Omessa impugnazione dei provvedimenti: conseguenze amministrative

Sintesi: L’impugnazione di atti presupposti immediatamente lesivi dell’interesse dei loro destinatari, consente di soprassedere alla impugnativa dell’atto consequenziale soltanto nell’ipotesi in cui l’eventuale annullamento dei primi sia in grado provocare un’automatica caducazione del secondo, vale a dire se il provvedimento successivo abbia carattere meramente esecutivo degli atti presupposti, ovvero faccia parte di una sequenza procedimentale che lo pone in rapporto di immediata derivazione dagli atti precedenti.

Estratto: «Tale decreto, notificato agli attuali appellanti, non risulta da loro impugnato.Questa Sezione ha già avuto modo di evidenziare che l’impugnazione di atti presupposti immediatamente lesivi ... _OMISSIS_ ...resse dei loro destinatari, consente di soprassedere alla impugnativa dell’atto consequenziale soltanto nell’ipotesi in cui l’eventuale annullamento dei primi sia in grado provocare un’automatica caducazione del secondo, vale a dire se il provvedimento successivo abbia carattere meramente esecutivo degli atti presupposti, ovvero faccia parte di una sequenza procedimentale che lo pone in rapporto di immediata derivazione dagli atti precedenti; e che, differentemente - ad esempio - dall’ipotesi del procedimento formativo del piano regolatore (che si articola fondamentalmente nei due provvedimenti di adozione e di approvazione del medesimo e nella quale - per l’appunto - l’impugnazione del primo ordinariamente esonera da quella del seco... _OMISSIS_ ...del procedimento di espropriazione non si verifica tale situazione, posto che il provvedimento di esproprio, ossia il c.d. atto consequenziale, è dotato di una sua precisa autonomia in grado di realizzare il definitivo trasferimento della titolarità del bene (così, ad es., Cons. Stato, Sez. IV, 27 marzo 2009 n. 1869).L’omessa impugnazione del provvedimento di esproprio, non caducabile ex se per effetto dell’accoglimento delle impugnative proposte nei confronti dei suoi atti preparatori, rende pertanto queste ultime improcedibili per sopravvenuto difetto di interesse alla loro decisione (cfr. ibidem).»

Sintesi: La mancata impugnazione della delibera di approvazione della variante al piano regolatore non determina improcedibilità del ric... _OMISSIS_ ...vverso la delibera di adozione del medesimo, poiché l'annullamento di quest'ultima esplica effetti caducanti e non meramente vizianti sul successivo provvedimento di approvazione nella parte in cui conferma le previsioni contenute nel piano adottato e fatto oggetto di impugnativa.

Estratto: «3.Muovendo secondo il detto ordine, rileva il Collegio che deve essere senz’altro disattesa – con le precisazioni che seguono- la doglianza proposta dall’appellante amministrazione comunale di inammissibilità del mezzo di primo grado e la connessa doglianza riproposta nel primo motivo dell’ appello, volta a riaffermare la originaria inammissibilità del mezzo di primo grado in quanto non era stato gravato il provvedimento di approvazione della ... _OMISSIS_ ...o; (ma soltanto quello di adozione della medesima).Ritiene in proposito il Collegio di doversi limitare a richiamare il consolidato orientamento della giurisprudenza di questa Sezione del Consiglio di Stato – dal quale non si ravvisa alcuna ragione per discostarsi- a tenore del quale, da un canto, “Poiché la mera adozione del piano, non ancora approvato, determina la facoltà, ma non anche l'onere di impugnazione, si deve ritenere che la delibera, avente ad oggetto prescrizioni urbanistiche, soltanto adottata, non determini, in pendenza del procedimento di approvazione, la "novazione" della fonte procedimentale del rapporto, non rendendo, pertanto, improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse il ricorso contro la variante al pendente piano re... _OMISSIS_ ...o;(Cons. Stato Sez. IV, 09-09-2009, n. 5402 ).In coerenza con detto orientamento, e con più stretta aderenza alla odierna materia del contendere, è stato rilevato da pacifica giurisprudenza (Cons. St., sez. IV, 8 marzo 2010, n. 1361, e 23 luglio 2009, n. 4662) che “la mancata impugnazione della delibera di approvazione della variante al piano regolatore non determina improcedibilità del ricorso proposto avverso la delibera di adozione del medesimo, poiché l'annullamento di quest'ultima esplica effetti caducanti e non meramente vizianti sul successivo provvedimento di approvazione nella parte in cui conferma le previsioni contenute nel piano adottato e fatto oggetto di impugnativa.” (si veda anche, per quanto riguarda la giurisprudenza di merito, ex multis: T.A.R.... _OMISSIS_ ...Sez. I, 25-07-2012, n. 493, ma anche T.A.R. Abruzzo Pescara Sez. I, 11-01-2011, n. 22, T.A.R. Lombardia Milano Sez. II, 30-01-2007, n. 119). La censura di inammissibilità originaria del mezzo di primo grado va pertanto certamente disattesa.»

