Trasformazione irreversibile del fondo ed acquisto del bene illegittimamente occupato

rsquo;ipotesi in cui alla dichiarazione di pubblica utilità non abbia fatto seguito l’emanazione di un tempestivo decreto di esproprio, in base all’attuale quadro normativo l’Amministrazione ha l’obbligo giuridico di far venir meno l’occupazione sine titulo e di adeguare la situazione di fatto a quella di diritto, restituendo l’immobile al legittimo titolare dopo aver demolito quanto ivi realizzato, atteso che la realizzazione dell’opera pubblica sul fondo illegittimamente occupato costituisce un mero fatto, non in grado di assurgere a titolo dell’acquisto e come tale inidoneo a determinare il trasferimento della proprietà.

Alla luce della più recente evoluzione normativa e giurisprudenziale, la radicale tra... _OMISSIS_ ... suolo a seguito dell’occupazione di esso e della realizzazione dell’opera pubblica non determina l’estinzione del diritto del proprietario né, correlativamente, l’acquisto della proprietà in capo all’Amministrazione o al beneficiario dell’espropriazione. L’acquisto della proprietà in capo all’Amministrazione può avvenire, oltre che per via negoziale, solo a seguito di procedimento espropriativo ovvero in virtù dello strumento di cui all’art. 42 bis del Dpr n. 327 del 2001.

E' ormai consolidato in giurisprudenza il principio per cui la realizzazione di un'opera pubblica su fondo illegittimamente occupato, ovvero legittimamente occupato ma non espropriato nei termini di legge, non è di per sé in grado di det... _OMISSIS_ ...sferimento della proprietà del bene a favore della Amministrazione: deve infatti ritenersi ormai superato l'orientamento che riconnetteva alla costruzione dell'opera pubblica e alla irreversibile trasformazione che a essa conseguiva effetti preclusivi o limitativi della tutela in forma specifica del privato, dovendo invece affermarsi che la suddetta trasformazione su fondo illegittimamente occupato integra un mero fatto non in grado di assurgere a titolo d'acquisto.

Deve escludersi che la mera trasformazione irreversibile di un suolo con la realizzazione di un'opera pubblica costituisca circostanza idonea a trasferire in capo all’Amministrazione la proprietà delle aree in assenza di un regolare provvedimento di esproprio, e ciò sia nel caso di occupazion... _OMISSIS_ ...b origine sine titulo sia nel caso di un'occupazione iniziata in forza di un provvedimento legittimo poi scaduto.

Stante l'impossibilità di legittimare l'istituto dell'accessione invertita, deve escludersi l’idoneità dell'intervenuta trasformazione dei beni a trasferire in capo all'Amministrazione la proprietà delle aree in assenza di un regolare provvedimento di esproprio (cfr. sentenze CEDU nei casi Scordino/Italia, Belvedere Alberghiera c/Italia, Prena c/Italia).

Attesa l'impossibilità di legittimare l'istituto dell'accessione invertita, deve escludersi l’idoneità dell'intervenuta trasformazione dei beni a trasferire in capo all'Amministrazione la proprietà delle aree in assenza di un regolare provvedimento di esproprio.

... _OMISSIS_ ...prudenza amministrativa, sia il legislatore, anche sotto la spinta di istanze sovranazionali, hanno chiarito che la pubblica amministrazione non può divenire proprietaria del suolo sulla base di un atto illecito (quale è appunto la realizzazione dell'opera pubblica in assenza di un valido titolo ablativo) e che nessun acquisto della proprietà di un'area può esservi in assenza di un legittimo atto ablatorio; conseguentemente, l’amministrazione rimane obbligata a restituire al proprietario il bene di cui è stato illegittimamente privato.

L’occupazione e la trasformazione dei fondi si sostanziano in un’attività illecita, insuscettibile di produrre effetti acquisitivi della proprietà e, viceversa, fonte dell’obbligo per la pubblica amminist... _OMISSIS_ ...ituire il bene e risarcire il proprietario interessato per il danno sofferto.

Il Consiglio di Stato ha dato atto dell'intervenuta espunzione dal nostro ordinamento dell’istituto dell’acquisizione de facto della proprietà in mano pubblica a seguito della realizzazione dell’opera precisando che l’intervenuta realizzazione dell’opera pubblica non fa venir meno l’obbligo di restituire al privato il bene illegittimamente appreso e ciò superando l’interpretazione che riconnetteva alla costruzione dell’opera pubblica e all’irreversibile trasformazione dello stato dei luoghi effetti preclusivi o limitativi della tutela in forma specifica del privato.

L’abbandono della figura pretoria dell'occup... _OMISSIS_ ...ativa – abbandono realizzato prima mediante la previsione di cui all’art. 43 T.U. Espr. (norma successivamente dichiarata incostituzionale con sent. Corte cost. n. 293/10), e poi dall’art. 42 bis del medesimo decreto, costituisce il punto di approdo di un lungo processo giurisprudenziale che innesta le sue radici nel diritto comune europeo, enucleabile dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo, chiamata a garantire tali diritti.

Non è ammissibile un meccanismo di acquisizione della proprietà in capo alla pubblica amministrazione che prescinda da formali provvedimenti di acquisto.

La realizzazione dell'opera pubblica su... _OMISSIS_ ...timamente occupato è in sé un mero fatto, non in grado di assurgere a titolo dell'acquisto e come tale inidoneo a determinare il trasferimento della proprietà.

L'abbandono della figura pretoria dell'occupazione appropriativa – abbandono realizzato prima mediante la previsione di cui all’art. 43 T.U. Espr. e poi dall'art. 42 bis, costituisce il punto di approdo di un lungo processo giurisprudenziale che innesta le sue radici nel diritto comune europeo, enucleabile dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo, chiamata a garantire tali diritti.

L'avvenuta occupazione delle aree di proprietà e la conseguente realizzazione dell'ope... _OMISSIS_ ...za l'adozione nei termini fissati del decreto di esproprio, costituisce un fatto illecito suscettibile di risarcimento, con la precisazione che, alla luce dell'evoluzione giurisprudenziale (anche europea) ormai consolidata, la riscontrata illegittimità dell'intero procedimento e la sopravvenuta irreversibile trasformazione del bene non comporta alcun trasferimento della proprietà che rimane nella piena titolarità degli originari proprietari.

Risulta ormai definitivamente superata quella giurisprudenza secondo cui l'irreversibile trasformazione del fondo conseguente alla realizzazione dell'opera pubblica ne determinava l'acquisizione in proprietà da parte del soggetto espropriante: fenomeno definito come occupazione appropriativa o acquisitiva. Dopo le ripetute... _OMISSIS_ ... Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che ne hanno evidenziato la contrarietà alla Convenzione Europea, in particolare per quanto riguarda l'art. 1 del primo protocollo addizionale, tale ricostruzione non è più proponibile.

L’abbandono della figura pretoria dell'occupazione appropriativa – abbandono realizzato prima mediante la previsione di cui all’art. 43 T.U. Espr. (norma successivamente dichiarata incostituzionale con sent. Corte cost. n. 293/10), e poi dall'...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 46912 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 5,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo