Scomputo totale o parziale degli oneri o del contributo

TITOLO EDILIZIO --> ONERI E CONTRIBUTI --> SCOMPUTO

Le cessioni immobiliari e gli oneri assunti verso il Comune ai sensi dell’art. 28 della legge 16 ottobre 1942, n. 1150, corrispondono all’osservanza di obblighi legali condizionanti il rilascio del titolo abilitativo dell’intervento edilizio: non si tratta dunque di donazione, la quale si caratterizza non per la gratuità, ma per lo spirito di liberalità che deve muovere il donante.

Lo scomputo del costo di un'opera (nella specie, di collegamento del gas§) dall’ammontare globale del contributo dovuto, può verificarsi solo nel caso in cui l’esecuzione dell’opera avvenga “con le modalità e le garanzie stabilite dal comune”, ovvero per il t... _OMISSIS_ ...presso atto di accettazione consensuale della stessa amministrazione a fronte dell’impegno del privato alla sua realizzazione.

Lo scomputo delle maggior somme corrisposte a titolo di oneri di urbanizzazione deve qualificarsi in termini di diritto soggettivo, che presuppone la presenza di un debito da parte dell’amministrazione derivante da altro titolo, ma nel caso in cui il corrispondente diritto di credito risulti prescritto, non può che escludersi il sorgere del diritto allo scomputo.

E' possibile e legittimo che il valore delle opere di urbanizzazione necessarie per il completamento del lotto sia di gran lunga superiore a quello degli oneri di urbanizzazione e non possa, pertanto, essere coperto dal relativo scomputo.

... _OMISSIS_ .... 32, c. 1, lett. g) del Dlg 163/2006, che consente la deroga al successivo art. 128, c. 1 per le opere, realizzate con interventi diretti dei titolari di permesso di costruire, a scomputo totale o parziale del contributo ex art. 16, c. 2 del DPR 6 giugno 2001 n. 380, può concernere solo l’attuazione di titoli edilizi discendenti da un piano urbanistico già approvato e per gli scopi colà indicati e non già le opere pubbliche che, pur se da esso presupposte, siano ancora da programmare, definire ed allocare, per finalità di pubblico interesse generale trascendenti le specifiche esigenze di piano, in un’area di intervento diversa da quella che il piano stesso ha disciplinato.

Gli interventi di urbanizzazione non eseguiti nel quadro di un accordo prev... _OMISSIS_ ...ivati e l’amministrazione non sono necessariamente irrilevanti, ma le richieste di rimborso devono essere valutate con particolare rigore, perché si tratta di una procedura da cui potrebbe derivare l’accertamento di debiti fuori bilancio.

Non può essere conteggiata a scomputo degli oneri concessori dovuti la spesa sostenuta dal titolare di concessione edilizia per la realizzazione di opere infrastrutturali non convenute col comune; infatti, fuori dal contesto di una convenzione regolarmente stipulata, la realizzazione di infrastrutture pubbliche da parte del privato concessionario può essere considerata di natura corrispettiva, ma "sine titulo", valutabile cioè sotto il profilo dell'ingiustificato arricchimento.

Il diritto ... _OMISSIS_ ...la somma dovuta a titolo di oneri concessori non può configurarsi in assenza dell'accettazione, anche informale, dell'opera di urbanizzazione realizzata o promossa dal costruttore, con la conseguenza che, in assenza di qualsivoglia partecipazione consensuale dell'ente locale gli oneri contributivi devono essere integralmente corrisposti.

Il contributo concessorio può essere scomputato nei casi in cui, ricorrendone i presupposti e le condizioni, le opere di urbanizzazione siano realizzate dal titolare della concessione edilizia (art. 11, comma 1, l. 28 gennaio 1977 n. 10).

La possibilità di realizzazione diretta delle opere di urbanizzazione, a scomputo dei contributi, è sempre condizionata al preventivo assenso comunale, avendo l’Amministr... _OMISSIS_ ... potere di indicare il tipo e l’entità delle opere, le modalità di esecuzione e le relative garanzie.

Laddove vi sia carenza o insufficienza di urbanizzazione, le opere necessarie ben possono essere poste o rimanere a carico del privato, salva la possibilità di uno "scomputo" con le modalità ed alle condizioni previste dalla legge.

Spetta al Comune di verificare se l'opera di urbanizzazione sia effettivamente necessaria nell'interesse della collettività, ovvero se debba essere eseguita nel solo interesse dell'operatore privato, per rendere tecnicamente fattibile l'intervento (con la conseguenza che solo nel primo caso, e non anche nel secondo, si tratterà di un'opera ammissibile a scomputo degli oneri di urbanizzazione).
|... _OMISSIS_ ...l richiedente il titolo edilizio per la realizzazione delle opere può scomputare dagli oneri di urbanizzazione (fermo restando quanto dovuto per il costo di costruzione) il valore delle opere di urbanizzazione realizzate in attuazione di una convenzione urbanistica, deve ritenersi illegittima la previsione contenuta nella convenzione di lottizzazione che esclude lo scomputo dagli oneri di urbanizzazione di quanto versato a titolo di monetizzazione.

Il consenso dell’Amministrazione comunale allo scomputo degli oneri per opere di urbanizzazione, pur conseguendo a una valutazione ampiamente discrezionale, può anche ricavarsi per implicito dalla accettazione che il Comune abbia manifestato a fronte di un’esecuzione diretta delle predette opere da parte... _OMISSIS_ ...ario.

Il meccanismo del consenso implicito allo scomputo dei contributi di urbanizzazione può operare soltanto all’interno di un rapporto nel quale è ab initio escluso ogni obbligo originario di realizzazione delle opere di urbanizzazione, dovendo egli invece contribuire alle stesse unicamente attraverso la corresponsione degli oneri pecuniari pattuiti: soltanto in tale ipotesi è concepibile che, in difformità dagli accordi presi, il privato realizzi in proprio le urbanizzazioni in tutto o in parte, ponendosi pertanto il consequenziale problema dello scomputo.

L’art. 11 della legge n.10/77 è sufficientemente chiaro nel prevedere che la diretta realizzazione delle opere di urbanizzazione da parte del titolare della concessione edilizi... _OMISSIS_ ...ternativa al pagamento dei soli “oneri di urbanizzazione” - quota parte dei complessivi oneri concessori - ciò a motivo del collegamento dei primi con i costi ingenerati in capo all’amministrazione dall’iniziativa edificatoria.

L'art. 32, lett. g), d. lgs. 163/2006 non viene in rilievo per gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, che non sono opere di urbanizzazione né primaria né secondaria.

Il Comune non può pretenderne il pagamento di oneri già corrisposti con lo scomputo, a nulla potendo rilevare che nel frattempo la lottizzazione abbia perso efficacia per decorso del decennio (art.28 L.U.).

Affinché gli oneri di urbanizzazione, in virtù della sopravvenuta inefficacia della lottizzazi... _OMISSIS_ ...ricadere su colui che li ha realizzati a scomputo, occorre che la Regione abbia previsto tale ultima possibilità.

Qualora gli oneri di urbanizzazione siano stati corrisposti sulla base di una determinata zonizzazione, deve essere rigettata la pretesa di scompuito che sia fondata sulla base della zonizzazione preesistente.

Ai fini dell'applicazione del meccanismo di scomputo di cui all'art. 11 legge 10/1977 (oggi art. 16 D.P.R. 380/2001) è necessario che siano deter...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 10878 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo