Credito agrario e finanziamento di soccorso

Trattandosi di una fattispecie di finanziamento di credito agrario collegato a Regolamento comunitario (Reg. CE 1968/05 – PSR 2007/2013 – Misura 121 – Fase 3 anno 2010), la normativa e le disposizioni attuative in materia, per le finalità perseguite essere interpretate e applicate nel modo più restrittivo e rigoroso, prevedendo altresì forme di vigilanza e doverosi controlli da parte di tutti gli organismi pubblici a tutela dell’erario e degli altri richiedenti e, è bene ricordare, della assoluta regolarità dell’erogazione del contributo di origine comunitaria.

Trattandosi di contributi comunitari, l'eventuale correzione operata relativamente all'importo in seguito a variante del progetto finanziato, deve ritenersi un atto ... _OMISSIS_ ...o la corretta erogazione di contributi è un interesse pubblico prevalente rispetto all'affidamento del privato dal momento che esistono anche dei controlli a livello sovranazionale sulla gestione di questi fondi, tenuto conto anche del fatto che laddove il contributo non fosse corrisposto con le modalità previste dal regolamento comunitario, potrebbe essere valutato come aiuto di Stato vietato.

In tema di credito agrario e in relazione alle provvidenze previste dall'art. 4 D.L. 6 dicembre 1990 n. 367, conv. con modificazioni dalla L. 30 gennaio 1991 n. 31, deve essere tenuta distinta la provvidenza pubblica - il cui diritto sorge, nei confronti del soggetto pubblico, in base alla legge, e i cui presupposti sono accertati dal soggetto pubblico stesso - dal diri... _OMISSIS_ ...agrario, il quale, invece, sorge esclusivamente dal negozio di diritto privato concluso nell'ambito di un rapporto paritario tra l'imprenditore agricolo e la banca.

La concessione di un credito agrario agevolato presuppone la nascita di un rapporto principale tra l'istituto finanziario erogatore ed il privato, e di un rapporto secondario, instaurato tra un ente pubblico territoriale ed il detto istituto finanziario; il primo rapporto integrando gli estremi del mutuo di scopo, il secondo consistendo in una convenzione (cosiddetto "contratto di ausilio"), diretta a regolare l'obbligazione nei confronti dell'istituto finanziario, con la quale l'ente pubblico si accolla una parte degli interessi che devono essere corrisposti dal privato all'istituto mutu... _OMISSIS_ ...RLF| In tema di credito agrario, il beneficiario del concorso pubblico nel pagamento degli interessi, va identificato nella cooperativa o nel consorzio di cooperative agricole mutuatarie e non nell'istituto di credito mutuante. Pertanto, nel caso in cui sia intervenuta una procedura concorsuale di insolvenza a carico dell'impresa beneficiaria, essendo il corso degli interessi sospeso dalla data del provvedimento giudiziale di ammissione alla liquidazione, nessun titolo ha l'istituto di credito per richiederne l'erogazione nei confronti dell'Amministrazione dello Stato.

La previsione di una garanzia sussidiaria, da parte del Fondo interbancario di garanzia, in favore dei soggetti eroganti il finanziamento, pur avendo la funzione di consentire un più facile acc... _OMISSIS_ ... agrario (consentendo l'erogazione del finanziamento anche in assenza di certezze sulla solvibilità del soggetto finanziato e sulla sua capità di produrre reddito), non opera, ai sensi dell'art. 24 del regolamento del Fondo di cui al d.m. 15 giugno 1967, in caso di omissione o negligenza nell'espletamento degli accertamenti e delle formalità necessarie per l'assunzione delle garanzie connesse alla concessione del mutuo e allo svolgimento della procedura esecutiva.

In tema di credito agrario, la concessione del beneficio a favore dell'agricoltura del concorso pubblico nel pagamento degli interessi, previsto dall'art. 12 della legge 1981, n. 423 e dell'art. 6 della legge 4 giugno 1984, n. 194, viene concesso per le finalità previste da detta ultima disposizione ... _OMISSIS_ ...ione, realizzazione, ampliamento, ammodernamento di impianti di conservazione, trasformazione...") alle cooperative agricole e loro consorzi di rilevanza nazionale; il beneficio pertanto richiede, oltre alla sussistenza delle specifiche finalità previste, il requisito soggettivo del beneficiario, ovvero la natura di cooperativa agricola o consorzio di cooperative, con ciò intendendo la normativa correlare il beneficio al fine mutualistico del beneficiario.

In tema di credito agrario, configurandosi il mutuo disciplinato dal r.d.l. 29 luglio 1927, n. 1509, conv. nella legge 5 luglio 1928, n. 1760, come mutuo di scopo, in quanto concesso ai fini dell'incremento della produzione terriera, il privilegio previsto a garanzia dello stesso dall'art. 8 del suddett... _OMISSIS_ ...plica nei confronti di chiunque possegga, coltivi o conduca il fondo, dovendosi presumere che tale soggetto sia rimasto avvantaggiato dall'impiego dei capitali erogati.

La norma di cui del D.M. 23 gennaio 1928, art. 13, comma 2, in base alla quale gli Istituti mutuanti possono esercitare il loro diritto sui prodotti e sulle cose su cui hanno privilegio legale o convenzionale, anche dopo che i prodotti e le cose sono asportate dal fondo, purché l'azione venga esercitata entro 60 giorni dall'avvenuto trasporto, va intesa nel senso che deve pur sempre trattarsi di prodotti o di cose appartenenti a chi conduca il fondo, in quanto soggetto alla garanzia.

Con riferimento ai benefici previsti dal D.L. 6 dicembre 1990, n. 367, art. 4, convertito, con mo... _OMISSIS_ ...lla L. 30 gennaio 1991, n. 31, ma anche con riferimento alla legislazione precedente deve essere distinta la provvidenza pubblica - il cui diritto sorge, nei confronti del soggetto pubblico, in base alla legge, ed i cui presupposti sono accertati dallo stesso soggetto pubblico - rispetto al diritto al credito agrario, il quale, invece, sorge esclusivamente dal negozio di diritto privato concluso nell'ambito di un rapporto paritario tra l'imprenditore agricolo e la banca.

Con riferimento ai benefici previsti dal D.L. 6 dicembre 1990, n. 367, art. 4, convertito, con modificazioni, nella L. 30 gennaio 1991, n. 31, in capo all'imprenditore agricolo richiedente non sorge un diritto potestativo al finanziamento nei confronti dell'istituto di credito, la cui posizion... _OMISSIS_ ...lmente autonoma all'atto di determinarsi (o meno) alla concessione del finanziamento, non avendo, su di essa, incidenza alcuna la prevista garanzia del fondo interbancario, che rappresenta obbligazione accessoria e sussidiaria rispetto a quella assunta dal debitore principale e non da luogo all'automatica sostituzione dell'obbligazione di quest'ultimo, la cui affidabilità e solvibilità futura la banca è autorizzata e tenuta a valutare al fine di deliberare o meno l'erogazione del finanziamento.

In tema di credito agrario, in relazione alle provvidenze previste dall'art. 4 del decreto-legge 6 dicembre 1990, n. 367, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 gennaio 1991, n. 31, deve distinguersi il diritto alla provvidenza pubblica, il quale sorge, nei confr... _OMISSIS_ ...to pubblico, in base alla legge, ed i cui presupposti sono accertati dal soggetto pubblico stesso, dal diritto al credito agrario, il quale, invece, sorge esclusivamente dal negozio di diritto privato concluso nell'ambito di un rapporto paritario tra l'imprenditore agricolo e la banca: pertanto, non si configura alcun diritto soggettivo dell'imprenditore richiedente all'ottenimento del credito.

In relazione alle provvidenze previste dall'art. 4 del decreto-legge 6 dicembre 1990, n. 367, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 gennaio 1991, n. 31, non è configurabile, in capo all'imprenditore agricolo richiedente, un diritto potestativo al finanz...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 17859 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 3,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo