Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Carattere conformativo dei vincoli di zonizzazione del territorio comunale

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI --> DA ZONIZZAZIONE

Le destinazioni all'interno di Zona S (Attrezzature Pubbliche Standard di progetto - centro polisportivo - parcheggio), che riguardano non una singola area, esprimono un vincolo conformativo, che, del resto, costituisce l'evenienza ordinaria, mentre assume carattere di eccezione l'ipotesi inversa, che la destinazione si traduca, cioè, in un vincolo preordinato all'esproprio.

Hanno carattere conformativo le previsioni degli strumenti urbanistici aventi la funzione di definire per zone, in via astratta e generale, le possibilità edificatorie connesse al diritto dominicale; tale vincolo conformativo dipende soltanto dai requisiti oggettivi, di natura, e struttura, dei vincoli stessi, in particolare configurandosi tale carattere ove tali vincoli siano inquadrabili nella ... _OMISSIS_ ...intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono ed in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'opera pubblica.

E' jus recepum in giurisprudenza il principio per cui il carattere conformativo dei vincoli non dipende dalla collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici, ma soltanto dai requisiti oggettivi, per natura e struttura, dei vincoli stessi, ricorrendo in particolare tale carattere ove gli stessi vincoli siano inquadrabili nella zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell’intera zona in c... _OMISSIS_ ... in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto, per lo più spaziale, con un’opera pubblica.

Il carattere conformativo di un vincolo è configurabile ove tale vincolo miri ad una (nuova) zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono ed in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'opera pubblica.

Il giudice amministrativo ha mostrato ripetutamente di condividere il principio enunciato dalle Sezioni Unite (sent. 173/2001; 28051/2008), e sostanzialmente mutuato da Corte Costit. 6/1966, che "vanno configurati come conformativi - e perciò non soggetti a decadenza - i vincoli che incidono su di una generalità di... _OMISSIS_ ... di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni medesimi ricadono in dipendenza delle sue caratteristiche intrinseche, ovvero del rapporto - per lo più spaziale con un'opera pubblica".

Il carattere conformativo, e non ablatorio, agli effetti indennitari, dei vincoli di piano non discende, direttamente e necessariamente, dal fatto in sé della loro collocazione nello strumento urbanistico, e non si impone, quindi, esclusivamente in ragione della fonte da cui il vincolo deriva, quanto piuttosto dipende dai requisiti oggettivi, di natura e struttura - che i vincoli contenuti nello strumento urbanistico di norma presentano - della incidenza su una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione assolta dall'intera zona in cui questi ricadono, in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o de... _OMISSIS_ ...ave; spaziale) con un'opera pubblica: dal che appunto il modo d'essere, "conformato" della proprietà dei beni medesimi.

Il carattere conformativo, e non ablatorio, agli affetti indennitari, dei vincoli di piano non discende, direttamente e necessariamente, dal fatto in sé della loro collocazione nello strumento urbanistico, e non si impone, quindi, esclusivamente in ragione della fonte da cui il vincolo deriva, quanto piuttosto dipende dai requisiti oggettivi, di natura e struttura - che i vincoli contenuti nello strumento urbanistico di norma presentano - della incidenza su una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione assolta dalla intera zona in cui questi ricadono, in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'opera pubblica: dal che appunto il modo d'essere, "conformato" de... _OMISSIS_ ... dei beni medesimi.

Nell'accertamento della qualità edificatoria di un'area ai fini della determinazione dell'indennità di esproprio, in presenza di variante al piano regolatore generale, il carattere conformativo di essa e non ablatorio, non discende dalla collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici, e neppure dalla tipologia delle destinazioni individuate, ma dipende soltanto dai requisiti oggettivi, di natura e struttura, che presentano i vincoli in essa contenuti. Tale carattere è dunque configurabile ove tali vincoli mirino ad una (nuova) zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono ed in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'o... _OMISSIS_ ... /> Il carattere conformativo dei vincoli di Piano non discende dalla collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici (nella specie il Piano regolatore), ma dipende soltanto dai requisiti oggettivi, di natura e struttura, dei vincoli stessi, in particolare configurandosi tale carattere conformativo (e non espropriativo) ove tali vincoli siano inquadrabili nella zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono ed in ragione delle sue caratteristiche intrinseche.

Al diverso contenuto del piano corrispondono due tipologie di prescrizioni, quelle conformative e quelle preespropriative: le prime, volte a conformare il diritto di proprietà, senza prevedere che il bene possa essere espropriato, si correlano alla... _OMISSIS_ ... del territorio anche quando - come è possibile - incidono in modo pregnante sulla possibilità edificatorie dell'area, imponendone un determinato uso, eventualmente nell'ambito di una rosa più o meno ampia.

La zonizzazione del territorio, con i vincoli di generalità e in modo obiettivo su intere categorie di beni, è connaturata normalmente alla pianificazione urbanistica, per cui non può essere ex se considerata di natura ablatoria. La possibilità che il diritto di proprietà subisca alcune limitazioni in ragione dell’interesse pubblico costituisce d’altronde un rischio fisiologico connesso al diritto stesso secondo il giudice delle leggi (Corte Costituzionale, sent. n.179 del 1999).

Il vincolo conformativo è funzionale all'interesse pubblico generale conseguente alla zonizzazione, effettuata dallo strumento urbanistico, che definisce i caratteri gen... _OMISSIS_ ...grave; in ciascuna delle zone in cui è suddiviso il territorio comunale; a differenza del vincolo espropriativo che incide su beni determinati in funzione della localizzazione puntuale di un’opera pubblica ed ha portata e contenuto direttamente ablatori, quello conformativo definisce per zone, in via astratta e generale, le possibilità edificatorie connesse al diritto dominicale.

Correttamente la destinazione del terreno espropriato, secondo le indicazioni del piano regolatore generale, è ascritta alla categoria dei vincoli conformativi, sulla base della natura delle previsioni di piano, se generali o particolari, qualora si rilevi che il bene ablato, lungi dall'essere interessato da una previsione di tipo "lenticolare", sia inserito in una più vasta area inclusa in zona H, destinata ad attrezzature di interesse collettivo (attrezzature per l'istruzione, per attività collettive, verde att... _OMISSIS_ .../>
Il carattere conformativo dei vincoli di piano non discende dalla loro collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici, ma dipende soltanto dai requisiti oggettivi, di natura e struttura, dei vincoli stessi, in particolare configurandosi tale carattere ove tali vincoli siano inquadrabili nella zonizzazione dell'intero territorio comunale o di parte di esso, sì da incidere su di una generalità di beni, nei confronti di una pluralità indifferenziata di soggetti, in funzione della destinazione dell'intera zona in cui i beni ricadono ed in ragione delle sue caratteristiche intrinseche o del rapporto (per lo più spaziale) con un'opera pubblica.

Il carattere conformativo della variante (che soltanto consente di tener conto della nuova classificazione), non discende dalla sua collocazione in una specifica categoria di strumenti urbanistici, ma dipende soltanto dai requisiti oggettivi, di na... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo