo rende assoggettabile alla procedura espropriativa, sì che solo esso rende attuale l’eventuale lesione derivata da vizi riferibili all’approvazione del progetto preliminare.

Estratto: «Per c... _OMISSIS_ ...rudenza, l’approvazione del progetto preliminare di un’opera pubblica non è atto direttamente lesivo e non è dunque autonomamente impugnabile, mentre lo è l’approvazione del progetto definitivo, che – contenendo la dichiarazione di pubblica utilità – imprime al bene privato quella particolare qualità o utilità pubblica che lo rende assoggettabile alla procedura espropriativa, sì che solo esso rende attuale l’eventuale lesione derivata da vizi riferibili all’approvazione del progetto preliminare (v., ex multis, TAR Campania, Salerno, Sez. I, 9 novembre 2007 n. 2482). La circostanza, quindi, che risultava all’epoca intervenuta solo l’approvazione del progetto preliminare e che, quanto alla revisione della disciplina ... _OMISSIS_ ...ergeva la mera adozione della variante al POC – mentre l’entrata in vigore della stessa sarebbe seguita solo all’approvazione e alla pubblicazione del relativo avviso nel bollettino ufficiale regionale (v. art. 34, co. 8 e 9, della legge reg. n. 20/2000) –, induce il Collegio a considerare insussistente in quel momento un onere di impugnativa di atti che non avevano ancora prodotto effetti pregiudizievoli per l’interesse individuale azionato.»

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> PROGETTAZIONE --> ELENCO TRIENNALE E AGGIORNAMENTO ANNUALE

Sintesi: L’inserimento di un’opera pubblica nel programma triennale incide sull’interesse dei privati per il fatto che l’opera stessa fino al momento... _OMISSIS_ ...usione nell’atto di programmazione in parola non è realizzabile mentre, successivamente a tale determinazione, ne è doverosa la realizzazione nel triennio secondo l’ordine di priorità del programma approvato e con le disponibilità finanziarie specificamente apprestate. Ne consegue l'immediata lesività del relativo provvedimento.

Estratto: «Neppure può dubitarsi della immediata lesività delle predette deliberazioni.Sul punto, giova rammentare che, con la richiamata deliberazione giuntale n. 34/2002 l’amministrazione ha modificato il programma triennale delle opere pubbliche inserendovi il progetto di ampliamento cimiteriale. Orbene, secondo l’orientamento espresso dal Consiglio di Stato (Sez. V, 23 ottobre 2002 n. 5824) e da questa... _OMISSIS_ .... Campania, Napoli, Sez. VIII, 16 dicembre 2011 n. 5876), l’inserimento di un’opera pubblica nel programma triennale incide sull’interesse dei privati per il fatto che l’opera contestata fino al momento della sua inclusione nell’atto di programmazione in parola non era realizzabile mentre, successivamente a tale determinazione, ne è doverosa la realizzazione nel triennio secondo l’ordine di priorità del programma approvato e con le disponibilità finanziarie specificamente apprestate. Si è quindi osservato che, con l’inserimento dell’opera nel programma di opere pubbliche, la valutazione decisiva sulla utilità e fattibilità della medesima da parte dell’ente locale vi è stata e la comunità locale deve prendere atto che una ... _OMISSIS_ ...di risorse finanziarie, personali ed organizzative dell’amministrazione locale è destinata a questa priorità, anziché ad altre opere ed interventi pur richiesti ma cionondimeno esclusi dalla programmazione e quindi, almeno temporaneamente, dalla realizzazione. Non si tratta, quindi, di un’attività meramente interna degli organi comunali di programmazione finanziaria e di razionalizzazione della spesa, ma invece di un atto fondamentale di individuazione degli obiettivi concreti da raggiungere da parte degli organi di governo dell’ente, cui corrisponde la facoltà di verifica dei cittadini, singoli o associati, sulla congruità e correttezza delle scelte effettuate.Parimenti rivestiva immediata portata lesiva la deliberazione giuntale n. 252/2002 con la quale, ... _OMISSIS_ ..., veniva dichiarata la pubblica utilità dell’opera.»

Sintesi: L'inserimento di un’opera pubblica nel programma triennale incide sull’interesse dei privati per il fatto che l’opera fino al momento della sua inclusione nell’atto di programmazione in parola non era realizzabile mentre, successivamente a tale determinazione, ne è doverosa la realizzazione nel triennio secondo l’ordine di priorità del programma approvato e con le disponibilità finanziarie specificamente apprestate. Detto piano delle opere pubbliche è pertanto immediatamente impugnabile.

Estratto: «Orbene, in ordine alla ammissibilità dell’impugnazione della programmazione triennale delle opere pubbliche, si registrano due contr... _OMISSIS_ ...menti in giurisprudenza.Secondo un primo indirizzo (T.A.R. Sicilia, Catania, 16 gennaio 2007 n. 76; T.A.R Umbria, 1 ottobre 2001 n. 499), il programma triennale delle opere pubbliche, già previsto dall’art. 14 L. 109/94 ed attualmente dall’art. 128 D.Lgs. 163/2006, non è uno strumento di pianificazione urbanistica e di governo del territorio; non si sovrappone agli strumenti...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15317 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo