Quantificazione dell'indennizzo per il danno da occupazione illegittima per p.u.

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ENTITÀ

In materia di stima del valore di mercato vige il principio di integralità del risarcimento o dell’indennizzo, sicché oggetto di stima deve essere la reale destinazione o classificazione del bene e la sua effettiva potenzialità edificatoria, ancorché ridotta.

L'indennizzo assicurato all'espropriato dall'art. 42, terzo comma, Cost., se deve rappresentare un serio... _OMISSIS_ ...ecessariamente costituisce una integrale riparazione per la perdita subita, in quanto occorre coordinare il diritto del privato con l'interesse generale che l'espropriazione mira a realizzare. Ben diversa, evidentemente, è la fattispecie risarcitoria disciplinata dagli artt. 2043 ss. c.c., nell’ambito della quale, non venendo in gioco alcuna ragione di interesse pubblico capace di limitarne l’importo, il ristoro deve abbracciare tutti i pregiudizi subiti dal danneggiat... _OMISSIS_ ...to sia in grado di fornire la prova.

Un'area destinata a PEEP può essere calcolata considerando la potenzialità edificatoria dei terreni, sulla base degli edifici già realizzati, applicando il criterio del più probabile valore di mercato, attraverso il procedimento del valore di trasformazione, prendendo in considerazione sia l’approccio del mercato (attraverso il quale si determina il valore del bene trasformato), sia l’approccio del costo (mediante il ... _OMISSIS_ ...efiniti i costi della trasformazione). Con tale sistema vengono considerati i comportamenti e le attese ricorrenti tra gli investitori secondo il principio di ordinarietà della trasformazione di un immobile, che contempla la previsione dello sfruttamento dell’immobile, da parte di un ordinario imprenditore.

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ENTITÀ --> 5%

Il risarcimento del danno da occupazione ille... _OMISSIS_ ...to il periodo in cui la proprietà è stata privata del possesso del bene (ovvero, dal momento in cui l'occupazione è divenuta tale, fino alla giuridica regolarizzazione della fattispecie) può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42-bis comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, suscettibile di applicazione analogica in ... _OMISSIS_ ...one di un principio generale.

Il risarcimento da occupazione illegittima può essere calcolato - ai sensi dell’art. 34, co. 4, c.p.a., in assenza di opposizione delle parti e in difetto della prova rigorosa di diversi ulteriori profili di danno - facendo applicazione, in via equitativa, dei criteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis t.u. espr., e dunque in una somma annua pari al 5% del valore del terreno al momento dell’inizio dell’illegitt... _OMISSIS_ .... Trattandosi di debito di valore, tale somma (annua) dovrà essere rivalutata (con applicazione degli Indici nazionali dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, calcolati dall’I.S.T.A.T.) e sulla stessa dovranno essere riconosciuti gli interessi al tasso legale, da calcolarsi sulla somma annualmente rivalutata in base ai suddetti indici I.S.T.A.T.

In caso di indebita occupazione di aree private, l'illecito permanente deve essere risarcito pe... _OMISSIS_ ...abusiva occupazione. Tale danno può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42-bis comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, suscettibile di applicazione analogica in quanto espressione di un principio generale. Quanto alla determinazione del valore venale del bene, da valutarsi unicamente per definire il parametro per l... _OMISSIS_ ...e del danno patrimoniale da illegittima occupazione, esso dovrà essere devalutato o rivalutato annualmente secondo gli indici dell’andamento dei prezzi del mercato immobiliare pubblicati nei siti internet delle maggiori e più accreditate società di studi e di osservatori del mercato immobiliare, per comprendere il periodo che va dall’inizio dell’illegittima detenzione fino all’attualità.

È dovuto il risarcimento del danno per la perdita delle... _OMISSIS_ ...bili dai beni illegittimamente occupati dall’Amministrazione, limitatamente al periodo compreso tra il quinquennio anteriore alla proposizione della domanda, per le cui annualità non è ancora maturato il termine di prescrizione quinquennale e sino al momento della futura restituzione del terreno o sino all’adozione di un provvedimento di acquisizione sanante. Applicando il criterio dettato dal comma 3 dell’articolo 42 bis, tale risarcimento va commisurato al... _OMISSIS_ ...l 5% annuo del valore venale del bene occupato al momento dell’adozione del provvedimento di acquisizione, dagli atti non risultando un danno maggiore.

Per la liquidazione del ristoro relativo al periodo di occupazione illegittima, ai sensi dell'articolo 42 bis, terzo comma del t.u.es. e 34, comma 4 del c.p.a. il danno dovrà essere liquidato dall’Amministrazione nella misura pari al cinque per cento sul valore venale che l’immobile aveva ogni anno ... _OMISSIS_ ... scadenza del termine di occupazione legittima e per ciascun anno del periodo di occupazione illegittima; le somme calcolate, anno per anno, andranno poi separatamente incrementate, per interessi e rivalutazione monetaria, fino alla data del pagamento, trattandosi di obbligazione risarcitoria da fatto illecito, per cui sono dovuti sia la rivalutazione monetaria, essendo per i debiti di valore la svalutazione monetaria una delle voci del danno emergente sofferto, sia gli interessi ... _OMISSIS_ ..., a titolo di risarcimento del lucro cessante.

Ai fini della quantificazione del ristoro per l'indebita occupazione, l'illecito permanente deve essere risarcito per ogni anno di abusiva occupazione. Esso può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42-bis comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, suscettibi... _OMISSIS_ ...one analogica in quanto espressione di un principio generale. Quanto alla determinazione del valore venale del bene, da valutarsi unicamente per definire il parametro per la determinazione del danno patrimoniale da illegittima occupazione, occorre avere riguardo al valore di mercato tenendo conto della destinazione urbanistica dell’area, devalutando o rivalutando annualmente i valori medi a mq. indicati per il terreno interessato, secondo gli indici dell’andamento dei ... _OMISSIS_ ...ato immobiliare pubblicati nei siti internet delle maggiori e più accreditate società di studi e di osservatori del mercato immobiliare, per comprendere il periodo che va dall’inizio dell’illegittima detenzione fino all’attualità.

Il risarcimento del danno per mancato godimento del bene a cagione dell’occupazione divenuta illegittima deve essere calcolato facendo applicazione analogica, in via equitativa (ai sensi dell’art. 1226 del Cod... _OMISSIS_ ...i criteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis del D.P.R. n. 327/2001, e, dunque, in una somma pari al 5% annuo (per ciascun anno di illegittima occupazione) del valore del terreno, determinato sulla base del valore venale del terreno al momento dell’inizio dell’illegittima occupazione. Trattandosi di debito di valore, tale somma (annua) dovrà essere rivalutata (con gli Indici I.S.T.A.T.); sulla stessa dovranno essere riconosciuti gli interessi al tasso legale, d... _OMISSIS_ ...lla somma annualmente rivalutata in base ai suddetti indici I.S.T.A.T., sino all’effettivo soddisfo.

Quanto al risarcimento per il periodo di illegittima occupazione, il risarcimento sarà pari al 5% annuo del valore venale delle aree fisicamente occupate (cfr. art. 42-bis d.P.R. n. 327/2001), da computarsi dalla data di scadenza del decreto di occupazione legittima alla data di regolarizzazione della fattispecie, con interessi e rivalutazione monetaria, con es... _OMISSIS_ ...somme maturate nel periodo ormai prescritto.

Quanto alla determinazione del risarcimento del danno per mancato godimento del bene a cagione dell’occupazione illegittima (per il periodo antecedente al momento abdicativo del diritto di proprietà), questo può essere calcolato - ai sensi dell’art. 34, co. 4, c.p.a., in assenza di opposizione delle parti e in difetto della prova rigorosa di diversi ulteriori profili di danno - facendo applicazione, in via equ... _OMISSIS_ ...iteri risarcitori dettati dall’art. 42-bis t.u. espr., e dunque in una somma pari al 5% annuo del valore del terreno.

In relazione al risarcimento del danno richiesto per il mancato godimento dei beni immobili a cagione dell’occupazione illegittima degli stessi da parte della P.A., la domanda va accolta facendosi applicazione analogica, in via equitativa (ai sensi dell’art. 1226 del Codice Civile), dei criteri risarcitori dettati dall’art. 42... _OMISSIS_ ... 8 Giugno 2001 n° 327, e, dunque, con la condanna dell'occupante al pagamento di una somma pari al 5% annuo (per ciascun anno di illegittima occupazione) del valore di mercato (in tali momenti) delle aree in questione, maggiorata di rivalutazione monetaria (secondo indici I.S.T.A.T.) e di interessi legali, sino all’effettivo pagamento, trattandosi di debito di valore.

La misura del danno da mancato godimento del bene (altresì definibile “danno... _OMISSIS_ ...o;) dal momento dell’occupazione sino alla data della proposizione del ricorso di primo grado, a partire dalla quale il bene si intende implicitamente rinunciato, resta fissata, per ogni anno di occupazione, nel 5% del valore venale del bene al momento dell’illegittima occupazione.

Deve riconoscersi il diritto alla restituzione al suo proprietario di un'area interessata dalla procedura espropriativa intrapresa e non conclusa con un provvedimento di ... _OMISSIS_ ...hé il risarcimento del danno subìto per la mancata disponibilità del bene di sua proprietà per tutto il periodo di occupazione avvenuta illegittimamente, ovvero a decorrere dal giorno di scadenza della occupazione legittima: il danno risarcibile, più nello specifico, dovrà essere commisurato, applicando analogicamente quanto previsto dall'art. 42 bis co. 3 D.P.R. n. 327 del 2001, al 5% del valore venale del terreno da quantificarsi sulla base del valore medio indicato nelle... _OMISSIS_ ...lle quotazioni immobiliari dell'Agenzia delle Entrate e sarà dovuto per ogni anno di occupazione illegittima sino al momento della effettiva restituzione del suolo.

Il danno da temporanea occupazione illegittima può quantificarsi, con valutazione equitativa ex artt. 2056 e 1226 c.c., nell'interesse del cinque per cento annuo sul valore venale del bene, in linea con il parametro fatto proprio dal legislatore con il cit. art. 42-bis, comma 3, d.P.R. n. 327 del 2001, s... _OMISSIS_ ...applicazione analogica in quanto espressione di un principio generale.

Il danno da illegittima occupazione delle aree (cessata con l’adozione del provvedimento di acquisizione), conseguente ad un mancato o comunque cattivo esercizio del potere è ristorato mediante: a) la liquidazione del pregiudizio patrimoniale commisurato all’interesse del “cinque per cento annuo” sul valore venale attuale del bene determinato sulla base delle disposizioni ... _OMISSIS_ ... 37 commi 3, 4, 5, 6 e 7 dello stesso D.P.R. 327/2001; b) la liquidazione di un indennizzo per il pregiudizio non patrimoniale forfettariamente determinato nella misura del “venti per cento del valore venale del bene”, ai sensi del comma V dell’art 42 bis (o del 10% negli altri casi).

In caso di occupazione illegittima di aree private, l'amministrazione utilizzatrice è tenuta a corrispondere il risarcimento del danno da mancato uso del bene, quanti... _OMISSIS_ ... del suo valore, i criteri per la determinazione del quale possono essere stabiliti dal giudice amministrativo.

Sia in caso di acquisizione sanante, sia in caso di restituzione del bene, il periodo di occupazione illegittima viene indennizzato con il 5% del valore del bene.

PATOLOGIA --> RISARCIMENTO DEL DANNO --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ENTITÀ --> INTERESSI LEGALI

In caso di occupazione illegittima di terreni privati pe... _OMISSIS_ ...i, in mancanza di prova specifica da parte del danneggiato, il risarcimento del danno per il mancato godimento di un immobile si calcola assumendo a valore-base quello di mercato del bene al momento in cui l’occupazione è divenuta illegittima e calcolando sullo stesso, aggiornato annualmente secondo gli indici periodici ISTAT, gli interessi legali compensativi (da ritenersi quale presumibile e normale indice di redditività dell'immobile, in applicazione analogica dell’... _OMISSIS_ ... sino all’effettivo rilascio nella disponibilità della parte proprietaria. A tali importi devono aggiungersi gli interessi legali per il ritardo nell'e...


...continua.  Qui sono visibili 14000 su 25463 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo