Diverso valore di indennizzo per vari tipi di aree illegittimamente occupate dalla p.a.

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> INDENNIZZO/RISARCIMENTO --> AREA AGRICOLA

L'art. 42 bis DPR 327/2001, recependo i principi in materia di integrale e piena tutela della proprietà privata espressi dalla Corte di Strasburgo, dispone che a seguito di provvedimento di acquisizione del bene, al proprietario sia corrisposto un indennizzo per il pregiudizio patrimoniale determinato, salvo diversa previsione di legge, sulla base delle disposizioni dell’art. 40 del testo unico sugli espropri, quando si tratta (nel caso di specie), di un terreno non edificabile.

Non è fondata la censura d'irragionevolezza dell’art. 42-bis del T.U., con presunta ... _OMISSIS_ ...o;art. 3 Cost., in quanto il ristoro economico assicurato resterebbe pur sempre inferiore nel confronto con l’espropriazione per le vie ordinarie, in quanto se il terreno è agricolo, non sarebbe applicabile il precedente art. 40, comma 1. Tale censura, basandosi sul solo dato letterale e trascurando una visione di sistema, non sperimenta la praticabilità di un’interpretazione che, facendo riferimento genericamente al «valore venale del bene», consenta di ritenere riconducibili ad esso anche le somme corrispondenti al valore delle colture effettivamente praticate sul fondo e al valore dei manufatti edilizi legittimamente realizzati, anche in relazione all’esercizio dell’azienda agricola, previsti dal cit. art. 40.

PATOLO... _OMISSIS_ ...A PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> INDENNIZZO/RISARCIMENTO --> AREA EDIFICABILE

In ipotesi di acquisizione del bene illegittimamente occupato, deve tenersi conto - ai fini del computo di tutte le voci contemplate dall'art. 42-bis d.p.r. n. 327/2001 - del valore del terreno al momento di emanazione del provvedimento di acquisizione sanante, in applicazione (tra l’altro) dei criteri di cui al precedente art. 37, il quale in buona sostanza stabilisce che per ritenere sussistente l’edificabilità di un bene ai fini espropriativi occorre tener conto anche della “vocazione edificatoria” del terreno, cioè del suo valore effettivo determinato da circostanze obiettive (u... _OMISSIS_ ...edificazione limitrofa, etc.) che possono essere indipendenti dal mero regime giuridico dell’area.

In ipotesi di adozione del provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001, l’indennizzo di legge per il pregiudizio patrimoniale subito dovrà essere calcolato ai sensi di quanto prevede il comma 3 dell’art. 42-bis citato e, quindi, in misura corrispondente al valore venale dei beni utilizzati per scopi di pubblica utilità (e, se l’occupazione ha avuto riguardo a beni edificabili, sulla base delle disposizioni di cui all’art. 37, commi 3, 4, 5, 6 e 7 del d.P.R. n. 327 del 2001).

PATOLOGIA --> OPERA PUBBLICA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ACQUISIZIONE SANANTE --> ART. 42 BIS DPR 327/2001 --> IN... _OMISSIS_ ...IMENTO --> AREA RESIDUA

Va esteso all'indennizzo dell'art. 42 bis tues il principio secondo il quale non sono concepibili due distinti crediti, l'uno a titolo di indennità di espropriazione e l'altro a titolo di risarcimento del danno per il deprezzamento che abbiano subito le parti residue del bene espropriato, tenuto conto che questa seconda voce è da considerare ricompresa nella prima che, per definizione, riguarda l'intera diminuzione patrimoniale subita dal soggetto passivo per effetto del provvedimento ablativo.

L’indennizzo dovuto ex art. 42-bis tues deve essere liquidato secondo gli indicatori fissati dalla predetta disposizione, salvo il potere del giudice civile di verificare se l’indennizzo è stato quantificato congruam... _OMISSIS_ ...ndendovi anche il deprezzamento delle aree residue in quanto, essendo esso parte dell'indennità ordinaria da corrispondere, se non fosse ricompreso nell’indennizzo dovuto ex art. 42 bis, si perverrebbe all’illogica conclusione per cui all’Amministrazione che gode della eccezionale previsione ordinamentale che le consente di “sanare” una illegittimità comunque perpetrata, verrebbe conferito il diritto potestativo di sottrarsi all’obbligo di corrispondere ciò che sarebbe stato certamente dovuto in ipotesi di procedura espropriativa non affetta da vizi.

È illegittimo un provvedimento di acquisizione sanante ex art. 42-bis che escluda dalla quantificazione dell'indennizzo la compensazione dell'interclusione del compendio residuo... _OMISSIS_ ...llo acquisito, pari al costo del ripristino dell’accessibilità, nonché il deprezzamento conseguente alle diverse modalità di coltivazione o di utilizzo, imposte dalla sottrazione di quella parte della proprietà trasferita al demanio statale.

Non contrasta con il giudicato che non abbia riconosciuto il diritto dei ricorrenti ad ottenere una somma per il deprezzamento della parte residua dei terreni, ma si sia limitato viceversa ad ordinare all'Amministrazione di quantificare i danni, proponendo ai ricorrenti una somma, il provvedimento di acquisizione adottato dalla p.a., nella parte in cui non viene riconosciuta alcuna somma per la restante porzione di terreni non occupata dall'opera pubblica, avendo quest'ultima aumentato il valore dei terreni in qu... _OMISSIS_ ...é deprezzarlo.

Ai sensi degli artt. 40 e 41 della Legge - 25/06/1865, n.2359 oggi trasfusi nell’art. 33 del dPR n. 327/2001, il deprezzamento delle aree residue costituisce indennità ordinaria da corrispondere, in quanto non può certo sostenersi che non debba essere ricompresa nell’indennizzo dovuto ex art. 42 bis del TU Espropriazione (chè altrimenti argomentando si perverrebbe all’’illogica conclusione per cui all’Amministrazione che gode della eccezionale previsione ordinamentale che le consente di “sanare “una illegittimità comunque perpetrata, verrebbe conferito il diritto potestativo di sottrarsi all’obbligo di corrispondere ciò che sarebbe stato certamente dovuto in ipotesi di procedura espropriativa non a... _OMISSIS_ ....

Nella determinazione del valore venale del bene in sede di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/2001, deve tenersi in considerazione anche della diminuzione di valore eventualmente provocata alla porzione residuale di terreno rimasto di proprietà dei privati a seguito dell’acquisizione dell’immobile (cfr. art. 33 D.P.R. 327/2001).

Nel caso di acquisizione del bene occupato senza titolo (ex art. 42 bis DPR 327/2001), oltre al valore del terreno, al proprietario deve essere corrisposto, previo accertamento dei presupposti, un ulteriore indennizzo che lo tenga indenne dagli ulteriori danni subiti dalle parti residue del fondo.

In sede di adozione del provvedimento di acquisizione sanante di terreno adibito a parcheggio, ... _OMISSIS_ ...corrisposta alcuna somma con riferimento ai residui terreni non occupati, in quanto dalla realizzazione di un parcheggio pubblico i restanti terreni confinanti ricavano oggettivamente una maggiore utilità che non può mai comportare un loro deprezzamento e/o perdita di valore.

Se l'Amministrazione ha già erogato delle somme, esse, a sensi dell’art. 42 bis, commi 2 e 8, DPR n. 327/2001, vanno prima maggiorate degli interessi legali e poi detratte dall’intero credito dovuto.

In caso di occupazione acquisitiva parziale si richiede l'allegazione e...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12425 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo