Rinnovazione, rettifica, revoca dell'occupazione per pubblica utilità

OCCUPAZIONE --> RETTIFICA

A seguito di provvedimento emesso a rettifica ed integrazione di precedente decreto di occupazione, per correggere l’erronea indicazione, nell’elenco dei soggetti da espropriare ivi contenuto, dei dati catastali del terreno nonché l’omissione, in detto elenco, di una ditta, rimanendo per il resto – ed in specie per quanto riguarda la data di immissione, da parte della P.A., nel possesso dei terreni da occupare – il primo decreto pienamente valido ed efficace, non vi è alcuna necessità di stabilire una nuova data per l’immissione nel possesso, né può sostenersi l’illegittimità del decreto di rettifica per la pretesa tardività della sua notificazione, in quanto avvenuta in prossimità de... _OMISSIS_ ...missione.

OCCUPAZIONE --> REVOCABILITÀ

Legittima la revoca dell'ordinanza di occupazione motivata dal mutato assetto dei luoghi rispetto a precedente sopralluogo comportante una rivisitazione del progetto.

Il provvedimento di occupazione è revocabile e le aree sono restituibili.

OCCUPAZIONE --> RINNOVAZIONE

Scaduti i termini fissati con il decreto di occupazione d’urgenza, stando la mancata realizzazione dei lavori su alcuni dei beni occupati, viceversa realizzati su altri lotti, il rinnovo della procedura di occupazione d’urgenza è sempre possibile, perdurando la vigenza della dichiarazione di pubblica utilità.

OCCUPAZIONE --> RINNOVAZIONE --> IN CASO DI RINNOV... _OMISSIS_ ...U.

Al rinnovo della dichiarazione di pubblica utilità deve far seguito l’adozione di un nuovo provvedimento di occupazione, in assenza del quale il mantenimento del possesso dell’area non può che ritenersi senza titolo.

OCCUPAZIONE --> RINNOVAZIONE --> LIMITI

Il venir meno dell'efficacia di un primo decreto di occupazione per l'inutile scadenza del termine trimestrale non preclude che l'Amministrazione possa adottare altro decreto nel periodo di vigenza della dichiarazione di p.u. che ne costituiva il solo presupposto, provenendo gli unici limiti dall'avvenuta scadenza dei termini iniziali di cui alla L. n. 2359 del 1865, art. 3 e soprattutto dall'irreversibile trasformazione dei terreni nell'opera pubblica pre... _OMISSIS_ ...|
OCCUPAZIONE --> SEQUESTRO

L’esistenza di un sequestro comporta l’assoggettamento del bene a un vincolo tale da escluderne la disponibilità per chicchessia, dovendo lo stesso restare a disposizione dell’A.G. procedente per le esigenze processuali che hanno indotto all’imposizione della misura reale. Ne discende che, per il periodo in cui si protrae il sequestro, i proprietari del suolo non possono avere la disponibilità né fruire del suolo medesimo, di modo che alcun risarcimento può essere disposto in loro favore per tale periodo.

Anche dato per acquisito che vi fossero state inizialmente condotte occupative o appropriative sull’area, il successivo intervento dell’A.G. che ne ha disposto il seque... _OMISSIS_ ...avuto l’effetto di interrompere il nesso causale rilevante ex art. 2043 cod. civ. in relazione al mancato godimento del bene da parte dei proprietari, con la conseguente esclusione di ogni possibilità di configurare un illecito aquiliano per tale periodo.

<