Natura, durata e cessazione della concessione cimiteriale

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE CIMITERIALE

Il Comune non ha alcun potere concessorio in relazione ad una cappella gentilizia costruita in un cimitero privato, ma soltanto di vigilanza.

E' illegittima la decisione amministrativa di non istruire e non concludere una pratica di assegnazione di concessione cimiteriale sulla base di un provvedimento amministrativo in realtà inesistente.

In caso di concessione di aree cimiteriali per l’edilizia funebre a più soggetti in forma congiunta i concessionari devono indicare nella richiesta la divisione dei posti e l'individuazione di quote separate della concessione stessa.

La concessione cimiteriale rientra pacificamente tra le... _OMISSIS_ ... beni pubblici.

Il provvedimento di diniego di concessione di lotto cimiteriale per la costruzione di una cappella gentilizia è di competenza del dirigente e non del Sindaco.

Le aree cimiteriali sono inalienabili e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi se non nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi e dai regolamenti che li riguardano.

La costituzione di cappelle private nell'ambito dei cimiteri si configura non come cessione del relativo spazio ad un privato acquirente, ma come concessione dello stesso.

La concessione cimiteriale attribuisce al concessionario un diritto soggettivo perfetto, assimilabile ad un diritto di superficie, come tale opponibile erga omnes, il quale si affievolisce ladd... _OMISSIS_ ...inistrazione concedente decida di agire con i propri poteri di autotutela.

È legittima la norma del regolamento di polizia mortuaria che prevede l'applicabilità anche alle concessioni cimiteriali già rilasciate del divieto di qualsiasi cessione diretta fra privati delle concessioni: essa infatti non è retroattiva, in quanto va a regolamentare i futuri atti di cessione fra privati. Il fatto tuttavia che la norma alteri delle regole cristallizzate al momento del rilascio della concessione comporta la necessità di un'adeguata considerazione dell'affidamento creatosi in capo al privato (ad es. mediante la predisposizione di una normativa transitoria).

La consegna del manufatto cimiteriale ai singoli concessionari del bene costituisce per il Comune u... _OMISSIS_ ...zione di risultato.

A fronte dell'inadempimento, da parte del Comune, dell'obbligo di consegnare i loculi cimiteriali ai singoli concessionari, ha diritto al risarcimento chi dimostri di essersi trovato nella necessità di utilizzare il loculo mentre questo non era ancora disponibile e di avere dovuto affrontare spese e disagi per la tumulazione dei propri congiunti, per il trasferimento e per la sistemazione definitiva delle salme.

È inefficace la concessione-contratto cimiteriale che attribuisca lotti diversi invertendo le assegnazioni rispetto alla delibera dirigenziale presupposta.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE CIMITERIALE --> CAMPI DI INUMAZIONE

La realizzazione d... _OMISSIS_ ...numazione anche per il riutilizzo dei loculi dei sepolcri privati a concessione perpetua o 99ennale, in quanto finalizzata all’attuazione dell’apposita esigenza organizzativa di creare in ogni cimitero un capo inconsunti (peraltro espressamente contemplata dall’art. 58, comma 2, DPR n. 285/1990), costituisce una legittima modalità di utilizzazione del cimitero e non un ampliamento dello stesso.

DEMANIO E PATRIMONIO --> CONCESSIONE E AUTORIZZAZIONE --> CONCESSIONE CIMITERIALE --> CESSIONE A TERZI

In tema di regime giuridico della concessione cimiteriale, la cessione di un diritto al sepolcro, tanto nel suo contenuto di diritto primario di sepolcro quanto nel suo contenuto di diritto sul manufatto, va configurata come vo... _OMISSIS_ ...sione demaniale, sottoposta al requisito di efficacia della autorizzazione del concedente, ovvero del Comune.

La cessione di un diritto di sepoltura privata, anche qualora consentita, non si può configurare come una semplice alienazione da privato a privato, ma richiede l'intervento dell'autorità concedente.

I diritti afferenti al sepolcro, in primis il diritto d’uso, non sono diritti disponibili e trasferibili per atto tra vivi (o mortis causa) senza il preventivo assenso dell’Amministrazione concedente.

Il diritto reale, del quale diviene titolare il privato concessionario di area cimiteriale una volta ultimata la costruzione della sepoltura, è assimilabile al diritto di superficie ed è trasmissibile per atto inter v... _OMISSIS_ ...editatis.

La morte dell’originario concessionario (c.d. fondatore) della concessione amministrativa di area cimiteriale per l’edificazione di sepolture private, in mancanza di atto autoritativo dell’amministrazione concedente, non comporta l’estinzione della concessione, ma solo il trasferimento della titolarità della stessa in capo agli eredi dell’originario concessionario.

E' illegittimo il diniego di voltura della concessione cimiteriale che "confonde” lo ius sepulchri nei rapporti tra privati, legati da rapporti di parentela, e la titolarità dell’atto amministrativo di concessione sulla costruzione funeraria edificata sul bene demaniale: quest'ultima infatti non attiene ai rapporti interprivati,... _OMISSIS_ ... pubblicistici tra il privato e il Comune titolare del bene demaniale.

Mentre il potere di autotutela è, di norma, discrezionale, la revoca del divieto di tumulare i resti mortali assunta in doverosa esecuzione di un dictum del Giudice Ordinario (che nella specie ha accertato la validità dell'acquisto del diritto al sepolcro) si configura, invece, quale atto vincolato.

Il ius sepulcri si atteggia come diritto reale nei confronti dei terzi, mentre nei confronti della pubblica amministrazione si atteggia come rapporto fondato sulla concessione di suolo cimiteriale, per cui non è possibile una cessione del diritto di proprietà superficiaria senza la previa cessione della concessione di suolo cimiteriale su cui insiste la proprietà medesima.
... _OMISSIS_ ...essione cimiteriale è pienamente sottoposto alla disciplina contenuta nell’art. 92, co. 4, D.P.R. 285/1990, il quale, a sua volta, riprende, sostanzialmente, i principi cardine della regolamentazione contenuta nell'art. 93, co. 4, D.P.R. 803/1975, in vigore sin dal 10 febbraio 1976, tra cui è ricompresa anche la nullità degli atti di cessione totale o parziale del diritto di uso dei sepolcri.

Nel caso in cui il titolare della concessione cimiteriale ceda a terzi lo ius sepulchri, deve ritenersi inapplicabile l’art. 92 del D.P.R. 285/1990 che prevede che la revoca delle concessioni di durata eccedente i 99 anni possa avvenire dopo i 50 anni dalla sepoltura dell’ultima salma e soltanto se si verifica una grave insufficienza del cimitero rispett... _OMISSIS_ ... della comunità locale; in questo caso, infatti, non si pone un problema di revoca, ma piuttosto dovrà essere disposta la decadenza della concessione per inosservanza degli obblighi da essa derivanti.

Va distinto il diritto personalissimo di visita sepolcrale (per esercitare la pietas verso il defunto; cd. diritto di sepolcro secondario) che appartiene a tutti gli eredi del defunto e non può essere oggetto di atti di autonomia privata, né può essere impedito o limitato in alcun modo, dal diritto di proprietà sull’edificio sepolcrale, il quale, in quanto as...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 74751 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo