La formula contenuta nell'epigrafe del ricorso? Mero stile

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> ATTI IMPUGNATI, IDENTIFICAZIONE

Sintesi: Per costante giurisprudenza, la formula contenuta nell'epigrafe del ricorso, con cui si estende l’impugnazione, anche gli atti presupposti, connessi e conseguenti, ecc. ecc. assume il carattere di una clausola di mero stile, come tale è del tutto inconferente.

Estratto: «Per costante giurisprudenza la formula contenuta nell'epigrafe, con cui si estende l’impugnazione, anche gli atti presupposti, connessi e conseguenti, ecc. ecc. assume il carattere di una clausola di mero stile, come tale è del tutto inconferente (cfr. ad es. Consiglio Stato, Sez. IV 26 marzo 2013 n.1695; Consiglio Stato, Sez. V, 20 gennaio 2003 n. 165;ecc.).Non può dunque trovare ades... _OMISSIS_ ...pretesa, introdotta in questa sede, ad una autonoma qualificazione d’ufficio da parte del primo Giudice dell’atto aggiuntivo di gravame come generica “memoria difensiva” o come “elementi di prova” dell’illegittimità dell’ablazione della proprietà oggetto dell’impugnativa.In presenza di un atto specificamente denominato dalla parte stessa come “motivi aggiunti”, tardivamente notificato alle controparti, il giudice non può procedere alla relativa arbitraria autonoma loro qualificazione come meri “scritti difensivi”.Tale determinazione si risolverebbe, nella realtà delle cose, in un artificioso aggiramento del principio della tassatività del termine e nella violazione delle regole del giusto processo ... _OMISSIS_ ... in quanto consentirebbe di introdurre nel processo profili di censura sostanzialmente nuovi, siccome non contenuti nell’atto introduttivo.»

Sintesi: L'identificazione degli atti impugnati col ricorso giurisdizionale va operata non già con formalistico riferimento all'epigrafe del ricorso, bensì in relazione all'effettiva volontà del ricorrente desumibile dall’insieme dei motivi prospettati, dalla concreta situazione in essere e da ogni altro elemento utile, nella specie, a rivelare la volontà del ricorrente di impugnare, unitamente al provvedimento conclusivo tutti gli atti compiuti dall’Amministrazione.

Sintesi: Deve ritenersi impugnato il provvedimento amministrativo che sia stato dall’Amministrazione menz... _OMISSIS_ ...vedimento formalmente impugnato e sia stato in concreto censurato nel corso del ricorso con specifiche contestazioni dirette a far dichiarare la sua invalidità, a prescindere dal fatto che sia stato, o meno, espressamente indicato nell'epigrafe del ricorso di primo grado come oggetto dell'impugnazione.

Estratto: «___ 2. Con il secondo motivo si lamenta che, erroneamente il Tar avrebbe omesso di esaminare l’eccezione di inammissibilità del ricorso conseguente alla mancata impugnazione dell’ordinanza n.186 del 13 marzo 2006, con cui si autorizzavano l’apposizione del “gazebo” a condizione che: -- non fosse utilizzato assolutamente alluminio anodizzato; -- il manufatto non costituisse barriera al godimento dei paesaggi ai sensi... _OMISSIS_ ...icolo 9, comma g.) del p.t.p.; -- fosse completamente smontabile in ogni loro parte; -- fosse montato nel periodo 1.4.2006/30.10.2006 con dieci giorni di tolleranza per lo smontaggio. L’atto impugnato in questa sede sarebbe perciò un atto meramente confermativo, della precedente ordinanza pienamente conosciuta dalla controinteressata, il cui annullamento non porterebbe alcuna utilità sostanziale, rimanendo immutata l’efficacia precettiva dell’ordinanza comunale.Anche tale eccezione va disattesa.Come è noto, l'identificazione degli atti impugnati col ricorso giurisdizionale va operata non già con formalistico riferimento all'epigrafe del ricorso, bensì in relazione all'effettiva volontà del ricorrente desumibile dall’insieme dei motivi prospetta... _OMISSIS_ ...eta situazione in essere e da ogni altro elemento utile, nella specie, a rivelare la volontà del ricorrente di impugnare, unitamente al provvedimento conclusivo tutti gli atti compiuti dall’Amministrazione (cfr. Consiglio Stato, sez. V, 16 marzo 2005, n. 1076; Consiglio Stato, Sez. V, 14 aprile 2008, n. 1643). Deve quindi ritenersi impugnato il provvedimento amministrativo che, come nel caso in esame, sia stato dall’Amministrazione menzionato nel provvedimento impugnato e sia stato in concreto censurato nel corso del ricorso con specifiche contestazioni dirette a far dichiarare la sua invalidità, a prescindere dal fatto che sia stato, o meno, espressamente indicato nell'epigrafe del ricorso di primo grado come oggetto dell'impugnazione.Qui, la contestazione ... _OMISSIS_ ...6/2006 – peraltro mai comunicata in precedenza alla controinteressata – è chiaramente desumibile dall'esposizione dai motivi di merito del ricorso prospettati in primo grado, che appaiono tutti diretti alla radicale contestazione dei presupposti giuridici, delle prescrizioni e delle determinazioni finali assunte dall’Ufficio Tecnico comunale con la citata ordinanza. In conseguenza delle censure accolte, l’accoglimento del ricorso di primo grado investe in pieno anche la citata ordinanza n.186, la quale contrasta direttamente con la portata sostanziale dell’annullamento, e soprattutto con l’obbligo del Comune di adottare tutte le misure ripristinatorie ed inibitorie di analoghi future iniziative dell’appellante.Deve poi essere assolut... _OMISSIS_ ...la natura di atto confermativo della nota dell’1.8.2006, e di conseguenza la pretesa inammissibilità del ricorso originario sotto tale profilo. Quando infatti l'esercizio dell'autotutela è sollecitato da un terzo, il provvedimento di diniego a provvedere, che si rivolge al controinteressato, attiene comunque all’esercizio di poteri di controllo che ha natura di attività amministrativa di secondo grado. In tali ipotesi dunque anche se di fatto il rifiuto di procedere ha un effetto sostanzialmente confermativo, tale profilo resta del tutto estraneo al titolo originario, né lo assorbe come avviene tipicamente in caso di atto confermativo (arg. ex Consiglio Stato, sez. VI, 31 marzo 2011, n. 1983). L’impugnato rifiuto a far luogo a provvedimenti sanzionatori, è ... _OMISSIS_ ... in esito di un nuovo, e differente, procedimento scaturito dall’iniziativa procedimentale del terzo; in base ad nuova istruttoria ed ad una rinnovata ponderazione degli interessi, ed è stato concluso con un'autonoma determinazione di non far luogo a provvedimenti sanzionatori richiesti con la diffida. Pertanto deve negarsi la tardività dell’impugnazione di primo grado, in quanto l’appellata ha ritualmente promosso, nel termine decadenziale, ricorso avverso l’atto formale di rifiuto di provvedere in autotutela nei riguardi di una costruzione di un terzo, erroneamente ritenuta invece legittima dall’Amministrazione.»

GIUDIZIO --> IMPUGNAZIONE --> ATTI NON ESECUTORI

Sintesi: I provvedimenti esecutivi ma non... _OMISSIS_ ... ricorribili in giudizio, in quanto dotati della capacità di incidere negativamente sulla sfera giuridica degli amministrati e perciò aventi comunque valenza lesiva.

Estratto: «III) Il ricorso è ammissibileVa disattesa la relativa eccezione sollevata dal Comune di Pesaro nell’atto di costituzione in data 3.7.1990 e ribadita nella memoria conclusiva in data 27.4.2007.1. Secondo l’Amministrazione, il provvedimento sanzionatorio impugnato non sarebbe stato immediatamente lesivo della sfera so...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 19030 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo
Nuovo

L’articolo visibile in questa pagina è composto da contenuti tratti dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e scaricabile con pochi click.

pdf 3048 pagine in formato A4

45,00 €