Poteri del giudice amministrativo e della P.A. per l'attribuzione di qualificazione urbanistica all'area incisa da vincoli decaduti

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> DECADENZA, REITERAZIONE, INDENNIZZO --> DURATA E DECADENZA --> CONSEGUENZE --> OBBLIGO DI RIPIANIFICAZIONE --> ISTANZA DI RITIPIZZAZIONE --> SILENZIO --> POTERI DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO

La domanda per la declaratoria d'illegittimità del silenzio serbato dall’amministrazione sull’istanza di attribuzione di una destinazione urbanistica al terreno di proprietà privata interessato da vincolo decaduto deve essere accolta, nei limiti dell’obbligo del Comune di adottare una determinazione espressa nell’esercizio dei poteri discrezionali propri dell’Autorità preposta alla pianificazione.

Va dichiarato l'obbligo del Comune di provveder... _OMISSIS_ ...di nuova pianificazione di area interessata da vincolo decaduto dettando una nuova disciplina urbanistica dell’area.

Va dichiarato l’obbligo dell’Amministrazione di pronunciarsi sull’istanza del proprietario volta ad ottenere la riqualificazione di area incisa da vincolo decaduto; deve però escludersi che il giudice possa dare indicazioni concrete circa l'attribuzione di una qualificazione urbanistica al lotto di terreno, data la natura discrezionale della classificazione dei suoli in sede di regolamentazione urbanistica.

Una volta scaduti i vincoli urbanistici, è consentito - in linea di principio - il ricorso al g.a. contro il silenzio mantenuto dall'Amministrazione sull'istanza di ritipizzazione dell'area avanzata dal ... _OMISSIS_ ...tario della stessa. Tale rimedio incontra, però, precisi limiti dato che la sentenza, la quale chiude il giudizio si limita solo ad accertare l'inadempimento all'obbligo di provvedere a causa dell'illegittimità intrinseca del silenzio e, di per sé, non garantisce la piena e totale soddisfazione della pretesa sostanziale. La nuova destinazione urbanistica di un terreno già soggetto a vincoli espropriativi comporta, infatti, una scelta di alta discrezionalità amministrativa, che può essere effettuata in ambito giudiziario, in termini di mera ragionevolezza ed opportunità, solo se ed in quanto si salvaguardino gli equilibri della pianificazione esistente dell'intero ambito territoriale comunale.

Nell'ambito del giudizio sul silenzio, il giudice può conoscere dell... _OMISSIS_ ...ilità dell'istanza, tra l'altro, nell'ipotesi in cui la stessa sia manifestamente infondata, sicché risulti del tutto diseconomico obbligare l’Amministrazione a provvedere laddove l'atto espresso non potrebbe che essere di rigetto. Tale situazione si verifica qualora, a seguito di decadenza del vincolo espropriativo, il proprietario non si limiti a richiedere - come sarebbe suo diritto - la ritipizzazione dell’area ma esiga dal Comune l’esercizio di poteri che, nell’an e nel quomodo, appartengono alla sfera esclusiva della sua discrezionalità.

A fronte della decadenza del vincolo preordinato all'espropriazione, la reazione consentita è di sollecitare l'esercizio del potere pianificatorio da parte della p.a. con conseguente potere del gi... _OMISSIS_ ...ativo, in caso di perdurante inerzia, di dichiarare l'illegittimità del silenzio serbato e l'obbligo di ripianificazione dell'area bianca di proprietà del ricorrente.

Stante il perdurante silenzio dell’Amministrazione comunale sull’istanza diretta alla riqualificazione di area incisa da vincolo decaduto, va dichiarato l’obbligo del Comune intimato di provvedere a normare l’area.

A fronte dell'inerzia dell'Amministrazione a istanza di riqualificazione di area incisa da vincolo decaduto va dichiarato l’obbligo dell’Amministrazione di pronunciarsi; deve però escludersi che il Collegio possa dare indicazioni concrete circa l'attribuzione di una qualificazione urbanistica al lotto di terreno, data la natura discrez... _OMISSIS_ ...assificazione dei suoli in sede di regolamentazione urbanistica.

In materia di pianificazione urbanistica, la sentenza che chiude il giudizio avverso il silenzio deve limitarsi ad accertare l'inadempimento all'obbligo di provvedere a causa dell'illegittimità del silenzio, individuando altresì un ulteriore termine nel quale la p.a. dovrà provvedere; ciò in quanto, trattandosi di attività altamente discrezionale, la potestà giurisdizionale del giudice non può sovrapporsi alle valutazioni riservate all'amministrazione.

La richiesta giudiziale di orientare una specifica scelta di alta discrezionalità amministrativa, quale quella inerente la ripianificazione urbanistica, concerne una pretesa che non può essere oggetto del rito del silenzio. Ci... _OMISSIS_ ...entale ragione che la delibazione giudiziale implicherebbe comunque la destinazione di suoli al di fuori degli specifici e complessi procedimenti urbanistici, che sono previsti dalle leggi regionali al fine di armonizzare i diversi, e contrastanti, interessi coinvolti oltre costituire una diretta ed inammissibile violazione del principio di separazione tra attività amministrativa ed attività giurisdizionale.

Va dichiarato l’obbligo dell’Amministrazione di pronunciarsi sull’istanza di riqualificazione di area incisa da vincoli decaduti; deve però escludersi che il giudice possa dare indicazioni concrete circa l'attribuzione di una qualificazione urbanistica al lotto di terreno, data la natura discrezionale della classificazione dei suoli in se... _OMISSIS_ ...tazione urbanistica.

La sentenza che chiude il giudizio avverso il silenzio a istanza di riqualificazione di area incisa da vincolo decaduto deve limitarsi ad accertare l'inadempimento all'obbligo di provvedere a causa dell'illegittimità del silenzio, individuando altresì un ulteriore termine nel quale la p.a. dovrà provvedere; ciò in quanto, trattandosi di attività altamente discrezionale, la potestà giurisdizionale del giudice non può sovrapporsi alle valutazioni riservate all'amministrazione.

Una volta scaduti, ai sensi dell'art. 2 L. 19 novembre 1968 n. 187, i vincoli urbanistici, è consentita in linea di principio la tipizzazione giurisdizionale del silenzio davanti al giudice amministrativo; tuttavia tale rimedio incontra precisi li... _OMISSIS_ ...za che chiude il giudizio iniziato con il suddetto rito si limita infatti solo ad accertare l'inadempimento all'obbligo di provvedere a causa dell'illegittimità intrinseca del silenzio e, di per sé, non garantisce la piena e totale soddisfazione della pretesa sostanziale.

L'accoglimento del gravame proposto contro il silenzio rifiuto formatosi su una diffida a provvedere sulla definizione urbanistica di un'area già oggetto di vincolo espropriativo scaduto comporta esclusivamente l'obbligo dell'Amministrazione di provvedere sull'istanza del soggetto interessato e di attribuire all'area una specifica e appropriata destinazione urbanistica.

La questione di merito relativa al carattere conformativo od espropriativo dei vincoli esula dal sindacato gi... _OMISSIS_ ...ilenzio-rifiuto, in assenza di fattispecie di immediata percezione (e soluzione) che solamente possono essere definite in tale sede.

Va accolta l’istanza volta all’accertamento dell’obbligo di provvedere e dell’illegittimità del silenzio serbato dall’Amministrazione sulle richieste di definizione urbanistica di aree divenute prive di disciplina a causa della decadenza di vincoli urbanistici preordinati all'espropriazione, con la precisazione c...


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 29595 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 7,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo