Poteri del commissario ad acta, della p.a. e del privato nel procedimento di acquisizione sanante ex art. 42-bis t.u. espropri

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> POTERI DEL COMMISSARIO AD ACTA

L’emanazione del provvedimento di esproprio in sanatoria non può ritenersi preclusa al commissario ad acta, quando non sia formato alcun giudicato restitutorio ostativo.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> POTERI DEL GIUDICE

Il giudice amministrativo, adito con ricorso avverso il silenzio serbato dalla p.a. su un’istanza con cui il privato aveva sollecitato l’avvio del procedimento di acquisizione sanante ex art. 42-bis tues, deve limitare il suo sindacato al mer... _OMISSIS_ ...rsquo;obbligo di provvedere circa l’istanza di cui sopra.

L'elevato carattere di discrezionalità della scelta rimessa alla valutazione pubblica in ordine alla restituzione delle aree previo loro ripristino o alla loro acquisizione, osta alla possibilità che il Giudice Amministrativo possa condannare l’Amministrazione ad adottare un atto avente uno specifico contenuto, giudicando sulla fondatezza della pretesa sostanziale di parte ricorrente, la cui tutela è circoscritta - qualora versi nella condizione che l'art. 42-bis intende sanare in quanto inerente una situazione di fatto contraria al diritto che non può protrarsi sine die – alla sollecitazione, attraverso il rimedio processuale del silenzio e previa diffida, dell’emanazione d... _OMISSIS_ ...o di acquisizione sanante ovvero di restituzione del fondo con la sua riduzione allo status quo ante.

Pure a fronte della sopravvenuta irreversibile trasformazione del suolo per effetto della realizzazione dell’opera pubblica, in nessun caso è possibile emanare una condanna puramente risarcitoria a carico dell’amministrazione, poiché una tale pronuncia presupporrebbe in ogni caso l’avvenuto trasferimento della proprietà del bene per fatto illecito dalla sfera giuridica del ricorrente originario proprietario a quella della P.A. che se ne è illecitamente impossessata.

Il proprietario di un immobile illecitamente occupato ed irreversibilmente trasformato non può obbligare l’amministrazione alla stipula di un contratto di ven... _OMISSIS_ ...edere la corresponsione del suo valore economico se continua ad essere formalmente proprietario del bene; né il giudice può condannare l’amministrazione all’emanazione del provvedimento ex art. 42 bis DPR 327/2001, in quanto di natura discrezionale, ma può solo imporre l’obbligo di provvedere sulla relativa istanza avanzata dai proprietari privati.

Tenuto conto che il provvedimento ex art. 42 bis tues è caratterizzato da ampi margini di discrezionalità e non trattandosi certo di attività vincolata, il giudice deve limitarsi a dichiarare l’obbligo di provvedere sull’istanza-diffida dell’interessato adottando una determinazione espressa.

La decisione dell'Amministrazione di acquisire un bene illegittimamente occ... _OMISSIS_ ...dell'art. 42-bis del Tues non può essere sostituita da una diversa valutazione giudiziale impingente nell’esercizio di poteri squisitamente discrezionali: essa può essere vagliata dal G.A. solo sotto i profili di palese incongruità, illogicità od irragionevolezza in vista di un eventuale annullamento.

Deve ritenersi maggiormente in linea con l’attuale sistema normativo una statuizione che abbia alternativamente ad oggetto la restituzione del bene, previo ripristino dello status quo ante, ovvero la adozione entro un termine da parte dell’Amministrazione comunale resistente del provvedimento di cui all’art. 42 bis del D.P.R. 327/2001, in aggiunta in ogni caso alla condanna di quest’ultima al risarcimento dei danni.

Ne... _OMISSIS_ ...i di occupazione illegittima di un fondo, la condanna a carico dell’amministrazione va limitata all'obbligo generico di provvedere ex art. 42 bis, potendo il giudice amministrativo assegnare all’amministrazione un termine per scegliere tra l’adozione del provvedimento di cui all’art. 42 bis e la restituzione dell’immobile, rimanendo impregiudicata la discrezionale valutazione in tal senso da parte dell'amministrazione occupante.

Il potere riconosciuto all'Amministrazione dall'art. 42 bis, comma 1, d.P.R. n. 327 del 2001 è da considerarsi espressione del più generale potere di amministrazione attiva che compete agli enti pubblici, cui il giudice amministrativo non può sostituirsi (salvo quando la giurisdizione sia estesa al merito,... _OMISSIS_ ...o il caso), di modo che la valutazione degli interessi in conflitto e la decisione di procedere all'acquisizione sanante afferisce necessariamente alla sfera di discrezionalità dell'Amministrazione. L'elevato carattere di discrezionalità della scelta rimessa alla valutazione pubblica osta alla possibilità che il giudice amministrativo possa condannare le Amministrazioni coinvolte ad adottare un atto specifico, giudicando sulla fondatezza della pretesa sostanziale di parte ricorrente.

Il Giudice Amministrativo non è legittimato a condannare direttamente l'Amministrazione pubblica ad adottare immediatamente il provvedimento di acquisizione sanante ex art 42 bis, d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, opponendosi a ciò sia il principio fondamentale di separazione dei pote... _OMISSIS_ ... di amministrazione, sul quale si fonda il sistema costituzionale della giustizia amministrativa, sia la tassatività ed eccezionalità dei casi di giurisdizione di merito sanciti dall'art. 134 c.p.a., fra i quali non si rinviene tale tipologia di contenzioso.

Il giudice non può imporre all’amministrazione espropriante di adottare un provvedimento di acquisizione sanante, atteso che l’art. 42–bis del d.P.R. n. 327/2001 attribuisce all'autorità, che utilizza un bene immobile per scopi di interesse pubblico (modificato in assenza di un valido ed efficace provvedimento di esproprio o dichiarativo della pubblica utilità) la mera potestà, “valutati gli interessi in conflitto”, di acquisirlo, non retroattivamente, al suo patrimonio indisp... _OMISSIS_ ...
Non esiste la possibilità che il giudice condanni direttamente in sede di cognizione l’Amministrazione a emanare tout court il provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42-bis, a maggior ragione in una fattispecie in cui vengono in rilievo sofisticate valutazioni sulla ricorrenza delle circostanze eccezionali che giustificano l’acquisizione coattiva, cui si possono eventualmente riconnettere gravi ricadute in termini di responsabilità erariale. Se del caso, dovrà essere cura delle parti evitare che si formi un giudicato di tal fatta su domande il cui petitum ha proprio ad oggetto l’emanazione di un provvedimento ex art. 42–bis, attraverso la proposizione di specifiche eccezioni (o mezzi di impugnazione all’esito della sentenza di pr... _OMISSIS_ ...F|
È ben possibile che il giudice amministrativo, adito in sede di cognizione ordinaria ovvero nell’ambito del c.d. rito silenzio, a chiusura del sistema, imponga all’amministrazione di decidere - ad esito libero, ma una volta e per sempre, nell’ovvio rispetto di tutte le garanzie sostanziali e procedurali dianzi illustrate - se intraprendere o meno la via dell’acquisizione ex art. 42-bis tues. Ciò in quanto il menzionato art. 42-bis, introducendo nell'ordinamento una facoltà...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 27522 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo