Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo nella pagina prodotto.

IL CODICE DEL DEMANIO MARITTIMO, FLUVIALE E LACUALE

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA --> CESSAZIONE DEL RAPPORTO --> ESTERNALIZZAZIONE

L’affidamento a terzi delle attività oggetto della concessione demaniale marittima deve essere sempre preceduto dall’autorizzazione da parte dell’autorità competente, cui va evidentemente riconosciuto un potere discrezionale di accettare o meno la sostituzione.

L'autorizzazione dell’autorità competente per l’affidamento a terzi della concessione demaniale marittima non costituisce una mera condicio iuris sospensiva dell'efficacia del contratto privatistico, ma integra piuttosto un esercizio effettivo del potere autorizzatorio spettante all'Amministrazione per la tutela dell'interesse pubblico.

L'affidamento a terzi postula un rapporto concessorio ormai definitivamente consolidato in capo al beneficiario: pertanto, legittimamente è rigettata l'istanza di subentro degli eredi privi dei necessari requisiti che intendono «aggirare» tale carenza con l'affidamento a terzi della concessione.

L'art. 45-bis cod. nav. ricomprende sia il c.d. sub-ingresso nella concessione che la sub-concessione, pertanto la previa autorizzazione dell’autorità concedente è necessaria in ogni caso in cui il terzo, a prescindere dalle vicende riguardanti il rapporto concessorio s... _OMISSIS_ ...sso) che esterno (sub-concessione), si sostituisca materialmente nella conduzione dell’attività al concessionario.

L'autorizzazione all’affidamento in gestione dell’attività oggetto della concessione, ex art. 45-bis cod. nav. presuppone necessariamente la sussistenza del titolo concessorio demaniale, pertanto è legittimo il diniego opposto dalla P.A. in ragione della decadenza del titolo concessorio.

L'art. 45-bis cod. nav., che prevede il concessionario, previa autorizzazione dell’autorità competente, possa affidare ad altri soggetti la gestione delle attività oggetto della concessione o la gestione di attività secondarie nell’ambito della concessione, è applicabile anche alla materia delle operazioni e dei servizi portuali.

L'art. 45-bis cod. nav. non garantisce ai concessionari la possibilità di attuare in via autonoma sostituzioni nel godimento della concessione o di affidare ad altri la gestione dell’attività oggetto di concessione, rimanendo all’Amministrazione il potere di valutare se consentire o meno l’esercizio di tale facoltà.

Una volta che la P.A. ha consentito l'affidamento ad altri, ex art. 45-bis cod. nav., della gestione dell’attività oggetto di concessione, il soggetto affidatario è titolare di specifiche situazioni giuridiche soggetti... _OMISSIS_ ...P.A., non solo in ordine allo svolgimento, ma anche alla conservazione di tale gestione.

La revoca dell'autorizzazione con cui la P.A. ha consentito l'affidamento a terzi dell'attività oggetto di concessione demaniale marittima deve essere congruamente motivata. A tal fine deve reputarsi insufficiente il riferimento alla circostanza che il concessionario ha dichiarato di voler cessare ogni rapporto contrattuale col te... _OMISSIS_ ...

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

...continua.

Acquista l'articolo per soli 3,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista