GIUDIZIO PROCESSO

Stai vedendo 898-840 di 847 risultati

Occupazioni illegittime: il riparto di giurisdizione

In seguito alla giurisprudenza costituzionale, i problemi di riparto di giurisdizione tra giudice ordinario ed amministrativo, lungi dal risolversi, si acuivano rapidamente , soprattutto per quanto riguarda la distinzione tra comportamenti “amministrativi” e comportamenti “meri” : infatti soltanto i primi, in quanto riconducibili almeno mediatamente all’esercizio del potere, avevano potuto essere devoluti al giudice amministrativo

La notificazione degli atti nelle ipotesi di litisconsorzio necessario

Affinché il provvedimento dell’Amministrazione finanziaria venga ad esistenza occorre che questo sia ritualmente notificato al contribuente.

Un'altra possibile lettura della sentenza del 2007

Come si è cercato di illustrare, la sentenza del 2007 è stata accolta in dottrina in maniera assai controversa. Il dibattito si è incentrato soprattutto su un punto: la Cassazione ha introdotto il litisconsorzio necessario nelle obbligazioni solidali tributarie oppure no? E se sì, questa è stata una soluzione positiva?

3.4 Giugno 2008: le Sezioni Unite della Cassazione intervengono ancora sul litisconsorzio necessario

Il ricorso proposto da uno dei soci o dalla società, anche avverso un solo avviso di rettifica, riguarda inscindibilmente la società ed i soci (salvo che questi prospettino questioni personali), i quali tutti devono essere parte nello stesso processo, e la controversia non può essere decisa limitatamente ad alcuni soltanto di essi.

Verso un nuovo volto del processo tributario?

In presenza di un avviso di accertamento unitario notificato alla società di persone e ai soci, la vertenza sulla legittimità di tale atto va radicata, innanzi al giudice tributario, mediante il coinvolgimento di tutti i soggetti (società e soci)

Le ragioni del litisconsorzio necessario nell’accertamento dei redditi delle società di persone

Posto, dunque, che la riunione non è soluzione sempre in grado di garantire le esigenze di unitarietà logica anche nel processo, ecco che la Corte afferma «che il vero strumento idoneo a risolvere in radice la generalità dei casi è il litisconsorzio necessario» .

Il regime di “trasparenza opzionale” (per le società di capitali) alla luce della Sentenza 04 giugno 2008, n. 14815

Anche talune società di capitali possono optare per il regime di trasparenza fiscale. In questa materia, come si è visto, l’arresto delle Sezioni Unite pronunciato nel 2008 ha avuto un impatto notevole sul panorama dottrinario e, inoltre, i risvolti applicativi da esso derivanti sembrano essere veramente di grande momento.

Litisconsorzio necessario nel processo tributario: riflessioni critiche

si era partiti dall’art. 14, d. lgs. 31 dicembre 1992, n. 546. La domanda fondamentale che l’interprete è tenuto a porsi nell’affrontare la disamina di tale norma è se essa costituisca o meno una c.d. “fattispecie in bianco”, come pacificamente si ritiene per l’art. 102 c.p.c.

La solidarietà tributaria: dalla mutua rappresentanza alle obbligazioni parziarie

era in auge una interpretazione, denominata dalla dottrina, supersolidarietà, in base alla quale la notificazione dell’avviso di accertamento ad uno dei coobbligati, faceva decorrere il termine per l’impugnazione anche nei confronti di quei coobbligati che non avessero ricevuto alcuna notificazione.

La disciplina del litisconsorzio in generale, e nel processo tributario in particolare

L’art. 14 del d. lgs. 546/1992, non contiene soltanto una previsione di carattere generale sul litisconsorzio, ma disciplina anche le modalità di attuazione dello stesso. Le norme che ora verranno partitamente esaminate sono quelle contenute nei commi 2, 4, 5, 6.

Il litisconsorzio nelle impugnazioni

In dottrina si contrappongono due orientamenti: il primo intende ricostruire le ipotesi di litisconsorzio necessario nel giudizio di appello in base alla normativa dettata dal Codice di rito in quanto espressamente richiamata e compatibile ; il secondo, invece, tende a individuare nel citato articolo 53, c. 2, la volontà del legislatore di individuare autonomamente le ipotesi di litisconsorzio necessario in fase di gravame .

La conciliazione giudiziale nel litisconsorzio

L’istituto della conciliazione giudiziale , così come conosciuto oggi, è stato introdotto, insieme all’accertamento con adesione, dal d. lgs. 19 giugno 1997, n. 218

Pagina 70 di 71 40 70