La rinuncia «abdicativa» al diritto di proprietà immobiliare

PATOLOGIA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ABDICAZIONE

In ipotesi di fattispecie illecita, l'ablazione si registra per il noto effetto di "abbandono" a parte actoris.

Il diritto di proprietà non può essere fatto oggetto di atti abdicativi, e quindi anche la richiesta di risarcimento formulata dal privato, finalizzata a ottenere il mero controvalore del fondo compromesso dalla realizzazione dell'opera pubblica, ancorché interpretata quale manifestazione della volontà di rinunciare alla proprietà del fondo, non può valere a determinare in capo al privato la perdita di proprietà del fondo illegittimamente occupato dall'opera pubblica.

La “rinuncia” al diritto di proprietà immobiliare trova riscontro nel si... _OMISSIS_ ...civilistico (articoli 1350, numero 5), 2643, numero 5), articoli 1070, 1104 e 550, 827).

Al di fuori di ipotesi dei diritti “personalissimi”, oppure di obiettivi di tutela del “soggetto debole”, o di realizzazione di precise finalità di interesse pubblico, deve affermarsi la vigenza nell'ordinamento del principio della disponibilità dei diritti; ne consegue la possibilità per il titolare di rinunciare al diritto di proprietà, anche immobiliare, al fine di realizzare nel modo più efficace la riparazione del danno patrimoniale conseguente ad un'utilizzazione del bene da parte dell’amministrazione pubblica, tale da svuotarne, sostanzialmente, il contenuto economico.

La “rinuncia” al diritto di proprietà imm... _OMISSIS_ ...piena cittadinanza nel sistema generale civilistico (articoli 1350, numero 5), 2643, numero 5), articoli 1070, 1104 e 550, 827), senza incontrare alcun significativo ostacolo di ordine letterale o sistematico.

PATOLOGIA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ABDICAZIONE --> AMMISSIBILITÀ

A fronte della piena disponibilità delle facoltà economiche e patrimoniali dei soggetti privati, la “rinuncia” al diritto di proprietà immobiliare trova piena cittadinanza nel sistema generale civilistico, senza incontrare alcun significativo ostacolo di ordine letterale o sistematico. La domanda di risarcimento del danno per equivalente si accompagna, esplicitamente o implicitamente, alla formale dichiarazione della rinuncia al diritto di propriet... _OMISSIS_ ...nte condizionata all’accoglimento dell’azione proposta dinanzi al giudice.

Se, sotto un profilo civilistico, certamente non può ritenersi abdicabile il diritto di proprietà, ostandovi l’art. 1350, nr. 5 c.c. (che prescrive la forma scritta per l’esercizio della rinuncia ai diritti menzionati ai precedenti nn. da 1 a 4) e l’art. 2643, nr. 5 (che assoggetta a trascrizione i relativi atti), è però indubitabile che tale abdicazione possa essere coordinata ad un più ampio programma a valenza negoziale o transattiva, e dunque anche in funzione di un risarcimento monetario.

Il privato proprietario di un bene inciso da un procedimento illegittimo di esproprio, nell’assenza di un formale provvedimento di acquisizione e... _OMISSIS_ ...PR 327/01, mantiene il proprio diritto di proprietà e può agire per la restituzione del bene previa sua riduzione in pristino stato, così come può rinunciare alla restituzione in favore del risarcimento, che spetterà al giudice determinare in mancanza di accordo tra le parti, dovendosi riconoscere a tale volontà, accettata dalla parte pubblica anche in giudizio, una vera e propria valenza transattiva nei limiti della novazione tra diritto alla restituzione del terreno e diritto al controvalore monetario comprensivo del risarcimento dei danni ulteriori (nei limiti della domanda).

Non è affatto pacifico che la domanda di risarcimento del danno implichi un’abdicazione del diritto di proprietà.

La tesi cui sottende una risposta positiva... _OMISSIS_ ...il proprietario di un bene occupato senza titolo possa domandare in giudizio il mero risarcimento del danno, consistente nell’affermata perdita della proprietà del fondo stesso, così “abbandonando” quest’ultima in favore dell’amministrazione, potrebbe fondarsi su una fattispecie traslativa “atipica” della proprietà del bene, dal privato all’amministrazione possidente, fondata sulle dichiarazioni di volontà delle parti (una abdicativa e l’altra acquisitiva), che costituirebbero il presupposto sostanziale (ossia il c.d. titolo) del passaggio della proprietà; il quale, però, si verificherebbe soltanto per effetto della sentenza (c.d. modo del trasferimento) cui andrebbe riconosciuta natura costitutiva.

... _OMISSIS_ ...a adesione l’orientamento – ancorché minoritario - che riconosce la proponibilità della sola domanda di risarcimento per la perdita del bene oggetto di espropriazione non conclusasi con il necessario decreto d’esproprio, riconoscendole valenza di abdicazione implicita al diritto di proprietà. E' infatti indubitabile che tale abdicazione possa essere coordinata ad un più ampio programma a valenza negoziale o transattiva, e dunque anche in funzione di un risarcimento monetario.

Sul piano della disciplina civile, non v’è dubbio che il diritto di proprietà, al pari degli altri diritti reali, può essere abdicato, così come d’altronde risulta espressamente dall’art. 1350, nr. 5 del codice civile (che prescrive la forma scri... _OMISSIS_ ...;esercizio della rinuncia ai diritti menzionati ai precedenti nn. da 1 a 4) e, correlativamente, dall’art. 2643, nr. 5 (che assoggetta a trascrizione i relativi atti).

Il privato proprietario di un bene immobile inciso da un procedimento illegittimo di esproprio, nell’assenza di un formale provvedimento di acquisizione ex art. 42 bis DPR 327/01, mantiene il proprio diritto di proprietà e può agire per la restituzione del bene previa sua riduzione in pristino stato, così come può rinunciare alla restituzione in favore del risarcimento; deve riconoscersi a tale volontà, accettata dalla parte pubblica anche in giudizio, una vera e propria valenza transattiva nei limiti della novazione tra diritto alla restituzione del terreno e diritto al contr... _OMISSIS_ ...io comprensivo del risarcimento dei danni ulteriori (nei limiti della domanda).

PATOLOGIA --> OCCUPAZIONE ILLEGITTIMA --> ABDICAZIONE --> DOPO LA SENTENZA 293/2010

L’intervenuta declaratoria d'illegittimità costituzionale della dell'art. 43 DPR 327/2001, non risulta idonea a sortire effetti di sorta qualora l'effetto traslativo della proprietà sia stato ricondotto con sentenza sul punto passata in giudicato, non al provvedimento acquisitivo, bensì alla circostanza per cui, avendo limitato le proprie pretese alla sola tutela per equivalente, i ricorrenti abbiano implicitamente rinunciato ad avvalersi della tutela reale.

In assenza di un formale atto traslativo di natura privatistica ovvero di un atto legittimo... _OMISSIS_ ...toria (attualmente non previsto dall’ordinamento), la manifestata rinuncia alla restituzione dei beni abusivamente sottratti e la formale richiesta del risarcimento per equivalente in misura corrispondente al loro valore venale, non possono ritenersi idonee ex se ad operare il trasferimento dei beni stessi in capo all’Amministrazione, così come non possono privare quest’ultima della facoltà di far cessare l’illecita...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 14047 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 2,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo