Informativa antimafia per il rilascio di concessioni demaniali

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> INFORMATIVA ANTIMAFIA

La scelta di un’amministrazione pubblica di avvalersi della possibilità di richiedere l'informativa antimafia prima del rilascio di una concessione demaniale non è preclusa dal disposto di cui all’art. 10 D.P.R. n. 252 del 1998, comma 1, che impone l'obbligo di "acquisire le informazioni" qualora l'importo della gara o della concessione superi la soglia normativamente posta, non essendovi un divieto di richiedere informazioni al di sotto della soglia indicata.

L'informativa atipica non ha carattere di per sé interdittivo, ma consente l'attivazione degli ordinari strumenti di discrezionalità nel valutare l'avvio o il prosieguo dei rapporti ... _OMISSIS_ ...lla luce dell'idoneità morale del partecipante alla gara di assumere la posizione di contraente con la P.A..

L'informativa antimafia atipica non necessita di un grado di dimostrazione probatoria analogo a quello richiesto per dimostrare l'appartenenza di un soggetto ad associazioni di tipo camorristico o mafioso, basandosi su elementi, anche indiziari, ottenuti con l'ausilio di particolari indagini che possono risalire anche ad eventi verificatisi a distanza di tempo.

Sussiste la necessità di una puntuale e dettagliata motivazione nei casi in cui la Stazione Appaltante voglia proseguire il rapporto contrattuale o concessorio e non in egual modo in caso di conformazione della Stazione all’informativa stessa: ciò in ragione della natura dell... _OMISSIS_ ...ntimafia e della difficoltà in cui si trovano i Comuni a valutare la fondatezza di informazioni che sono acquisite e verificabili solo attraverso l’intervento degli organi della polizia di stato.

Ricevuta l'informativa antimafia atipica ed interrotta la procedura di aggiudicazione della concessione di area pubblica, rientra tra i poteri del proprietario del bene demaniale la richiesta della restituzione dell’area, accompagnata dalla riduzione in pristino delle opere realizzate.

L'elenco degli atti, dei provvedimenti e dei contratti per cui è obbligatorio acquisire preventivamente l'informativa prefettiva antimafia è tassativo e non suscettibile di interpretazione analogica.

Per i contratti di locazione non vi è l'obbli... _OMISSIS_ ... l'informativa prefettiva antimafia, ma non vi è nemmeno un divieto esplicito: per cui, nell'esercizio della propria discrezionalità, la P.A. può legittimamente acquisire lo stesso tale documentazione ove lo ritenga opportuno.

È da escludere che la normativa antimafia possa essere interpretata nel senso che, all’obbligo imposto di acquisire le informative nei casi prescritti, si contrapponga il divieto ovvero l’assoluta irrilevanza delle medesime informative nei casi nei quali l’informativa non è obbligatoria, fatti salvi i limiti previsti dall’art. 1, co. 2, D.P.R. 252/1998.

Al di fuori dei casi di obbligatorietà e vincolatività delle informative antimafia, la P.A. non è deprivata della potestà autoritativa e discreziona... _OMISSIS_ ... e valutare le informative ogniqualvolta ne ravvisi l’opportunità.

Il giudizio espresso dall’autorità prefettizia sui tentativi di infiltrazione mafiosa ha natura globale e sintetica sulla affidabilità dell’impresa nel suo insieme, per cui gli elementi presi in considerazione devono essere valutati per la loro incidenza complessiva sulle conclusioni dell’informativa che, costituendo espressione di un potere latamente discrezionale dell'amministrazione, è insuscettibile di sindacato nel merito, a meno che non si palesino vizi di legittimità per manifesta illogicità, per errore nei presupposti o per travisamento dei fatti.

Nel contesto del delicato equilibrio tra le esigenze, da un lato, dell'osservanza dei principi costitu... _OMISSIS_ ...resunzione di innocenza e della libertà dell'iniziativa economica privata e, dall'altro, della più efficace azione di contrasto della criminalità organizzata, le informative antimafia devono fondarsi su elementi di fatto che denotino in senso oggettivo il pericolo di collegamenti tra la società o l'impresa e la criminalità organizzata, richiedendosi, in sintesi, un attendibile giudizio di possibilità, secondo la nozione di pericolo.

Ai fini delle informative antimafia non occorre sia provata l'esistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa, essendo invece sufficiente, secondo un giudizio prognostico latamente discrezionale, ancorché ragionevole e circostanziato, la mera possibilità di interferenze malavitose rivelata da fatti idonei a configurarne il substrat... _OMISSIS_ ...| Il diniego di autorizzazione a procedere da parte della Camera dei Deputati o del Senato della Repubblica non impedisce al prefetto di apprezzare le risultanze dei procedimenti penali ai fiini dell'adozione dell'informativa antimafia.

Anche quando l’imputazione non risulti recepita in un provvedimento cautelare, in un rinvio a giudizio o in una condanna anche non definitiva, direttamente inquadrabile nell’ambito applicativo dell'art. 10, co. 7, lett. a), D.P.R. 252/1998, nondimeno le risultanze di un procedimento penale in corso possono essere ritenute rilevanti quale fonte informativa recante elementi significativi per l’applicazione dell’interdittiva prefettizia, nel quadro delle circostanze emergenti dagli accertamenti ai sensi de... _OMISSIS_ ... 7, lett. c), D.P.R. cit..

L'elenco degli atti provvedimenti e contratti soggetti all’obbligo di acquisizione della informativa antimafia è tassativo e non suscettibile di interpretazione analogica.

Alla luce delle finalità perseguite e dei valori tutelati dalla normativa antimafia, è da escludere che la medesima, anche secondo una lettura costituzionalmente orientata, possa essere interpretata nel senso che all’obbligo imposto di acquisire le informative nei casi prescritti, si contrapponga il divieto ovvero l’assoluta irrilevanza delle medesime informative nei casi nei quali l’informativa non è obbligatoria, fatti salvi i limiti previsti dall’art. 1, co. 2, D.P.R. n. 252/1998.

L'informativa antimafi... _OMISSIS_ ...essione di un potere latamente discrezionale dell'amministrazione, è insuscettibile di sindacato nel merito, a meno che non si palesino vizi di legittimità per manifesta illogicità, per errore nei presupposti o per travisamento dei fatti.

Ai fini delle informative antimafia, non occorre che sia provata l'esistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa, essendo invece sufficiente, secondo un giudizio prognostico latamente discrezionale, ancorché ragionevole e circostanziato, la mera possibilità di interferenze malavitose rivelata da fatti idonei a configurarne il substrato.

L'informativa antimafia prescinde della sussistenza di illeciti penali a carico degli appartenenti alla impresa ovvero dalla disponibilità di fonti di prova aventi il grado di... _OMISSIS_ ...’utilizzo in un processo penale o di prevenzione, ma si giustifica considerando il pericolo dell'infiltrazione mafiosa, purché sia fondato su elementi almeno presuntivi ed indiziari.

L’art. 10, co. 7, D.P.R. 252/1998 consente all’autorità prefettizia di avvalersi, per desumere le situazioni relative ai tentativi di infiltrazione mafiosa, di un’ampia gamma di fonti che comprendono anche i provvedimenti che dispongono una misura cautelar...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 30042 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo