Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Il presente articolo è composto da sintesi giurisprudenziali tratte dal  prodotto di cui è mostrata la copertina. In tale prodotto il testo è riportato senza omissis, e ciascuna  sintesi è associata al pertinente brano originale e agli estremi della sentenza a cui essa si riferisce (come si può constatare scaricandosi il  demo del prodotto). Il cliente può acquistare il prodotto completo nonché, in certi casi, il solo articolo tratto da esso. 

Natura degli interventi edilizi: mutamento di destinazione d'uso

OPERE ED INTERVENTI --> NATURA DEGLI INTERVENTI --> MUTAMENTO DI DESTINAZIONE D'USO

Il semplice cambiamento di destinazione d’uso senza realizzazione di opere edilizie non costituisce attività del tutto libera e priva di vincoli, non potendo comportare la vanificazione di ogni previsione urbanistica che disciplini l’uso del territorio nel singolo comune.

Il mutamento di destinazione d’uso urbanisticamente non rilevante è solo quello che si avvera e si muove nell'ambito della medesima categoria urbanistica, a prescindere dall'effettuazione o meno di opere edilizie che al più potrebbero essere unicamente valutate quale elemento sintomatico dell’intervenuto mutamento di destinazione.

La mera modifica di destinazione d’uso determina l’impossibilità di qualificare come manutenzione straordinaria un intervento edilizio.

In materia edilizia... _OMISSIS_ ...1, del D.P.R. n. 380 del 2001, qualifica come variazione essenziale il mutamento di destinazione d’uso, comunque realizzato, anche senza opere edilizie, che implichi una variazione degli standard previsti dal D.M. 2 aprile 1968, n. 1444.

La realizzazione di un cambio di destinazione d’uso all'interno della stessa categoria generale rientra nella categoria dell’attività edilizia libera subordinata a una semplice comunicazione inizio lavori asseverata.

L’intervento di cambio di destinazione d’uso di un locale da attività produttiva ad abitazione mediante la realizzazione di opere non è riconducibile alla categoria della manutenzione ordinaria o straordinaria.

La destinazione d’uso è un elemento che qualifica la connotazione dell’immobile e risponde agli scopi di interesse pubblico perseguiti dalla pianificazione nella misura in cui individua il bene sotto... _OMISSIS_ ...zionale, specificando le destinazioni di zona fissate dagli strumenti urbanistici in considerazione della differenziazione infrastrutturale del territorio.

Il mutamento di destinazione d’uso di un immobile senza la realizzazione di opere non necessita del previo rilascio di un titolo edilizio.

È illegittima l'ordinanza di demolizione volta a sanzionare una trasformazione, senza opere, dell'uso di un immobile, poiché, non implicando il cambio di destinazione d'uso alcuna opera esterna alla struttura e alla conformazione dell'immobile, non si è verificato un mutamento urbanistico - edilizio del territorio comunale e quindi nessun stravolgimento o carico urbanistico dell'assetto dell'area in cui l'intervento ricade.

Il cambiamento di utilizzo, la cui rilevanza dal punto di vista urbanistico deve essere dimostrata, non può essere precluso da una qualificazione presente nei dati catastali inid... _OMISSIS_ ...a determinare la regolamentazione edilizia dell’immobile, ancor più nel caso in cui l’accatastamento, nonché il linguaggio a tal fine allora utilizzato, devono essere contestualizzati in un’epoca risalente, addirittura, precedente alla legge urbanistica 17 agosto 1942 n. 1150.

La destinazione d’uso edilizia, relativa al singolo edificio, è normalmente indicata nel titolo edilizio, corrisponde a specifiche categorie edilizie previste dagli strumenti urbanistici (PRG, Regolamento edilizio) ed esprime l’impiego funzionale del singolo immobile compatibile con la destinazione urbanistica e con la dotazione di servizi e infrastrutture previsti ciascuna zona omogenea.

Il mutamento di destinazione d'uso giuridicamente rilevante è solo quello tra categorie funzionalmente autonome dal punto di vista urbanistico, tenuto conto che nell'ambito delle stesse categorie possono aversi mutamenti d... _OMISSIS_ ...rsi regimi urbanistici, stanti le sostanziali equivalenze dei carichi urbanistici nell'ambito della medesima categoria.

La legislazione in materia urbanistica o, più in generale, in materia amministrativa, disciplinando il rapporto tra cittadino e norme di carattere pubblicistico non può comportare un automatico recepimento nell'ambito della disciplina dei rapporti tra privati dei criteri per i quali si stabilisce se una certa attività comporti o meno mutamento di destinazione ai fini della regolamentazione dell'assetto urbanistico-edilizio del territorio.

La modifica di destinazione d'uso, quando ha ad oggetto immobili che ricadono in zona sismica, anche nel caso di interventi non dichiaratamente strutturali (impiantistici, di ridistribuzione degli spazi, ecc), non è sottratta al controllo preventivo degli organi competenti e deve perciò essere preceduta dal deposito del progetto e autorizzata ai sens... _OMISSIS_ ...del 2001, art. 95 e seguenti.

Nel caso di mutamento di destinazione d’uso senza opere da ufficio a residenziale, è necessario fornire adeguate prove in ordine all’esistenza pregressa di tutti gli impianti, in specie idrosanitari, necessari a far acquisire all’immobile il requisito dell’abitabilità, perché solo in tal modo può perfezionarsi un effettivo mutamento di destinazione.

La presenza all'interno di un immobile di alcuni locali pienamente idonei ad assolvere una funzione abitativa incide sulla destinazione d'uso dello stesso.

Gli interventi edilizi che comportano modifiche alla destinazione d’uso del fabbricato sul quale incidono, nonché un aumento della superficie dello stesso, non possono essere ricondotti alla categoria della manutenzione straordinaria.

Le opere che determinano la modifica di destinazione d’uso ovvero un aumento... _OMISSIS_ ...rsquo;immobile vanno qualificate quale intervento di ristrutturazione edilizia.

Il mutamento di destinazione è una situazione di fatto che si verifica ogni qualvolta un manufatto assume la configurazione di un’opera con destinazione funzionale diversa.

Il mutamento di destinazione d'uso non è fatto da collegarsi all’efficacia o meno del titolo edilizio, ma una vicenda che, proprio per il suo carattere di abusività, trascende dal dato rilevato dal provvedimento amministrativo abilitativo.

La norma per la quale, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, gli interventi che comportino mutamenti della destinazione d’uso si qualificano in termini di ristrutturazione edilizia, è una previsione di particolare rigore per i centri storici, finalizzata ad evitare indebite alterazioni dei loro delicati equilibri abitativi e funzionali.

L’utilizzazion... _OMISSIS_ ...obile non può essere fonte di modificazione della destinazione d’uso rilevante ai fini urbanistici.

Ai fini dell’aumento della superficie utile, nell’ipotesi di cambio di destinazione d’uso, i depositi seminterrati vanno equiparati ai deposti interrati.

I mutamenti di destinazione di uso che siano posti in essere nelle z.t.o A (come nel caso di specie), per la sola detta circostanza, sono riconducibili alla nozione di ristrutturazione edilizia e necessitano di permesso di costruire, indipendentemente dall'esecuzione di opere edilizie, dall'aumento delle superfici utili o dalla modificazione del volume, della sagoma, dei prospetti.

Al di fuori delle z.t.o. A la modificazione della destinazione di uso integra la fattispecie della ristrutturazione edilizia e richiede il permesso di costruire soltanto quando comporti un aumento della superficie od una modificazione del volume, della sagoma, dei ... _OMISSIS_ ...r /> È urbanisticamente rilevante la modificazione a stalle di una destinazione abitativa o “rurale” in senso stretto (in quanto connessa all’utilizzazione dei manufatti per l’esercizio delle attività agricole: cantina, rimessa attrezzi, fienile, etc.), in quanto comporta il passaggio categoria delle “industrie insalubri” ed implica una trasformazione territoriale ed ambientale che deve essere valutata nei suoi aspetti igienico-sanitari (soprattutto, per il regolare deflusso delle deiezioni ed il loro trattamento, fattore di criticità per la tutela ambientale).

La LR Lombardia 15 gennaio 2001 n. 1, seguita sul punto dalla LR 12 marzo 2005 n. 12, ha innovato la disciplina delle destinazioni d’uso statuendo che tutte quelle non escluse esplicitamente sono ammissibili, salva la necessità di integrare gli standard urbanistici.

La distinzione tra «modifica di destin... _OMISSIS_ ...quo;diverso uso» che emerge dall'art. 57 L.R. Calabria 19/2002 non implica affatto un regime differenziato quanto alla soggezione della modifica e del diverso uso alle prescrizioni dello strumento urbanistico, perché il rispetto di dette prescrizioni è necessario in entrambi i casi.

I cambi di destinazione d’uso senza opere edilizie sono interventi assoggettati al potere di controllo comunale.

Le cubature degli edifici accessori o di pertinenza degli edifici principali hanno, salvo diversa previsione, la stessa destinazione d'uso dell'edificio principale.

In mancanza di disciplina regionale e tenuto conto del sistema delineato dalla l. n. 47 del 1985, il mutamento di destinazione d'uso degli immobili ha rilievo sotto il profilo urbanistico solo se accompagnato da opere edilizie.

Il mutamento di destinazione d'uso da ufficio pubblico a ludoteca non determina un incremento di ca... _OMISSIS_ ......

...continua.

Acquista l'articolo per soli 6,00 €, potrai visualizzarlo sempre sul nostro sito e ti verrà inviata una mail con il PDF dell'articolo in allegato

Acquista articolo
L'articolo riportato è un brano dimostrativo tratto dal seguente prodotto (in formato PDF) acquistabile e immediatamente scaricabile con pochi click.
OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO 6201 pagine in formato A4

50,00 €