Estratto: «Rilevato che:- dalla lettura della documentazione versata in atti dalla difesa erariale, che comunque insiste sulla legittimità della richiesta di pagamento, risultano adottate dall’amministrazione nei confronti del Signor G. D. due nuove intimazioni di pagamento, per la medesima cifra indicata nell’atto qui impugnato, e segnatamente l’intimazione n. prot. 1738 dell’8 aprile 1995 e n. prot. 8653 del 23 dicembre 1998, entrambe dell’Ufficio registro demanio, Rep. II di Rom... _OMISSIS_ ...attento esame della documentazione presente nel fascicolo non risulta che il Signor D. abbia mai sottoposto a gravame detti atti che, essendo stati adottati dopo la sospensione giudiziale dell’efficacia dell’atto di intimazione qui oggetto di impugnazione, acquisiscono una capacità pregiudizievole autonoma assorbendo quella recata dall’atto di intimazione n. 12856 del 1991;- è di comune conoscenza il principio secondo il quale nel processo amministrativo l’interesse a ricorrere è caratterizzato dalla presenza degli stessi requisiti che qualificano l’interesse ad agire di cui all’art. 100 c.p.c., vale a dire dalla prospettazione di una lesione concreta ed attuale della sfera giuridica del ricorrente e dall’effettiva utilità che potreb... _OMISSIS_ ...rsquo;ultimo dall’eventuale annullamento dell’atto impugnato, sicché anche nel sistema giurisdizionale amministrativo sarebbe del tutto inutile eliminare un provvedimento o modificarlo nel senso richiesto dal ricorrente, se questi non possa trarne alcun beneficio concreto in relazione alla sua posizione legittimante, dovendosi comunque giudicare inammissibile, per difetto d'interesse, un'impugnazione che sia diretta all'emanazione di una pronuncia priva di rilievo pratico (così Cass. 3 agosto 1984 n. 4616);- consegue da quanto sopra, ai fini dell’ammissibilità del ricorso ovvero della procedibilità dello stesso, che deve sussistere piena corrispondenza tra interesse sostanziale dedotto in giudizio, lesione prospettata e provvedimento richiesto [... _OMISSIS_ ... ricorso è inammissibile per carenza di interesse in tutte le ipotesi in cui l’annullamento giurisdizionale di un atto amministrativo non sia in grado di arrecare alcun vantaggio all’interesse sostanziale del ricorrente (che ne "legittima" l’instaurazione del giudizio)] e che, inoltre, l’interesse al ricorso, in quanto condizione dell’azione, deve sussistere sia al momento della proposizione del gravame, che al momento della decisione, con conseguente attribuzione al giudice amministrativo del potere di verificare la persistenza della predetta condizion...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 39237 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 8,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo