Obbligo della restitutio in integrum del bene privato occupato illegittimamente dalla p.a.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> RESTITUTIO IN INTEGRUM

In caso di illegittima occupazione di un bene privato, in via principale, l’Amministrazione occupante deve essere condannata a restituire il terreno occupati nella piena disponibilità del legittimo proprietario, libero da persone e/o cose, previo ripristino dei luoghi nello stato di fatto originario prima dell’intervento costruttivo, nonché a risarcire il danno da occupazione illegittima temporanea.

L’occupazione illegittima di un terreno privato da parte della p.a. non determina la perdita della proprietà in capo ai ricorrenti, in quanto la stessa è avvenuta sine titulo, ovvero al di fuori di una legittima procedura di esproprio, e, qu... _OMISSIS_ ...di un “mero comportamento” non idoneo a fondare un qualsivoglia acquisto del bene alla mano pubblica. Sussiste, quindi, non solo l’obbligo di restituire il suolo occupato indebitamente, previa sua rimessione in pristino, ma anche l’obbligo di risarcire i proprietari della mancata disponibilità del fondo per tutta la durata dell’occupazione.

L'occupazione da parte della p.a. di terreni privati, trasformati irreversibilmente senza che sia intervenuto alcun decreto di espropriazione, e senza che sia stato adottato il tempestivo provvedimento di espropriazione in sanatoria ai sensi dell’art. 42 bis d.p.r. n. 327/2001, fa sorgere in capo ai proprietari il diritto di richiedere la restituzione in proprio favore dei terreni occupat... _OMISSIS_ ...e delle opere realizzate sugli stessi, a spese dell’Amministrazione occupante.

Ove sia stata definitivamente accertata l’illegittimità dei provvedimenti in ragione dei quali l'amministrazione ha occupato un fondo di proprietà privata, discende il carattere abusivo della detenzione del bene da parte dell’amministrazione, che deve essere condannata a restituirlo e a risarcire il danno emergente e il lucro cessante causati dalla suddetta occupazione.

La restituzione del bene illegittimamente occupato costituisce la forma prioritaria di satisfazione del pregiudizio patito, fermo restando il potere dell’amministrazione di adottare il provvedimento di cd. acquisizione sanante ai sensi dell’art. 42 -bis del d.p.r. n. 327/2... _OMISSIS_ ...LF| L'Amministrazione che occupa illegittimamente un bene privato può essere condannata a procedere direttamente al ripristino dello stato anteatto dei luoghi, ovvero per equivalente monetario, mediante il pagamento di una somma idonea a realizzare il suddetto ripristino.

Abiurata l'occupazione appropriativa tra i modi di acquisto della proprietà, sulla base della ratio e dei principi sottesi al nuovo istituto, la giurisprudenza amministrativa ha ampliato gli strumenti a tutela dei diritto di proprietà, non più limitati a quelli risarcitori, ma estesi a piena ragione alla tutela ripristinatoria di natura reale, mediante azione di restituzione, ancorché accompagnata dalla richiesta di riduzione in pristino. Si è dunque ravvisata nel provvedimento di acquisizio... _OMISSIS_ ...ico possibile presupposto ostativo alla tutela reale accordata dall'ordinamento al proprietario illegittimamente privato dei propri beni, non essendo infatti predicabili i limiti intrinseci alla disciplina risarcitoria, come l'eccessiva onerosità prevista dall'art. 2058 c.c., comma 2; né potendo farsi ricorso alla previsione dell'art. 2933 cod. civ., comma 2, ove non risulti che la distruzione della "res" indebitamente edificata sia di pregiudizio all'intera economia del Paese, ma abbia, al contrario, riflessi di natura individuale o locale.

Il soggetto nella disponibilità dell’area illegittimamente occupata per finalità di interesse pubblico, deve essere condannato, in via principale, a restituire i terreni occupati nella piena disponibilità d... _OMISSIS_ ...oprietario, previo ripristino dei luoghi nello stato di fatto originario prima dell’intervento costruttivo. I beni devono essere riconsegnati ai legittimi proprietari liberi da persone e/o cose nella loro piena disponibilità.

L'intervenuta realizzazione dell'opera pubblica non fa venir meno l'obbligo dell'Amministrazione di restituire al privato il bene illegittimamente appreso, dovendosi ritenere superata l'interpretazione che riconnetteva alla costruzione dell'opera pubblica effetti preclusivi o limitativi della tutela in forma specifica del privato operata in relazione al diritto comune europeo; di conseguenza il proprietario del fondo illegittimamente occupato dall'Amministrazione, una volta ottenuta la declaratoria d’illegittimità dell'occupaz... _OMISSIS_ ...timamente chiedere sia la restituzione del fondo che la sua riduzione in pristino.

La scelta che l’amministrazione occupante è chiamata a esprimere non concerne l'alternativa fra l'acquisizione autoritativa e la concreta restituzione del bene, ma quella fra la sua acquisizione e la non acquisizione, in quanto la concreta restituzione rappresenta un semplice obbligo civilistico - cioè una mera conseguenza legale della decisione di non acquisire l'immobile assunta dall'amministrazione in sede procedimentale - ed essa non costituisce, né può costituire, espressione di una specifica volontà provvedimentale dell'autorità, atteso che, nell'adempiere gli obblighi di diritto comune, l'amministrazione opera alla stregua di qualsiasi altro soggetto dell'ordinament... _OMISSIS_ ...iure auctoritatis.

L’occupazione del terreno di un privato seguita dalla sua irreversibile trasformazione ad uso pubblico comporta in linea di principio l’obbligo dell’amministrazione responsabile di restituire il bene e di risarcire il danno.

La tutela riservata ai diritti reali non consente di ritenere satisfattoria la mera restituzione del suolo, dovendo ritenersi necessaria per la compiuta rimozione del fatto lesivo la statuizione diretta ad ottenere la riduzione in pristino.

Nonostante l'irreversibile modificazione dell'area illecitamente occupata, la proprietà della stessa rimane in capo all'originario proprietario o a suoi aventi causa, con la conseguenza che, nel caso di specie, sussistono i presupposti ... _OMISSIS_ ... ordinare la restituzione del bene ai proprietari, previa riduzione in pristino stato (salvo 42bis)

Permanendo la situazione d'illiceità di un'occupazione sine titulo, deve trovare accoglimento la domanda introdotta in via principale di restituzione del suolo, previa demolizione dei manufatti ivi realizzati, almeno finché l'occupante non decida di acquisirlo legittimamente, mediante lo strumento autoritativo (art. 42 bis, d.P.R. n. 327/2001) ovvero consensualmente.

In caso di occupazione illegittima di terreno privato per ragioni di pubblica utilità, l'autorità occupante va condannata alla restituzione del suolo alla proprietà, fatta salva la facoltà della “autorità che utilizza il bene” di ripristinare la legalità avvalendosi dell'a... _OMISSIS_ ...d.P.R. n. 327 del 2001, adeguando la situazione di fatto a quella di diritto e facendo venir meno la situazione di occupazione “sine titulo” dell’immobile, mediante l’adozione di un provvedimento di acquisizione sanante, nel rispetto delle prescrizioni stabilite dalla norma.

Nonostante l’irreversibile modificazione dell’area illecitamente occupata e trasformata dalla pubblica amministrazione per scopi di pubblica utilità, la proprietà della stessa rimane in capo all’origin...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 71589 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo