Reiterazione dei vincoli espropriativi: indennizzo necessario e non necessario

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> DECADENZA, REITERAZIONE, INDENNIZZO --> INDENNIZZO --> INDENNIZZO NELLA REITERAZIONE --> NECESSARIO

Sussiste violazione dell’art. 39 D.P.R. n. 327/2001 nel caso in cui la reiterazione del vincolo preordinato all’espropriazione, non rechi alcuna previsione di indennità, che costituisce requisito di legittimità dell’atto impositivo del vincolo. In base ai principi affermati dalla Corte costituzionale (sent. n. 179/1999) è necessaria la previsione di un indennizzo da parte dei provvedimenti che rinnovino motivatamente un vincolo preordinato all’espropriazione o anche "sostanzialmente espropriativo"; la previsione di un indennizzo per la reiterazione d... _OMISSIS_ ...atura espropriativa è, infatti, da considerarsi un diritto dell’interessato. E’ pertanto illegittima la deliberazione che, pur reiterando la previsione espropriativa e del vincolo, non ha incluso la necessaria previsione giuridica dell’indennizzo.

Ogni reiterazione di vincoli espropriativi esige la previsione di un indennizzo. La regola, inizialmente formulata dalla giurisprudenza costituzionale (v. C.Cost. 20 maggio 1999 n. 179), è ora codificata nell’ordinamento interno dall’art. 39 comma 1 del DPR 327/2001.

Vanno ritenute illegittime le deliberazioni che, pur reiterando la previsione espropriativa del vincolo, cionondimeno non includono la necessaria previsione giuridica dell’indennizzo. Neppure potrebbe in... _OMISSIS_ ...ttarsi che il procedimento espropriativo, in vista del quale il vincolo viene inserito, non ha poi avuto alcun corso, poiché tale circostanza non elimina il fatto oggettivo che, sino all’esito (anche negativo) del procedimento per il quale viene imposto, il vincolo esplica ugualmente i suoi effetti limitativi dell’attitudine e quindi del valore dell’area privata che lo subisce.

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> DECADENZA, REITERAZIONE, INDENNIZZO --> INDENNIZZO --> INDENNIZZO NELLA REITERAZIONE --> NON NECESSARIO

Il profilo della spettanza o meno e del suo pagamento di un indennizzo in caso di reiterazione di vincolo espropriativo non attiene alla legittimità del provvedimento.
... _OMISSIS_ ...ancata previsione di indennizzo in sede di reiterazione del vincolo espropriativo non determina illegittimità della determinazione.

I profili attinenti alla spettanza o meno dell'indennizzo e al suo pagamento non riguardano la legittimità del procedimento ma questioni di carattere patrimoniale. Tale principio - già desumibile dal preesistente quadro normativo - è stato da ultimo esplicitato dall'art. 39, comma 1, del testo unico sugli espropri, approvato con il D.P.R. n. 327 del 2001, il quale ha previsto che, a seguito della reiterazione, il proprietario possa attivare un procedimento amministrativo nel corso del quale egli ha l'onere di provare "l'entità del danno effettivamente prodotto". Nel quadro normativo vigente, dunque, continua a sussistere... _OMISSIS_ ...er il quale gli atti dei procedimenti di adozione e di approvazione di una variante urbanistica, contenente un vincolo preordinato all'esproprio, non devono prevedere la spettanza di un indennizzo.

La mancata previsione dell’indennizzo non costituisce di per sé una ragione d'illegittimità del provvedimento che ha operato la reiterazione del vincolo, non incidendo in alcun modo sulla possibilità per il proprietario di conseguire quanto gli spetta a questo titolo.

La giurisprudenza è decisamente orientata che anche nell’ipotesi di reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio l’indennizzo non ne costituisce una condizione di legittimità potendo essere richiesto in separata sede.

Una volta che l'Amministr... _OMISSIS_ ...procedere alla reiterazione del vincolo espropriativo, alcuna rilevanza assume la mancata previsione di un indennizzo, posto che ai sensi dell'art. 39 comma 1, d.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, il principio della spettanza di un indennizzo al proprietario nel caso di reiterazione o di tempestiva proroga del vincolo preordinato all'esproprio non attiene alla legittimità del procedimento, riguardando questioni di carattere patrimoniale, che presuppongono la conclusione del procedimento di pianificazione.

Il principio della spettanza di un ristoro nel caso di reiterazione o di tempestiva proroga del vincolo non rileva per la verifica della legittimità dei provvedimenti, che hanno disposto l'approvazione dello strumento urbanistico con la conseguente reiterazione o pr... _OMISSIS_ ...lo, atteso che i profili relativi alla spettanza dell'indennizzo e al suo pagamento non attengono alla legittimità del procedimento, ma riguardano questioni di carattere patrimoniale, che presuppongono la conclusione del procedimento di pianificazione e sono devolute alla cognizione della giurisdizione ordinaria.

Alla luce dell’art. 39, comma 2, del d.p.r. n. 327/2001, non sussiste obbligo per l'Amministrazione di prevedere un indennizzo in caso di reitera del vincolo espropriativo. Sul punto l’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato ha ritenuto che “il principio della spettanza di un indennizzo al proprietario nel caso di reiterazione del vincolo preordinato l’esproprio…. non rileva per la verifica della legittimità del provved... _OMISSIS_ ... grado che ha disposto la reiterazione” (Cons. Stato, ad. plen., 24 maggio 2007, n. 7).

La giurisprudenza è decisamente orientata che anche nell’ipotesi di reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio, l’indennizzo non ne costituisce una condizione di legittimità potendo essere richiesto in separata sede.

Il principio della spettanza di un indennizzo al proprietario nel caso di reiterazione del vincolo preordinato all'esproprio (introdotto nell'ordinamento con la sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 1999), non rileva per la verifica della legittimità del provvedimento che ha disposto la reiterazione, e ciò in quanto in sede di adozione di una variante allo strumento urbanistico, volta all'imposizione del v... _OMISSIS_ ...ativo, l'Amministrazione non può impegnare somme di cui non è certa la spettanza in ordine all'an e al quantum, sia perché potrebbe non seguire l'approvazione regionale, sia perché la quantificazione richiede complessi accertamenti su elementi di fatto che solo il proprietario può rappresentare al termine del procedimento di pianificazione.

La posizione del privato in ordine all’indennizzo conseguente a reiterazione dei vincoli espropriativi è di diritto soggettivo, ai sensi dell’art. 42 Cost., considerata appunto la natura di tali vincoli e l’effetto dagli stessi prodotto sul diritto di proprietà. Ne consegue che non possono essere ritenuti illegittimi atti amministrativi di reiterazione del vincolo espropriativo per la sola omissione della ... _OMISSIS_ ...ndennizzo, una volta che si sia constatata la ragionevolezza della reiterazione, in ordine alla persistenza dell’interesse pubblico, fermo il diritto del proprietario all’indennizzo conseguente alla sua reiterazione.

Come sottolineato dall’Ad. Pl. 7/2007, l'omissione della previsione di indennizzo non inficia la legittimità del provvedimento di reiterazione del vincolo.

L’omessa previsione dell’indenn...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 18059 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 6,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo