Natura del vincolo sulla destinazione a verde pubblico

VINCOLI URBANISTICI ED EDIFICABILITÀ --> VINCOLI URBANISTICI --> ESPROPRIATIVI E CONFORMATIVI --> CONFORMATIVI --> VERDE PUBBLICO

La previsione urbanistica a "verde pubblico" rientra nell’ambito della normale conformazione della proprietà privata, espressione del potere di pianificazione del territorio comunale. Essa è sussumibile tra le ipotesi di qualificazione delle zone territoriali omogenee di cui lo strumento urbanistico primario si compone e, anche se pone preclusione all’edificazione, implicando l’esclusione della possibilità di realizzare qualsiasi opera edilizia incidente sulla destinazione a verde, rimane comunque espressione delle funzioni di ripartizione in zone del territorio, senza determinare vincoli tali... _OMISSIS_ ...otenzialmente il diritto di proprietà nella sua interezza.

Una destinazione a verde pubblico ha caratteristiche di vincolo a carattere non già espropriativo ma conformativo.

Il vincolo imposto sui terreni inclusi in zona F1 (verde pubblico - parco pubblico) è un vincolo conformativo e non un vincolo espropriativo; ciò alla luce dello specifico contenuto delle N.T.A. che consentono una (sia pur ridotta) utilizzazione del bene da parte dei proprietari con conservazione dei manufatti e delle destinazioni d’uso in atto e del fatto che il vincolo imposto sull’area di proprietà privata non svuota totalmente il diritto di proprietà.

La destinazione di un’area a “verde pubblico - verde urbano”, non costituisc... _OMISSIS_ ...ggetto a decadenza ai sensi dell’art. 2 della L. 19 novembre 1968, n. 1187, bensì espressione della potestà conformativa dell’Amministrazione comunale, con validità a tempo indeterminato, laddove sia consentita, anche ad iniziativa del proprietario, la realizzazione di opere e strutture intese all’effettivo godimento del bene, circostanza questa che esclude la configurabilità di uno svuotamento incisivo del contenuto del diritto di proprietà, permanendo, comunque, l'utilizzabilità dell’area rispetto alla sua destinazione naturale.

Riguardo alla destinazione a verde pubblico costituisce evenienza ordinaria il carattere di vincolo conformativo ed assume invece carattere di eccezione l'ipotesi in cui tale destinazione si traduca in ... _OMISSIS_ ...iativo soggetto a decadenza.

Ai sensi dell’art. 2 della l. 19 novembre 1968 n. 1187, costituiscono vincoli soggetti a decadenza quelli preordinati all’espropriazione o che comportino l’inedificabilità e che, di conseguenza, svuotano il contenuto del diritto di proprietà, incidendo sul godimento del bene in modo tale da renderlo inutilizzabile rispetto alla sua destinazione naturale, ovvero diminuendone significativamente il suo valore di scambio, e fra essi non rientra il vincolo di destinazione di “area a verde pubblico - verde urbano”, che costituisce invece espressione della potestà conformativa dell’ente pianificatore, avente validità a tempo indeterminato.

La destinazione di un fondo a verde pubblico - ve... _OMISSIS_ ... giurisprudenza costante, non comporta un vincolo ai carattere espropriativo ma conformativo.

Non ha fondamento l'assunto secondo cui un vincolo di destinazione a verde pubblico integrerebbe necessariamente un vincolo preordinato all'esproprio, trattandosi invece, almeno normalmente, di un vincolo conformativo.

Non si può ravvisare l'imposizione e la reiterazione di vincoli sostanzialmente espropriativi in una fattispecie nella quale un'area viene compresa prima nell'ambito delle zone a verde pubblico di quartiere e poi, viene inclusa nelle zone a verde pubblico attrezzato, con la previsione, in entrambi i casi, di destinazioni, realizzabili anche ad iniziativa privata, quali parchi pubblici di quartiere, attrezzature culturali e ricreative, pos... _OMISSIS_ ...i fruizione collettiva. L'inclusione dell'area in una più ampia zona con una destinazione omogenea e la possibilità di uno sfruttamento economico ad iniziativa privata escludono, infatti, la ricorrenza di indennizzabili vincoli sostanzialmente espropriativi sia per la natura conformativa dei vincoli, sia per l'assenza di un pregiudizio indennizzabile per il privato che può attuare l'intervento previsto dal P.R.G.

E' costante l’orientamento per cui, in particolare, i vincoli a verde pubblico, giustificati da ragioni di tutela ambientale, non danno, in linea di principio, titolo ad indennizzo alcuno, in quanto conformativi.

La destinazione a verde pubblico non determina l’apposizione di alcun vincolo preordinato all’esproprio, qu... _OMISSIS_ ...isione sia accompagnata dalla dichiarazione dell'Amministrazione, di non voler pregiudicare il mantenimento dell’attività produttiva in essere.

La previsione di una tipologia a "verde pubblico" non configura un vincolo preordinato ad esproprio né un'inedificabilità assoluta, in quanto si tratta di prescrizione normalmente diretta a regolare concretamente l'attività edilizia, che attiene ad una potestà conformativa propria dello strumento urbanistico generale, la cui validità è a tempo indeterminato, come stabilito dall'art. 11 L.17 agosto 1942, n.1150 (Legge urbanistica).

E’ da escludersi la natura espropriativa del vincolo di destinazione a servizi pubblici di interesse generale (verde e parco pubblico), qualora le norme u... _OMISSIS_ ...sentano la realizzazione delle attrezzature anche ai proprietari delle aree e, in caso di cessione gratuita delle aree, il riconoscimento a titolo di compensazione di diritti edificatori.

La previsione di una tipologia a “verde pubblico” non configura un vincolo preordinato ad esproprio né un'inedificabilità assoluta, in quanto si tratta di prescrizione normalmente diretta a regolare concretamente l’attività edilizia, che attiene ad una potestà conformativa propria dello strumento urbanistico generale, la cui validità è a tempo indeterminato, come stabilito dall’art. 11 l.17 agosto 1942, n.1150.

La previsione di una tipologia urbanistica “a verde pubblico” non configura né un vincolo preordinato all'espropriaz... _OMISSIS_ ...un'inedificabilità assoluta, in quanto si tratta di una prescrizione normalmente diretta a regolare concretamente l'attività edilizia, che attiene ad una “potestà conformativa” che è propria dello strumento urbanistico generale, e la cui validità è a tempo indeterminato, come espressamente stabilito dall'art. 11, l. 17 agosto 1942 n. 1150.

E' pacifica la natura conformativa della destinazione a verde.

Le destinazione a parchi e giardini e quindi verde pubblico, alla stregua della prevalente giurisprudenza, non hanno una valenza espropriativa costituendo espressione di una potestà conformativa connessa alle previsioni dello strumento urbanistico.

La destinazione a verde pubblico (così come, ad esempio, ad attrezz... _OMISSIS_ ...e o sportive), data dal piano regolatore ad aree di proprietà privata, non comporta l'imposizione sulle stesse di un vincolo espropriativo, ma solo di un vincolo conformativo, che è funzionale all'interesse pubblico generale conseguente alla zonizzazione, effettuata dallo strumento urbanistico.

Deve farsi rientrare tra i ...<


...continua.  Qui sono visibili 8000 su 29804 caratteri complessivi dell'articolo.

Il presente articolo è un'aggregazione di sintesi giurisprudenziali estrapolate da un nostro codice o repertorio. Il cliente può acquistare - quando superiore a una certa lunghezza - il semplice articolo così come appare in questa pagina, senza gli omissis e senza la limitazione quantitativa. Tuttavia, nel caso occorrano informazioni più complete, si invita ad acquistare il codice o repertorio, dove le sintesi qui visibili sono associate agli estremi e agli estratti originali delle sentenze a cui si riferiscono (vedasi il sampler del prodotto).

Acquista per soli 4,00 € l'articolo, che ti verrà inviato via mail e che potrai scaricarti dalla tua area privata nella sua interezza e senza omissis.

Acquista articolo