Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Necessità di un percorso motivazionale rafforzato per il ricorso all'acquisizione sanante ex art. 42-bis TUES

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> MOTIVAZIONE

In caso di occupazione illegittima di suoli privati per motivi di interesse pubblico, la scelta dell'amministrazione occupante tra acquisizione sanante ex art. 42-bis tues, e restituzione del terreno, si presenta non come l’esercizio di un’opzione libera nei fini, ma come l’espressione di una potestà pubblicistica, nella cui nozione è implicito il sacrificio (ovviamente assistito da tutte le garanzie di legge, quanto al suo ristoro) dell’interesse individuale, al fine del raggiungimento di un obiettivo superindividuale, vale a dire di un beneficio per la collettività. Gli “interessi generali” alla cui salvaguardia è rivolta l’acquisizione sanante consistono nella necessità di conservare l’opera al servizio della comunità, p... _OMISSIS_ ... rinunziare.

L'obbiettivo istituzionale che giustifica il ricorso all'art. 42-bis del dPR 327/2001 deve emergere da un percorso motivazionale - stringente e assistito da garanzie partecipative rigorose - basato sull'emersione di ragioni attuali ed eccezionali che dimostrino in modo chiaro che l'apprensione coattiva si pone come extrema ratio per la tutela di siffatte imperiose esigenze pubbliche.

Essendo il provvedimento di acquisizione coattiva sanante ex art. 42-bis dPR 327/2001 un procedimento ablatorio sui generis di carattere eccezionale, preordinato alla soddisfazione di imperiose esigenze pubbliche redimibili esclusivamente attraverso il mantenimento dell'infrastruttura realizzata sine titulo, esso deve essere accompagnato da un percorso motivazionale - rafforzato, stringente e assistito da garanzie partecipative rigorose - basato sull'emersione di ragioni attuali ed eccezionali che dimostrino in modo chiaro che l'apprensione coa... _OMISSIS_ ...xtrema ratio. Tale onere motivazionale non è attenuato allorché il provvedimento venga emanato dal commissario ad acta. [Nella fattispecie il commissario aveva dato esecuzione ad una sentenza di ottemperanza che effettivamente ordinava l'acquisizione sanante, quando in realtà la originaria sentenza cognitoria ottemperanda si era limitata ad imporre la necessità di rinnovare la valutazione di attualità e prevalenza dell’interesse pubblico all’eventuale acquisizione dei fondi occupati].

Nel provvedere in ordine alla c.d. acquisizione sanante ai sensi dell’art. 42 bis del D.P.R. n. 327/2001, l’Amministrazione è tenuta ad indicare le attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l’emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati, con un percorso motivazionale rafforzato ed assistito da garanzie partecipative rigorose che dimostrino ... _OMISSIS_ ...o;apprensione coattiva si pone come una scelta estrema laddove non sono ragionevolmente praticabili soluzioni alternative.

L’eccezionale istituto dell’acquisizione sanante presuppone che l’Amministrazione debba indicare le circostanze che hanno condotto alla indebita utilizzazione dell'area e le attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati, nonché l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione.

Il ricorso all'acquisizione sanante deve emergere necessariamente da un percorso motivazionale – rafforzato, stringente e assistito da garanzie partecipative rigorose – basato sull’emersione di ragioni attuali ed eccezionali che dimostrino in modo chiaro che l’apprensione coattiva si pone come extrema ratio (perché non sono ragionevolmente praticabili soluzioni alternative e ... _OMISSIS_ ...alternative non può mai consistere nella generica «eccessiva difficoltà ed onerosità dell’alternativa a disposizione dell’amministrazione».

Adeguatamente motivato è un provvedimento di acquisizione sanante che - oltre a ripercorrere puntualmente le circostanze fattuali e amministrative che hanno connotato la vicenda, indicando date e presupposti normativi dei vari provvedimenti via via adottati, e a descrivere, con compiutezza, in che cosa si è sostanziata l’illegittima occupazione e trasformazione delle aree in questione e da che cosa la medesima è stata originata – evidenzia l'attuale funzione pubblica del bene comparandola alle conseguenze di una eventuale restitutio in integrum.

L'art. 42-bis del d.p.r. n° 327 del 2001 stabilisce che il provvedimento di acquisizione è specificamente motivato in riferimento alle attuali ed eccezionali ragioni di... _OMISSIS_ ...che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione. Nel provvedere in ordine alla c.d. acquisizione sanante ex art. 42 bis d.p.r. n. 327/2001, l’Amministrazione è tenuta ad indicare le attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l’emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati, con un percorso motivazionale rafforzato ed assistito da garanzie partecipative rigorose che dimostrino in modo chiaro che l’apprensione coattiva si pone come una scelta estrema laddove non sono ragionevolmente praticabili soluzioni alternative.

Non si può acquisire per mezzo dell'art. 42-bis TUEs un parcheggio di proprietà privata per fargli mantenere la stessa funzione nell’ambito di un intervento pubblico, senza spiegare chiaramente quale sia l’interesse... _OMISSIS_ ...blica di un bene, che potrebbe assolvere alla identica funzione anche ove gestito dal privato (nella fattispecie lo stesso Comune lo ha poi affittato ad una cooperativa che lo ha riaffittato al proprietario).

Ai fini della legittimità dell'atto di acquisizione sanante di un bene illecitamente occupato dall'amministrazione, si rende necessaria una "motivazione rafforzata" che ponga in luce le ragioni di pubblico interesse sottese a tale misura e compia una valutazione comparativa tra l'interesse pubblico e quello privato. L'atto acquisitivo ex art. 42-bis del d.P.R. n. 327/2001 costituisce, infatti, una sorta di extrema ratio cui ricorrere qualora non possano essere realizzate soddisfacenti soluzioni di altro tipo e si imponga la tutela di un interesse pubblico di eccezionale rilevanza.

Adeguatamente motivata è l'acquisizione coattiva sanante che faccia riferimento alla circostanza che la strada è già... _OMISSIS_ ...a anni, che vi è un interesse pubblico al suo mantenimento perché è costantemente utilizzata dalla collettività, che è decorso un lunghissimo tempo dall’occupazione, che il terreno è di proprietà indivisa della stessa Amministrazione comunale.

L'amministrazione occupante fa corretto uso del potere riconosciuto dall'art. 42 bis TUEs qualora evidenzi le attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che giustificano l’assunzione del provvedimento, valutate unitamente ai contrapposti interessi privati e dando conto dell’assenza di ragionevoli alternative, prime fra tutte la restituzione dei beni occupati.

L'art. 42-bis TUEs prevede una procedura espropriativa eccezionale, in cui è dovuta una motivazione specifica e particolarmente puntuale, che non può presentarsi stereotipata, menzionando genericamente l’acquisizione senza titolo, la trasformazion... _OMISSIS_ ...tilizzazione per motivi di interesse pubblico e l’assenza di alternative all’acquisizione, con considerazioni eccessivamente sintetiche in ordine all’interesse pubblico e mancata valutazione degli interessi contrapposti. La sinteticità della motivazione non rende necessariamente illegittimo il provvedimento di acquisizione, solo quando quest’ultimo sia giustificato circostanze oggettive immediatamente apprezzabili.

L'acquisizione sanante opera ex nunc e richiede un onere motivazionale rafforzato, costituendo quindi una extrema ratio.

Nel caso in cui l'Amministrazione che occupa un bene privato sine titulo opti per l'adozione del provvedimento acquisitivo ex art. 42-bis TUEs, spetta esclusivamente alla p.a. la valutazione in ordine agli interessi in conflitto, consistenti nelle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che giustificano l'emanazione del provvedimento di acquisizione, valutate comp... _OMISSIS_ ...ontrapposti interessi privati, evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione; interessi della cui esistenza dovrà darsi atto nella motivazione del provvedimento di acquisizione sanante, per come previsto dal comma 4, primo periodo, dello stesso art. 42 bis.5. Acclarata la necessità di porre rimedio, attraverso uno degli strumenti sopra individuati, alla condizione di illecita occupazione dei fondi, rileva il Collegio che all’esito dell’istruttoria disposta non è possibile escludere, in relazione allo stato dei luoghi, l’astratta possibilità di una riduzione in pristino, seppure parziale, delle aree interessate dai lavori di realizzazione degli impianti in questione (cfr. la relazione depositata in giudizio il 19 dicembre 2016 dal vice Prefetto della provincia di Caserta); dunque, l’amministrazione chiamata a far venir meno l’occupazione illegittima, potrà eventualmente valutare la... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo