Cessazione del rapporto di concessione demaniale: decadenza e disdetta
DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CESSAZIONE DEL RAPPORTO --> DECADENZA

Un contratto di affitto stipulato tra un concessionario di suolo demaniale e un terzo, senza l'acquisizione dell'autorizzazione dell'autorità concedente, è sì valido ed efficace tra le parti contraenti, e anche opponibile agli eventi causa del concessionario, mentre, sotto il profilo pubblicistico, può comunque giustificare una decadenza della concessione, per inosservanza delle prescrizioni imposte dall'autorità concedente nell'esercizio dell'attività oggetto della concessione demaniale.

E' legittimo disporre la decadenza della concessione laddove il concessionario tenga un comportamento ingiustificatamente dilatorio rispetto agli impegni assunti con la convenzione, da qualificarsi come inadempimento grave, suscettibile di giustificare il provvedimento di decadenza in questione.

Ai fini dell’adozione dell... _OMISSIS_ ...enza per inadempienza degli obblighi derivanti dalla concessione o imposti da norme di legge o di regolamento, ex art. 47, primo comma, lett. f), cod. nav., rilevano le inadempienze del concessionario che compromettano con carattere di definitività il proficuo prosieguo del rapporto, ovvero rendano inattuabili gli scopi per i quali la concessione stessa è stata rilasciata.

L’atto dichiarativo della decadenza da una concessione di bene pubblico è espressione tipica di un potere autoritativo connesso alla gestione del demanio ovvero del patrimonio indisponibile della pubblica amministrazione e costituisce manifestazione di un potere di autotutela vincolato e ad avvio doveroso, e non richiede specifiche valutazioni in ordine all’interesse pubblico alla sua adozione, rientrando nella generale e tipica categoria della revoca sanzionatoria.

La potestà di dichiarare la decadenza del concessionario – a differenza di quella di ... _OMISSIS_ ...la la concessione – ha natura vincolata, dipendendo esclusivamente dall’accertamento dei presupposti che ne giustificano l’emanazione (quale il grave inadempimento del concessionario agli obblighi derivanti dalla concessione), con la conseguenza che, nell’esercizio di tale potere, l’amministrazione non può esprimere alcun apprezzamento discrezionale circa l’opportunità o meno del prosieguo del rapporto concessorio.

Il provvedimento dichiarativo della decadenza dalla concessione, avendo natura vincolata, non necessita di particolare motivazione da parte dell’ente concedente, potendo quest’ultimo limitarsi ad indicare le violazioni dei doveri derivanti dal titolo concessorio poste in essere dal concessionario, le quali hanno determinato l’amministrazione ad interrompere il rapporto in corso.

Il decorso dei termini stabiliti nel disciplinare, entro i quali il concessionario deve derivar... _OMISSIS_ ...qua, non comporta l'automatica decadenza dalla concessione, che, ai sensi del R.D. n. 1775 del 1933, art. 55 è riservata ad un'autonoma valutazione della P.A., alla quale la norma attribuisce il potere di prorogare i termini in questione, qualora non ritenga di dichiarare la decadenza, evitando - in relazione alla persistenza dell'interesse pubblico sotteso - la perdita di efficacia della concessione.

Le ipotesi e le modalità di pronunzia della decadenza dalle concessioni di utilizzazione e derivazione di acque pubbliche sono determinate e regolate dal R.D. n. 1775 del 1933, art. 55 (alla cui lettera f) si prevede la possibilità di farsi luogo al provvedimento di decadenza "per il decorso dei termini stabiliti nel decreto e nel disciplinare entro i quali il concessionario deve derivare e utilizzare l'acqua concessa") nel senso che per la declaratoria di tale decadenza è necessario un provvedimento motivato, avente natura costitutiva, e, quin... _OMISSIS_ ... conseguenza che la decadenza non è automaticamente connessa dalla norma al mancato rispetto dei detti termini, bensì ad un'autonoma valutazione in proposito della P.A.

Il R.D. n. 1775 del 1933, art. 55, nel disciplinare la decadenza dalle concessioni di utilizzazione e derivazione di acque pubbliche, attribuisce alla P.A. il potere, non limitato dall'avvenuta scadenza dei termini ivi previsti, qualora non ritenga di dover dichiarare la decadenza, di prorogarli, evitando -in relazione alla persistenza dell'interesse pubblico sotteso- la perdita di efficacia del provvedimento concessorio.

La dichiarazione di decadenza della concessione per la gestione del porto turistico per impossibilità sopravvenuta della prestazione (nella specie, per distruzione delle strutture) realizza un’evidente revoca del provvedimento concessorio a seguito di un “mutamento della situazione di fatto” rispetto a quella esistente al moment... _OMISSIS_ ...e del provvedimento revocato, ex 21-quinquiesl. n. 241 del 1990.

Il ricorso immediato alla sanzione della decadenza dalla concessione in caso di violazione degli obblighi del concessionario è giustificato di fronte a violazione di obblighi che assuma un particolare rilievo o carattere di definitività.

Il ricorso immediato alla sanzione della decadenza dalla concessione demaniale è giustificato di fronte a violazioni degli obblighi del concessionario che assumano un particolare rilievo o carattere di definitività.

Il provvedimento accertativo della decadenza di una concessione demaniale per mancato utilizzo della stessa da parte del concessionario costituisce manifestazione di un potere di autotutela vincolato e ad avvio doveroso, e non richiede specifiche valutazioni in ordine all'interesse pubblico alla sua adozione, rientrando nella generale e tipica categoria della revoca sanzionatoria.

L’art. 47 C... _OMISSIS_ ... l'amministrazione può dichiarare la decadenza del concessionario, tra le distinte ipotesi, anche per omesso pagamento del canone per il numero di rate fissato a questo effetto dall'atto di concessione. Stante la tassatività e la tipicità delle cause di decadenza, tale disposizione va interpretata in senso restrittivo e rigoroso.

La rilevanza delle inadempienze del concessionario di un bene pubblico giustifica la declaratoria di decadenza della concessione, potendo (e dovendo) l’ente concedente verificare costantemente se la sottrazione di un bene pubblico alla libera fruizione della collettività o quantomeno alla competizione di mercato risponda all’interesse pubblico.

L’avvio del procedimento volto alla dichiarazione di decadenza di una concessione demaniale deve necessariamente essere comunicato all'interessato, posto che la finale pronuncia di decadenza non è mai assolutamente dovuta o vincolata, ma è sempre eventu... _OMISSIS_ ... valutazione dell'osservanza degli obblighi concessori, per la quale è sicuramente fondamentale l'instaurazione di una dialettica procedimentale con l'interessato.

E’ legittimo il provvedimento dichiarativo di decadenza per mancato utilizzo continuato di una concessione demaniale marittima o per inadempimento agli obblighi del concessionario che compromettono in modo definitivo il proficuo prosieguo del rapporto.

L'inadempimento che può dar luogo alla sanzione della decadenza della concessione demaniale marittima deve essere di una certa consistenza e gli elementi probatori dell’inadempienza, rispetto agli obblighi nascenti dal titolo, debbano essere inequivoci, precisi e concordanti.

Legittimo il provvedimento di decadenza da una concessione demaniale marittima per realizzare uno stabilimento balneare ad uso pubblico, motivato dal fine di d’impedire il verificarsi, a causa del permanere nel periodo inve... _OMISSIS_ ...e a pochi metri dalla battigia, di danni ambientali già verificatisi.

La decadenza sanzionatoria della concessione demaniale opera automaticamente al realizzarsi dell’inadempimento delle condizioni previste nel rapporto concessorio.

Il provvedimento di decadenza sanzionatoria dal rapporto concessorio per inosservanza degli obblighi di legge è un atto interamente vincolato nei cui confronti non sono configurabili vizi di eccesso di potere per sviamento e carenze della motivazione.

Illegittimo il provvedimento di decadenza di una concessione demaniale motivato dalla mancata o incompleta esecuzioni di lavori attesa l’assenza di un rapporto di consequenzialità diretta e/o causalità immediata tra esito negativo di una DIA e decadenza dalla concessione.

La decadenza della concessione demaniale (nel caso di specie cimiteriale) opera automaticamente al realizzarsi dei presupposti di legge, non richieden... _OMISSIS_ ...ell’amministrazione lo sviluppo di alcun onere motivazionale.

Laddove il concessionario di un bene pubblico comunale realizzi abusi edilizi sul medesimo bene (nel caso di specie volumetrie non assentite) l’amministrazione non solo deve ordinare la demolizione dei medesimi abusi ma anche disporre la decadenza della concessione, che di per sé si deve intendere caducata in ragione della modifica dell’area oggetto dell’atto abilitativo.

Il concessionario di un bene pubblico è abilitato alluso dello stesso così come consentito dall'amministrazione concedente per cui la trasformazione di un’area non edificata in area edificata (con la realizzazione di un volume soprastante) non solo fa...

...continua.  Qui sono visibili 10000 su 26668 caratteri complessivi dell'articolo.

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo