Impugnazione del contratto siglato tra il privato e la P.A.

Sintesi: I contratti fra un'amministrazione ed un soggetto privato vanno contestati nei termini di prescrizione e non sono provvedimenti da impugnare a pena di decadenza.

Estratto: «15. Solo per completezza, si aggiunge infine che tale pronuncia di accoglimento si fonda sui fatti accertati nei termini di cui sopra, e non certo sulla circostanza valorizzata dal Comune nelle conclusioni, per cui la D. non avrebbe “impugnato i contratti tra la stessa e il Comune di Mantova aventi ad oggetto l'immobile di proprietà di quest'ultimo sito in Mantova, via Concezione 22 e neppure il bando di vendita del medesimo immobile”. E'infatti chiaro che i contratti fra un'amministrazione ed un soggetto privato vanno contestati, così come avvenuto nella pre... _OMISSIS_ ...i termini di prescrizione, e non sono provvedimenti da impugnare a pena di decadenza. E'poi altrettanto chiaro che l'efficacia di provvedimento di un bando di vendita è quella di obbligare l'amministrazione a cedere il bene, non certo quella di qualificare con efficacia vincolante il rapporto fra la stessa e un eventuale occupante di esso.»

Sintesi: Il rilevo d'ufficio della nullità è possibile anche nel caso di domanda riguardante la risoluzione o la rescissione del contratto, un vizio cioè non genetico, ma sopravvenuto al suo nascere. In tal caso il giudice può dichiarare la riscontrata nullità del negozio, con l'unico limite dell'eventuale formazione di un giudicato interno.

Sintesi: Il giudice può rilevare d'u... _OMISSIS_ ...4; di un contratto, a norma dell'art. 1421 c.c., anche se sia stata proposta la domanda di annullamento (o di risoluzione o di rescissione) del contratto, senza incorrere nel vizio di ultrapetizione, atteso che in ognuna di tali domande è implicitamente postulata l'assenza di ragioni determinanti la nullità del contratto medesimo; ne consegue che il rilievo di quest'ultima da parte del giudice da luogo a pronunzia non eccedente i limiti della causa, la cui efficacia resta commisurata nei limiti della domanda proposta, potendo quindi estendersi all'intero rapporto contrattuale se questa lo investa interamente.

Estratto: «Sotto il profilo logico-giuridico è opportuno esaminare il terzo motivo del ricorso principale con il quale gli esponenti... _OMISSIS_ ... violazione e falsa applicazione degli artt. 112 e 101 c.p.c., artt. 1418 e 1483 c.c.; art. 111 Cost. sostengono che il giudice a quo non poteva dichiarare d'ufficio la nullità del contratto perché mai sollecitata dalle parti interessate, atteso che i coniugi Sa. - Se.".... non avevano mai formulato o tanto meno prospettato nel corso del giudizio, ipotesi o profili di nullità del contratto preliminare stipulato con il Ci....", nei cui confronti essi si erano limitati a chiedere la condanna "al risarcimento dei danni conseguenti all'evizione del bene, danni da precisarsi in corso di causa" Peraltro gli attori non avevano neanche insistito nella domanda d'adempimento del contratto, ciò che avrebbe consentito la pronuncia di nullità ... _OMISSIS_ ...,in considerazione del potere del giudice di verificare la sussistenza delle condizioni dell'azione promossa, ciò che non gli è consentito quando la domanda fosse diretta a far dichiarare l'invalidità del contratto ovvero la risoluzione per inadempimento.La doglianza non ha pregio. Invero il rilevo d'ufficio della nullità è possibile anche nel caso di domanda riguardante la risoluzione o la rescissione del contratto, un vizio cioè non genetico, ma sopravvenuto al suo nascere. In tal caso il giudice può dichiarare la riscontrata nullità del negozio, con l'unico limite dell'eventuale formazione di un giudicato interno.Ed invero, secondo la giurisprudenza di questo S.C."Il giudice può rilevare d'ufficio la nullità di un con... _OMISSIS_ ... dell'art. 1421 c.c., anche se sia stata proposta la domanda di annullamento (o di risoluzione o di rescissione) del contratto, senza incorrere nel vizio di ultrapetizione, atteso che in ognuna di tali domande è implicitamente postulata l'assenza di ragioni determinanti la nullità del contratto medesimo; ne consegue che il rilievo di quest'ultima da parte del giudice da luogo a pronunzia non eccedente i limiti della causa, la cui efficacia resta commisurata nei limiti della domanda proposta, potendo quindi estendersi all'intero rapporto contrattuale se questa lo investa interamente (Cass. Sez. 3, n. 2956 del 07/02/2011; Sez. 3, n. 23674 del 15/09/2008; Sez. 3, n. 18540 del 20/08/2009).Ha osservato ancora questa Corte che "...Nel caso in cui le parti di un cont... _OMISSIS_ ...dosi reciproci inadempimenti, chiedano ciascuna nei confronti dell'altro la risoluzione ai sensi dell'art. 1453 cod. civ., il giudice può rilevare d'ufficio la nullità del contratto stesso (nella specie, per difetto di forma scritta prescritta "ad substantiam") in ogni stato e grado del giudizio, col solo limite della formazione del giudicato interno (Cass. Sez. 3, n. 23674 del 15/09/2008).»

Sintesi: La nullità, come l'inesistenza, d'un contratto vanno, infatti, rilevate d'ufficio, anche per la prima volta in sede di gravame, ex art. 1421 c.c., salva, peraltro, la necessità di coordinarne il disposto con il principio della domanda fissato dagli artt. 99 e 112 c.p.c..

Sintesi: Solo se siano in contestazione l'applicazio... _OMISSIS_ ...ne d'un contratto la cui validità rappresenti un elemento costitutivo della pretesa, il giudice è tenuto a rilevare in qualsiasi stato e grado del giudizio, indipendentemente dall'attività assertiva delle parti, l'eventuale nullità del contratto stesso in quanto ostativa all'accoglimento della domanda per difetto d'una delle sue condizioni, mentre, se la contestazione attiene direttamente all'illegittimità dell'atto, una ragione di nullità diversa da quella posta a base della domanda introduttiva, come non può esser dedotta per la prima volta in sede di gravame, trattandosi di domanda nuova e diversa rispetto a quella ab origine proposta dalla parte, così neppure può essere rilevata d'ufficio.

Sintesi: La sanzione della... _OMISSIS_ ...el contratto è comminata in relazione ad una pluralità di vizi tassativamente determinati, pertanto la parte non può far valere in sede di gravame una diversa causa di nullità rispetto a quella dedotta in primo grado, e il giudice non può porre alla base della decisione ragioni di nullità diverse da quella originaria; nondimeno, a diversa soluzione si deve pervenire ove la questione della nullità sia stata introdotta nel giudizio non in via d'azione bensì in via d'eccezione ed il giudice ritenga di rilevare d'ufficio aspetti di patologia del contratto stesso non rilevati dalla parte pur interessata a farne dichiarare l'improduttività d'effetti.

Sintesi: La questione di nullità del contratto sollevata dal convenuto,... _OMISSIS_ ...li estremi né d'una domanda riconvenzionale, né di un'eccezione riconvenzionale, né, infine, di un'eccezione in senso stretto o sostanziale bensì si prospetta solo quale mera difesa che non condiziona il preesistente potere-dovere del giudice di rilevare ex officio una nullità ravvisabile in aspetti distinti di patologia negoziale.

Estratto: «1.1 - Con il primo motivo il ricorrente denunzia violazione e falsa applicazione degli artt. 112, 342 e 345 cod. proc. civ., della L. n. 47 del 1985, artt. 17, 18 e 40 e dell'art. 2909 cod. civ., nonché vizio di motivazione, censurando la sentenza impugnata per non avere pronunziato su di un'eccezione espressamente formulata, con la quale si era ...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15819 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo