Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Necessità del titolo edilizio per l'apertura e di coltivazione di una cava

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> ATTIVITÀ ESTRATTIVA

Le attività estrattive in sé considerate non sono subordinate al potere di controllo edilizio comunale, ossia di norma non necessita di concessione edilizia o permesso a costruire.

L’attività di cava non può ritenersi estranea all’attività edilizia.

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> ATTIVITÀ ESTRATTIVA --> NECESSITÀ DEL TITOLO EDILIZIO

L'attività di apertura e di coltivazione di una cava, pur comportando la trasformazione del territorio, non è subordinata al controllo edilizio comunale; la compatibilità della coltivazione della cava con gli interessi urbanistici è oggetto di accertamento da parte della Regione al momento del rilascio della autorizzazione per lo sfruttamento dei giacimenti che stabilisce,... _OMISSIS_ ...o di successiva restituzione del luogo allo stato precedente.

In tema di attività estrattiva, non richiedono il permesso di costruire i manufatti edilizi non destinati a durare nel tempo, ma ad essere rimossi dopo il momentaneo uso e le attività di trasformazione del sito di natura contingente, mentre tutti gli altri devono svolgersi nel rispetto dei piani di settore e delle norme urbanistiche e richiedono il permesso di costruire se determinano una durevole trasformazione del territorio.

L'attività di apertura e coltivazione di cava, pur non richiedendo il preventivo rilascio della concessione edilizia, non essendo subordinata al preventivo controllo dell'autorità comunale, deve comunque svolgersi nel rispetto della pianificazione territoriale comunale.

La circostanza che l'attività di cava richieda un apposito titolo abilitativo non esclude la necessità di un titolo edilizio._OMISSIS_ ...o che per l'attività estrattiva non occorra il titolo edilizio comunale non significa che l'attività estrattiva possa essere svolta anche in contrasto con la disciplina urbanistica, ma semplicemente che la valutazione di tale conformità non spetta al comune tramite il rilascio del titolo edilizio, rientrando invece nel procedimento regionale di autorizzazione all'esercizio di cava, nell'ambito del quale, anche tramite l'intervento in funzione consultiva del comune interessato, deve valutarsi la compatibilità urbanistica dell'intervento.

In giurisprudenza è controverso se l'attività di apertura e coltivazione di cave sia sottoposta a concessione edilizia.

Non occorre la concessione edilizia per i movimenti di terra o materiale inerte eseguibili nelle attività di sfruttamento di cave, per la cui effettuazione è stato reputato sufficiente il possesso della specifica autorizzazione amm... _OMISSIS_ ...ente l’utilizzazione della cava a scopi estrattivi.

TITOLO EDILIZIO --> OPERE ED INTERVENTI, CASISTICA --> ATTIVITÀ ESTRATTIVA --> REGIONI/PROVINCE --> PUGLIA

L'art. 35 della L.R. Puglia 37/1985 ha stabilito soltanto un'astratta compatibilità fra zone agricole ed attività di coltivazione di cave che non esclude, nella fase transitoria di applicazione della normativa regionale, l'esercizio di poteri di controllo da parte degli enti comunali: pertanto sono legittime le disposizioni delle n.t.a. che prevedano, transitoriamente, l'assoggettamento dell'attività estrattiva a concessione edilizia.