Espropriazione per pubblica utilità e cause di nullità del procedimento

PATOLOGIA --> NULLITÀ

Il difetto assoluto di attribuzioni è configurabile nei casi in cui un atto non può essere radicalmente emanato da una autorità amministrativa, che non ha alcun potere nel settore, neppure condividendone la titolarità con un’altra amministrazione (risultando altrimenti un vizio di incompetenza relativa).

Il provvedimento del Consiglio d'amministrazione di una cooperativa edilizia che, sostituendosi all'ex Ministero dei LL.PP., decreta la decadenza per speculazione sull'alloggio sociale è viziato da incompetenza assoluta (o difetto assoluto di attribuzione) e risulta dunque nullo ai sensi dell’art. 21-septies della legge 7/8/1990, n. 241 e smi.

La nullità dell'atto amministrativo costituisce una... _OMISSIS_ ... di invalidità, che si ha nei soli casi in cui sia specificamente sancita dalla legge, mentre l'annullabilità costituisce la regola generale di invalidità.

A differenza di quanto avviene nel diritto civile, dove la regola generale, in caso di violazione di norme imperative, è quella della nullità, le cause di nullità dell'atto amministrativo elencate nell'art. 21-septies legge 241/1990 sono tassative.

La sanzione prevista per l'invalidità del provvedimento amministrativo è l'annullabilità, di applicazione giudiziale in presenza dei tre tradizionali vizi (violazione di legge, incompetenza e eccesso di potere) ora codificati sia dall'art. 21-octies, I comma della legge n. 241/1990, sia dall'art. 29 del codice del processo amministrativo. La catego... _OMISSIS_ ...tà assume un rilievo meramente residuale, limitato alle ipotesi (numero chiuso) espressamente comminate dalla legge e ad altri casi di gravi difetti del provvedimento, tassativamente indicati dall'art. 21-septies della legge n. 241/1990.

La nullità del provvedimento amministrativo per difetto assoluto di attribuzione, come prevista 21 septies della l. 7.8.1990, n. 241, va circoscritta ai soli casi di incompetenza assoluta o di cd. carenza di potere in astratto, ossia al caso in cui manchi del tutto una norma che attribuisca all'amministrazione il potere in fatto esercitato. Non è, quindi, invocabile la nullità del provvedimento per carenza di potere nei casi "di cd. carenza di potere in concreto, ossia di potere, pur astrattamente sussistente, esercitato ... _OMISSIS_ ...presupposti di legge".

Affinché il provvedimento amministrativo carente della sottoscrizione del funzionario da cui esso proviene sia affetto da vizio insanabile, che ne determini addirittura la nullità nullo per mancanza di un elemento essenziale (art. 21 septies, legge n. 241/1990), occorre che siffatta carenza impedisca di stabilire la provenienza e l’attribuzione dell’atto.

Il giudice amministrativo non può accertare, neppure incidentalmente, la simulazione o nullità della donazione di un usufrutto.

Alla luce della la norma introdotta dalla legge n. 15/2005, il contrasto con norme imperative non si configura come causa di nullità dell'atto; le ipotesi astrattamente riconducibili alla nullità c. d. virtuale van... _OMISSIS_ ...l vizio di violazione di legge, atteso che le norme riguardanti l’azione amministrativa, dato il loro carattere pubblicistico, sono sempre norme imperative, come tali non disponibili da parte dell’amministrazione. Esse si convertono pertanto in cause di annullabilità del provvedimento, da farsi valere entro il breve termine di decadenza, a tutela della stabilità del provvedimento amministrativo.

Il provvedimento amministrativo, ancorché nullo, ha, tuttavia, una propria efficacia “interinale” (fin tanto che la nullità non venga accertata), la quale rende possibile la stessa definizione dell’atto come provvedimento amministrativo dotato di imperatività (e che, pertanto, si impone unilateralmente ai suoi destinatari).

... _OMISSIS_ ...ne nullo un provvedimento amministrativo non può agire tamquam non esset, ma deve adire l'autorità giurisdizionale per sentirne dichiarare la nullità.

La nullità del provvedimento amministrativo per difetto assoluto di attribuzione, come prevista dell’art. 21 septies della L. 7.8.1990, n. 241, va circoscritta ai soli casi di incompetenza assoluta o di cd. carenza di potere in astratto, ossia al caso in cui manchi del tutto una norma che attribuisca all'amministrazione il potere in fatto esercitato.

Nel concorso di una causa di nullità degli atti in contestazione e distinti vizi di legittimità trova prevalenza la prima, secondo la regola generale della continenza.

Le nullità dei provvedimenti amministrativi sono tassative e v... _OMISSIS_ ..., ex art. 21 septies, l. n. 241 del 1990, esclusivamente alla mancanza di elementi essenziali dell'atto, ad ipotesi di incompetenza assoluta dell'organo che adotta il provvedimento o alla violazione di giudicato.

L’azione di accertamento di nullità dell’atto amministrativo può avere ingresso solo per le ipotesi di nullità come delineate dall’art. 21-septies, legge 241/1990, da intendersi quale numero chiuso, e, dunque, ove sia dedotta la mancanza degli elementi essenziali, il vizio del difetto assoluto di attribuzione, o, ancora, l'adozione effettuata in violazione o elusione del giudicato e, infine, negli altri casi espressamente previsti dalla legge (le c.d. nullità testuali).

La nullità del provvedimento amministrativo ... _OMISSIS_ ...ssoluto di attribuzione”, oggi prevista dall’art. 21 septies della legge 7 agosto 1990, nr. 241, va circoscritta ai soli casi di incompetenza assoluta o di c.d. carenza di potere in astratto, ossia al caso in cui manchi del tutto una norma che attribuisca all’Amministrazione il potere in fatto esercitato, e non anche ai casi di c.d. carenza di potere in concreto, ossia di potere (pur astrattamente sussistente), esercitato in assenza dei presupposti di legge.

Nel diritto amministrativo la nullità costituisce una forma speciale di invalidità, che si ha nei soli casi espressamente indicati dall’art. 21-septies legge 241/90, di provvedimento amministrativo mancante degli elementi essenziali, viziato da difetto assoluto di attribuzione, adot... _OMISSIS_ ...one o elusione del giudicato, nonché negli altri casi espressamente previsti dalla legge.

Le cause di nullità dell'atto amministrativo sono un numero chiuso.

La nullità per difetto assoluto di attribuzione di cui al citato art. 21-septies legge 241/1990 deve ritenersi ricomprendere solo la c.d. “carenza in astratto del potere”, vale a dire la mancanza in astratto della norma giuridica attributiva del potere esercitato con il provvedimento amministrativo, come il caso dell'esercizio del potere da parte di organo appartenente a plesso amministrativo diverso da quello legittimato.

Il provvedimento di revoca è nullo allorché infranga i limiti costituiti da situazioni soggettive sancite da sentenze passate in giudicato o co... _OMISSIS_ ...e.

Dalla carenza in astratto del potere esercitato deriva, per pacifica giurisprudenza civile ed amministrativa, la nullità del provvedimento che ne costituisce estrinsecazione; in tal modo si completa il catalogo delle patologie più radicali per le quali l’ordinamento ha previsto espressamente la massima sanzione della nullità (art. 21 septies, co. 1, l. n. 241 del 1990).

La formazione del...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 12655 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo