Poteri dei Comuni nel pianificare le aree destinate ad impianti di telecomunicazione

OPERE ED INTERVENTI --> CASISTICA --> IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE --> POTERI DEL COMUNE

La previsione di annoverare tra i siti sensibili (laddove non è consentita l'installazione di impianti di telefonia) i parchi e aree per gioco e lo sport non pare irragionevole né illegittima, atteso che gli impianti di telefonia possono esporre gli utenti che frequentino tali aree ludico-ricreative all’emissione, prolungata e ravvicinata, di onde potenzialmente nocive per la loro salute.

Vanno considerati criteri localizzativi legittimi, ancorché espressi in negativo, i divieti di installazione di impianti di telecomunicazione su ospedali, case di cura e di riposo, scuole e asili nido, siccome riferiti a specifici edifici, mentre vanno rite... _OMISSIS_ ...i alla localizzazione vietate i criteri distanziali generici ed eterogenei, quali la prescrizione di distanze minime, da rispettare nell'installazione degli impianti, dal perimetro esterno di edifici destinati ad abitazioni, a luoghi di lavoro o ad attività diverse da quelle specificamente connesse all'esercizio degli impianti stessi, di ospedali, case di cura e di riposo, edifici adibiti al culto, scuole ed asili nido, nonché di immobili vincolati ai sensi della legislazione sui beni storico-artistici o individuati come edifici di pregio storico-architettonico, di parchi pubblici, parchi gioco, aree verdi attrezzate ed impianti sportivi degli impianti.

L’individuazione dei siti sensibili, nei quali è vietata l'installazione di impianti di telecomunicazi... _OMISSIS_ ...dal fatto che la destinazione sia stata, o meno, attuata nel momento in cui si presenta un’istanza o una SCIA ex art. 87 e ss. del D. Lgs. 259/2003, risultando dirimente, al contrario, constatare l’esistenza o meno di un effettivo contrasto tra l’opera da realizzare e la destinazione dell’area impressa dalle previsioni dello strumento urbanistico generale e, ciò, in applicazione di un potere conformativo proprio dell’Amministrazione comunale.

Il regolamento comunale ex art. 8, comma 6, della legge n. 36/2001, nel disciplinare il corretto insediamento nel territorio degli impianti, può contenere regole a tutela di particolari zone e beni di pregio paesaggistico o ambientale o storico artistico, o anche per la protezione dall’... _OMISSIS_ ...campi elettromagnetici di zone sensibili (scuole, ospedali etc.), ma non può imporre limiti generalizzati all’installazione degli impianti se tali limiti sono incompatibili con l’interesse pubblico alla copertura di rete nel territorio nazionale.

La pianificazione territoriale comunale può interdire agli impianti per le reti di comunicazione anche ampie aree, purché ciò sia riconducibile ad uno degli interessi previsti dall'art. 8, comma 6, della legge n. 36/2001, e purché ciò, consentendo localizzazione in aree alternative, non determini difficoltà di funzionamento al servizio, circostanze che devono essere verificate in concreto attraverso il confronto con gli operatori.

Gli art. 86 e 90 d.lgs. n. 259 del 2003, nello stabilire che ... _OMISSIS_ ...re di reti pubbliche di comunicazione sono assimilate ad ogni effetto alle opere di urbanizzazione primaria e che gli impianti in questione e le opere accessorie occorrenti per la loro funzionalità hanno “carattere di pubblica utilità”, postulano la possibilità che gli stessi siano ubicati in qualsiasi parte del territorio comunale, essendo compatibili con tutte le destinazioni urbanistiche (residenziale, verde, agricola, ecc.), onde le discipline locali di individuazione di specifiche aree ritenute idonee per l'insediamento delle strutture in argomento devono essere coerenti con le finalità e con gli obiettivi della legge statale, e non devono essere tali da ostacolare l'insediamento e il funzionamento delle infrastrutture stesse.

Il Comune non ha... _OMISSIS_ ...adottare, mediante il distorto utilizzo degli strumenti di natura edilizia-urbanistica, misure sostanzialmente derogatorie dei limiti di esposizione ai campi elettromagnetici fissati dallo Stato.

I comuni possono legittimamente vietare l’installazione di impianti di telecomunicazione su specifici edifici e dettare criteri distanziali concreti, omogenei e specifici, ma non possono introdurre, ad esempio, misure di cautela distanziali generiche ed eterogenee.

I poteri del comune in sede di installazione di impianti di telefonia mobile non si estendono al profilo sanitario attinente la salvaguardia della popolazione residente rispetto alle emissioni elettromagnetiche, essendo l’amministrazione chiamata all'esercizio di un potere di natu... _OMISSIS_ ... mirato a dettare regole per il corretto inserimento degli impianti in questione nel territorio comunale, minimizzando l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

I criteri localizzativi e gli standard urbanistici stabiliti degli enti locali non devono essere tali da impedire od ostacolare ingiustificatamente l’insediamento degli impianti di telecomunicazione.

La potestà regolamentare dei comuni deve tradursi in regole ragionevoli, motivate e certe, ma non in un generalizzato divieto di installazione in zone urbanistiche identificate, rendendo di fatto impossibile la realizzazione di una rete completa di infrastrutture per le telecomunicazioni.

Ancorché il Comune mantenga intatte le proprie competenze in... _OMISSIS_ ...erno del territorio, queste tuttavia, per espressa valutazione legislativa, non possono interferire con quelle relative alla installazione delle reti di telecomunicazione e, in particolare, non possono determinare vincoli e limiti così stringenti da concretizzarsi in un divieto di carattere pressoché generalizzato (e senza prevedere alcuna possibile localizzazione alternativa) in contrasto con le esigenze tecniche necessarie a consentire la realizzazione effettiva della rete di telefonia cellulare che assicuri la copertura del servizio nell'intero nel territorio comunale.

A proposito di impianti a servizio della telefonia cellulare, la potestà regolamentare dei Comuni deve tradursi in regole ragionevoli, motivate e certe, ma non in un generalizzato divi... _OMISSIS_ ...zione in zone urbanistiche identificate, rendendo di fatto impossibile la realizzazione di una rete completa di infrastrutture per le telecomunicazioni.

Ancorché il Comune mantenga intatte le proprie competenze in materia di governo del territorio, queste tuttavia, per espressa valutazione legislativa (D.lgs. n. 259 del 2003), non possono interferire con quelle relative alla installazione delle reti di telecomunicazione e, in particolare, non possono determinare vincoli e limiti così stringenti da concretizzarsi in un divieto di carattere pressoché generalizzato (e senza prevedere alcuna possibile localizzazione alternativa) in contrasto con le esigenze tecniche necessarie a consentire la realizzazione effettiva della rete di telefonia cellulare che ass... _OMISSIS_ ...ura del servizio nell'intero nel territorio comunale.

Nel quadro della normativa in materia di servizi di telecomunicazione, gli enti locali, con i loro strumenti di pianificazione e di regolamentazione, possono impedire l’installazione di impianti ed antenne solo in luoghi ben individuati e sempreché il divieto sia giustificato da specifiche ragioni.

Il divieto di installare impianti di telecomunicazioni ed antenne presso siti sensibili non può estendersi anche alle circostanti fasce di rispetto, ossia quelle aree esterne al sito sensibile, ma contigue.


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 55404 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo