Articolo

 Questo articolo è tratto dal testo in formato PDF nel riquadro, scaricabile in pochi minuti

 COPYRIGHT. È ammessa la riproduzione del contenuto solo con citazione della fonte e link

Questo articolo è composto da sintesi giurisprudenziali contenute nel sottostante prodotto in formato pdf, nel quale si trovano anche gli estratti originali e gli estremi delle sentenze a cui le sintesi si riferiscono. Scaricati gratis un demo dal box sottostante.

OPERE EDILIZIE E TITOLO EDILIZIO

OPERE ED INTERVENTI --> RICOSTRUZIONE POST-SISMA --> ABRUZZO 2009

La normativa vigente ha trasferito le competenze relative allo svolgimento dell’istruttoria finalizzata all'esame delle richieste di contributo per la ricostruzione degli immobili privati a due uffici speciali, uno per la città dell’Aquila, l’altro per gli altri comuni interessati dal sisma del 6 aprile 2009.

È escluso che il Comune di L’Aquila possa in qualche misura, anche soltanto indirettamente, influire non solo sull'autorizzazione all'indennizzo definitivo post-sismico, ma neppure sui tempi previsti per il suo rilascio, al quale è collegato il compito del tutto residuale del Comune di erogare il contributo richiesto attuando il procedimento diretto a conferire copertura finanziaria all’intervento secondo le priorità stabilite.

Il solo legittimato passivo del giudizio per l'accertamento del silenzio-rifiuto sulla richiesta di contributo per la riparazione post-sismica è l’Ufficio speciale per la ricostruzione.

È inadempiente Ufficio Speciale per la Ricostruzione di L'Aquila che non abbia provveduto nel termine stabilito (sessanta giorni) sull'istanza di contributo, il che integra la fattispecie del silenzio-rifiuto a carico di detto ente.

In ordine al termine di conclusione dell’istruttoria per il riconoscimento dei contributi alla ricostruzione degli immobili privati danneggiati dal sisma, l’art. 4, comma 8-septies, del D.l. 12 settembre 2014, n. 133 non si applica laddove il silenzio-rifiuto si sia formato prima della sua en... _OMISSIS_ ...