La direttiva Bolkestein nell'ordinamento nazionale

uo;entrata in vigore L’elaborato originario della direttiva 2006/123/CE, generalmente indicata con il nome del suo curatore [30], è stato presentato dalla Commissione europea nel febbraio 2004 con il dichiarato obiettivo di favorire, all’interno della Comunità, la circolazione dei servizi per sfruttare le potenzialità di un mercato che rappresenta circa il 70% del PIL e dell’occupazione nella maggior parte degli Stati membri.

I suoi principi ispiratori sono riconducibili alle conclusioni cui era pervenuta la Corte di Giustizia delle Comunità Europee con la sentenza del 20 febbraio 1979 [31], concernente la libera circolazione dei beni, al fine di applicarne i relativi concetti anche al settore «servizi».

Per l... _OMISSIS_ ...sioni delle rappresentanze politiche presenti nel consesso continentale (spazianti dal liberismo acceso allo stretto nazionalismo), la sua genesi non è stata scevra di vasti contrasti che ne hanno modificato sensibilmente il testo primitivo e hanno condotto alla sua definitiva approvazione soltanto il 12 dicembre 2006 (pubblicato sulla G.U.C.E. del 27 dicembre 2006).

Ai sensi dell’articolo 44, gli Stati membri avrebbero dovuto emanare «le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alle disposizioni della presente direttiva entro il 28 dicembre 2009», comunicandone immediatamente il testo alla Commissione [32].

In realtà, come ricordato, l’Italia ha ottemperato alla previsione solta... _OMISSIS_ ...gs. 26 marzo 2010, n. 59 [33], la cui entrata in vigore risulta quindi successiva sia al termine previsto dalla direttiva, sia alla risposta fornita a seguito della messa in mora del 29 gennaio 2009.

Non si tratta di elementi secondari in quanto la disposizione comunitaria non interviene a disciplinare in modo compiuto l’intera materia dei servizi ma, ponendosi come «direttiva quadro», lascia ampio margine di manovra agli Stati membri circa le modalità di attuazione dei principi generali dalla stessa indicati.

Da tale circostanza consegue che, qualora vi fosse stata una volontà politica realmente sussistente, il regime delle concessioni demaniali marittime avrebbe potuto essere oggetto di tentativo di specifica esclusione, ai s... _OMISSIS_ ...;articolo 2 e seguenti del citato decreto n. 59/2010, interpretando ed utilizzando la nozione di «motivi imperativi di interesse generale» che la stessa direttiva prevede come derogatoria [34].

Ovviamente, l’avvalersi di tale facoltà non avrebbe reso immune il nostro Paese da eventuali contestazioni, ma avrebbe costituito il chiaro segnale che il demanio marittimo, per le sue peculiarità di destinazione, dovesse essere ritenuto un settore nel quale «le attività connesse con l’esercizio di pubblici poteri, quando le stesse implichino una partecipazione diretta e specifica all’esercizio del potere pubblico e alle funzioni che hanno per oggetto la salvaguardia degli interessi generali dello Stato» [35], rivestono un sign... _OMISSIS_ ...alenza sugli aspetti economico-concorrenziali.


Una teoria interpretativa Il mancato inserimento della fattispecie costituisce quindi limpida espressione di un’interpretazione nazionale che intende far rientrare le concessioni demaniali marittime nell’ambito applicativo della normativa sui servizi, con conseguente superamento di tutte le disposizioni – non in linea – che, fino a quella data, avevano regolato il settore [36].

Peraltro, dalla cronologia dei fatti descritti, si rileva agevolmente come le premesse che hanno condotto alla successiva evoluzione aleggiassero da tempo e, acquisita tale consapevolezza, trovano spiegazione sia il contenuto della nota di risposta del governo italiano alla primitiva contesta... _OMISSIS_ ...ia (da molti considerata, più che una striminzita difesa d’ufficio, una vera e propria resa senza condizioni), sia i successivi interventi legislativi.

Non si deve trascurare, inoltre, che l’articolo 41 della direttiva de qua ha espressamente introdotto una clausola di revisione [37], fissando come prima scadenza il 28 dicembre 2011 – e successivi appuntamenti triennali –, per l’eventuale esame delle proposte di modifica da avanzarsi da parte degli Stati comunitari a seguito di un monitoraggio sotteso alla verifica dell’attuazione della norma.

Ne deriva che, se l’assoggettabilità delle concessioni demaniali marittime alla nuova disciplina fosse stata intesa come mera conseguenza e non voluta dall&rsquo... _OMISSIS_ ... sarebbe potuti intervenire in modo incisivo per palesare l’atipicità della fattispecie rispetto alle altre contemplate.

Oltre ai motivi derogatori previsti nell’indirizzo comunitario previamente rammentati, che avrebbero potuto costituire la base per una circostanziata difesa della posizione nazionale, infatti, è opportuno sottolineare che l’articolo 12 presuntivamente violato prevede l’obbligatorio ricorso a procedure selettive – imparziali, trasparenti e adeguatamente pubblicizzate – per la scelta dei candidati soltanto «qualora il numero di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche utilizzabili».

... _OMISSIS_ ...n immediata evidenza come nessuna delle due circostanze possa essere direttamente ascritta al demanio marittimo: la presenza di circa 8.000 kilometri di costa (dei quali meno di un terzo concessionati) per il cui generico uso non sono necessarie competenze particolarmente caratterizzanti dal punto di vista professionale, sembrano dimostrarlo in modo netto.

Comprensibilmente ciò non potrebbe indurre a sostenere tout court l’inapplicabilità – non soltanto della direttiva servizi, ma anche – dei principi generali contenuti nel Trattato CE alla disciplina demaniale marittima nazionale, ma avrebbe costituito la solida base interpretativa per un ponderato esame delle situazioni in essere.

La maggior parte dei precetti, in buona sost... _OMISSIS_ ...settore degli «appalti», che si vogliono oggi applicabili al demanio marittimo, presuppone un «oggetto» certo (affidamento di un particolare servizio, realizzazione di una specifica opera, ecc.): è palese come la concessione possa rispondere a tali esigenze soltanto se sia preventivamente e precisamente definita nella sua consistenza (limiti spaziali, temporali e di destinazione) dall’autorità concedente.

Aderire supinamente a tale pensiero comporterebbe la volontà di «cristallizzare» la situazione concessoria al momento esistente sul demanio marittimo (o comunque la previsione di circoscrivere in modo netto il numero delle concessioni assentibili).


Coerenza con le norme codicistiche In effetti... _OMISSIS_ ...ntrale da tenere in consider...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 15114 caratteri complessivi dell'articolo.

 Sono omessi dal presente articolo eventuali note ed altri contenuti reperibili nel prodotto

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo