Ricorso per cassazione delle sentenze del Tribunale superiore delle acque pubbliche (T.S.A.P.)

Sintesi: In caso di pronuncia extra petita da parte del T.S.A.P. non è esperibile il ricorso per cassazione, ma lo specifico rimedio del ricorso allo stesso tribunale, contemplato dall'art. 517 n. 6 c.p.c. 1865 per il caso in cui abbia omesso di pronunciare sopra alcuno dei capi della domanda, posto che a tale norma rinvia l'art. 204 R.D. 1775/1933.

Estratto: «7.2. Non può invece trovare ingresso la doglianza relativa all'omessa pronuncia sulla domanda di risarcimento del danno posteriore alla sentenza di primo grado, perché, secondo la consolidata giurisprudenza di questa corte, ai sensi del R.D. n. 1775 del 1933, art. 204 - il quale opera un rinvio recettizio al codice di procedura civile del 1865 - in caso di pronuncia extra petita da parte ... _OMISSIS_ ...uperiore delle acque pubbliche non è esperibile il ricorso per cassazione, ma lo specifico rimedio del ricorso allo stesso tribunale, contemplato da detta norma per il caso in cui abbia omesso di pronunciare sopra alcuno dei capi della domanda, previsto all'art. 517 c.p.c. 1865, n. 6, (Cass. S.U. 10 luglio 2006, n. 15617; Cass. Sez. un. 12 gennaio 2011 n. 505).»

Estratto: «4.- Con il terzo motivo la ricorrente si duole, sotto i profili della violazione di legge e del vizio di motivazione, della affermata equivalenza delle concause determinanti l'evento dannoso (se riferita anche alla Regione), senza stabilire, inoltre, la misura del regresso in favore dei Consorzi, ritualmente richiesto.4.1.- Il terzo motivo è inammissibile.La ricorrente deduce... _OMISSIS_ ...fermazione della equivalenza può essere riferita esclusivamente ai Consorzi ed all'Impresa appaltatrice", precedendo, tra l'altro, l'affermazione di responsabilità della Regione, ed assume che, sulla sua domanda di regresso, mancherebbe ogni pronuncia. Ciò posto, va ribadito che, ai sensi del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775, art. 204 (T.U. delle acque) - che opera un rinvio ricettizio alle corrispondenti norme del codice di procedura civile del 1865 - qualora il Tribunale superiore delle acque pubbliche abbia omesso di pronunciarsi su di una domanda, l'impugnazione esperibile non è il ricorso alle Sezioni Unite della Corte di cassazione, previsto dagli artt. 200-202 del medesimo t.u., bensì l'istanza di rettificazione rivolta al medesimo Tribunal... _OMISSIS_ ...ss., SS.UU. 10 settembre 2009 n. 19448; SS.UU., 14 settembre 2010 n. 19512).»

Sintesi: Ai sensi del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775, art. 204 (T.U. delle acque) - che opera un rinvio ricettizio alle corrispondenti norme del codice di procedura civile del 1865 - qualora il Tribunale superiore delle acque pubbliche abbia omesso di pronunciarsi su di una domanda, l'impugnazione esperibile non è il ricorso alle Sezioni Unite della Corte di cassazione, previsto dagli artt. 200-202 del medesimo t.u., bensì l'istanza di rettificazione rivolta al medesimo Tribunale superiore.

Sintesi: Avverso le sentenze del Tribunale superiore delle acque pubbliche - alle quali sia applicabile "ratione temporis" il D.Lgs. n. 40 del 2006 -, il ricorso pe... _OMISSIS_ ...232; ammesso anche per denunziare il vizio di motivazione di cui all'art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

Estratto: «7.1. Il motivo è infondato.Con esso, in buona sostanza, il ricorrente sostiene che se l'attrice avesse adottato il sistema della fondazione con pali trivellati e non con platea, non si sarebbero avuti gravi effetti deformativi con l'esondazione e quindi ci sarebbe stata una limitazione dei danni.Anche in questo caso la prospettazione attiene ad un concorso della condotta colposa del danneggiato nella causazione dell'evento dannoso (sul quale istituto si è già detto).7.2. Sul punto la decisione del Tsap è chiara e corretta.Anzitutto va ricordato che avverso le sentenze del Tribunale superiore delle acque pubbliche - alle quali sia... _OMISSIS_ ...uot;ratione temporis" il D.Lgs. n. 40 del 2006 -, il ricorso per cassazione è ammesso anche per denunziare il vizio di motivazione di cui all'art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (Cass. Sez. Unite, 02/12/2008, n. 28547).La sentenza impugnata ha rilevato che la questione del tipo di fondazione è irrilevante. Infatti, poiché la scelta di una fondazione a platea risultava conforme ai canoni tecnici ed era stata approvata dalle autorità competenti, secondo le conclusioni del ctu non poteva addebitarsi alla Cepi alcun profilo di colpa per aver adottato tale soluzione, in quanto non potrebbe individuarsi una colpa per non aver previsto che in caso di alluvione del cantiere (e quindi in corso d'opera senza carichi stabilizzanti la fondazione a platea) i danni per... _OMISSIS_ ... su pali trivellati sarebbero stati inferiori.La questione, quindi, non è quale fosse la migliore fondazione possibile, su cui si è diffuso il ricorrente, ma se l'attrice fosse in colpa (quella rilevante ex art. 1227 c.c.) nell'aver adottato la fondazione a platea.Con la suddetta argomentazione, immune da vizi logici o giuridici, il Tsap ha escluso l'esistenza di tale colpa nella fattispecie in esame.Le contrarie censure del ricorrente si risolvono in una diversa lettura delle risultanze processuali, inammissibile in questa sede di sindacato di legittimità.»

Sintesi: Costituisce accertamento di fatto quello compiuto dal Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche in relazione all'idoneità dell'invio al concessionario della richiesta dell'Ent... _OMISSIS_ ...zzata all'Amministrazione statale di determinare i sovracanoni a svolgere la funzione cui è preordinato l'avviso di avvio del procedimento, che è quella di consentire agl'interessati d'interloquire al riguardo a tutela dei propri interessi. Ciò in applicazione del principio di equipollenza al rituale avviso di avvio del procedimento di atti che abbiano comunque reso edotto l'interessato dell'inizio del procedimento ponendolo in condizione di parteciparvi.

Estratto: «3.Con il secondo motivo si denuncia la violazione della L. n. 2248 del 1865, artt. 4 e 5 della L. n. 241 del 1990, art. 7 e del R.D. n. 1775 del 1933, art. 53 in relazione all'art. 200 dello stesso R.D., per avere la sentenza impugnata rigettato il secondo motivo di appello, relativ... _OMISSIS_ ...viso dell'avvio del procedimento, non avendo l'Agenzia del Demanio comunicato alla SECAB l'inizio del procedimento per l'imposizione dei sovracanoni, privandola della possibilità d'intervenire nel relativo procedimento, con conseguente nullità del provvedimento adottato. Si deduce al riguardo che il TSAP aveva errato sia ne considerare non dovuto l'avviso dell'inizio del procedimento, sia nel ritenere che la comunicazione della provincia di Udine alla SECAB della richiesta al Ministero delle Finanze di determinare la misura del sovracanone fosse idonea a permetterle d'intervenire nel procedimento, mentre l'avviso di procedimento deve venire dall'autorità che deve emanare l'atto e contenere il nominativo del responsabile del procedimento. Si formulano in propos... _OMISSIS_ ...quesiti: "Dica la Corte se alla luce della L. n. 2248 del 1865, artt. 4 e 5 della L. n. 241 del 1990, art. 7 del R.D. n. 1775 del 1933, art. 53 e art. 97 Cost. la mancata comunicazione dell'avvio di procedimento renda l'atto emanato in violazione di quel principio illegittimo e se quindi l'AGO possa disapplicarlo per evitare la lesione dei diritti soggettivi della parte privata incisa dal provvedimento"."Dica la Corte se nel caso di specie l'invio per mera conoscenza alla concessionaria dell'atto con cui la Provincia di Udine invitava l'Agenzia del Demanio a provvedere alla determinazione di sovracanoni possa costituire equipollente all'avviso di avvio del procedimento o se invece occorra un espresso esplicito avviso dell'Ente impositore e unico legittimato a ... _OMISSIS_ ......


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17435 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo visibile in questa pagina è composto da contenuti tratti dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click.

pdf 3048 pagine in formato A4

45,00 €